Università in Palestina sotto occupazione - Intervista a Imad Abu Kishek (rettore della Al Quds University)

Università in Palestina sotto occupazione - Intervista a Imad Abu Kishek (rettore della Al Quds University)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Clara Statello


In uno Stato occupato, l’università rappresenta un baluardo di resistenza, in quanto offre l’opportunità ad un popolo di costruire il proprio futuro. Questa è la ragione per cui l’università Al Quds, l’unica università araba di Gerusalemme, è sempre stata il target delle incursioni dell’esercito israeliano, da molto prima dell’inizio del massacro di Gaza. Il suo rettore, il dott. Imad Abu Kishek, nella sua intervista a L’Antidiplomatico, ha raccontato come gli studenti sono stati spesso gli obiettivi non solo dei militari ma anche dei coloni israeliani.

La guerra ha soltanto amplificato la violenza e la brutalità dell’occupazione. Le politiche di apartheid sono diventate più dure, mettendo a serio rischio la vita universitaria. La ricerca è ostacolata anche dall’impossibilità di controllare i confini, che rende difficile lo sviluppo delle relazioni internazionali.

“Non possiamo avere studenti dal mondo arabo o dall’Europa se non per un breve periodo di tempo, perché non possiamo controllare i nostri confini in quanto palestinesi e Israele concede loro visti solo per tre mesi, come turisti”.

Nonostante ciò, l’università Al Quds ha ottenuto 5 stelle del prestigioso QS World University Ranking e sviluppa la propria vocazione internazionale stringendo accordi di cooperazione con gli atenei di altri Paesi, inclusi quelli della sponda Nord del Mediterraneo.

Il dott. Kishek è venuto in Italia per rafforzare i rapporti di scambio e ricerca con università e imprese italiane. Mercoledì 22 novembre la sua delegazione è stata ricevuta in udienza da Papa Francesco, per un importante con il Vaticano a Gerusalemme. Lo abbiamo incontrato il venerdì successivo, in provincia di Catania, dove si trovava per ricevere un premio.

Kishek ha ricordato i tradizionali rapporti di amicizia con gli istituti italiani, ma per la prima volta, con il governo di Giorgia Meloni, ha ricevuto una brutta sorpresa dall’Italia.

 

Intervista completa disponibile per i nostri abbonati YouTube.  Abbonati ora. 

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti