Vertice Ginevra. Mosca: gli statunitensi "sottovalutano la gravità della situazione"

Vertice Ginevra. Mosca: gli statunitensi "sottovalutano la gravità della situazione"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dopo le discussioni di oggi in Svizzera sul futuro della sicurezza europea, il capo negoziatore russo ha avvertito che le sue controparti nordamericane "sottovalutano la gravità della situazione".

Mentre la delegazione statunitense è venuta a Ginevra per discussioni "serie" sulle proposte di sicurezza europee di Mosca, non è riuscita a mostrare la comprensione di come le questioni chiave debbano essere risolte, ha affermato il vice ministro degli Esteri Sergey Ryabkov. 

La Russia ha messo tutte le sue carte in tavola nelle proposte rese pubbliche il mese scorso, ha insistito Ryabkov, e quelle rappresentano "richieste dalle quali non possiamo tirarci indietro".

Il diplomatico russo ha definito i colloqui di Ginevra come utili perché hanno affrontato questioni precedentemente considerate fuori discussione, precisando di non ritenere che la situazione sia senza speranza. La più grande differenza di opinioni tra gli Stati Uniti e la Russia riguarda l'ulteriore espansione del blocco militare della NATO di Washington. 

"Per noi, è assolutamente obbligatorio assicurarsi che l'Ucraina non diventi mai un membro della NATO", ha ribadito Ryabkov.  

"Siamo stufi di chiacchiere, mezze promesse, interpretazioni errate di ciò che è accaduto in diversi negoziati a porte chiuse", ha spiegato, riferendosi alle affermazioni del Dipartimento di Stato degli ultimi giorni secondo cui la NATO e gli Stati Uniti non hanno mai promesso a Mosca che la NATO non si sarebbe ampliata verso est.

"Non ci fidiamo dell'altra parte", ha detto Ryabkov. "È finita, basta".

Dopo i colloqui di lunedì a Ginevra, Ryabkov incontrerà i rappresentanti della NATO mercoledì e l'OSCE il 13 gennaio, dopodiché Mosca deciderà se proseguire ulteriormente i negoziati.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano" di Francesco Santoianni Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano"

Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

"Io me li ricordo i bulloni degli operai incazzati in piazza" di Pasquale Cicalese "Io me li ricordo i bulloni degli operai incazzati in piazza"

"Io me li ricordo i bulloni degli operai incazzati in piazza"

DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO di Gilberto Trombetta DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO

DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti