/ (Video) Muore di cancro il prigioniero palestinese Sami Abu Diak ...

(Video) Muore di cancro il prigioniero palestinese Sami Abu Diak per le negligenze mediche di Israele che non gli ha neanche concesso di vivere gli ultimi momenti con i suoi cari

 

Prima della sua morte, l'ultimo messaggio di Abu Diak è stato: "Per coloro che hanno coscienza .... Sto vivendo le mie ultime ore e giorni, non c'è niente che vorrei più di spenderli vicino a mia madre; tra i miei cari mi piacerebbe pronunciare il mio ultimo respiro tra le braccia di mia madre; non voglio morire ammanettato e incatenato. "
 

Il prigioniero palestinese Sami Abu Diak è morto dopo una lunga sofferenza a causa di un cancro. Diak è stato anche vittima della negligenza medica nelle carceri israeliane.

 
Giorni prima della sua morte, Abu Diak, ormai moribondo, aveva espresso il desiderio di trascorrere gli ultimi momenti con la sua famiglia, una richiesta che è stata respinta dalle autorità di occupazione.
 
La madre del prigioniero palestinese aveva precedentemente riferito ad Al Mayadeen che la situazione sanitaria di suo figlio si era notevolmente deteriorata.

 
Aveva raccontato che Abu Diak dopo averlo incontrato su una sedia a rotelle, avevo trascorso solo un quarto d'ora con lui. Quindi è stato portato all'ospedale della prigione dopo che le guardie carcerarie israeliane lo avevano legato a mani e piedi.
 
Abu Diak era in carcere da 18 anni e doveva scontare tre ergastoli. Fu arrestato il 17 luglio 2002.
 
La diagnosi di cancro intestinale era nota dall'agosto 2015. Ha subito un intervento chirurgico, dopo che le autorità carcerarie lo hanno trasferito al Centro medico Soroka; Tuttavia, una valutazione inadeguata e un errore medico hanno comportato gravi complicazioni.
 
Abu Diak ha subito diversi interventi chirurgici e ha subito ulteriori complicazioni, tra cui l'insufficienza polmonare e renale.
 
Prima della sua morte, il messaggio finale di Abu Diak è stato questo: "Per coloro che hanno coscienza .... Sto vivendo le mie ultime ore e giorni, non c'è niente che vorrei di che trascorrerli vicino a mia madre; tra i miei cari. Mi piacerebbe pronunciare il mio ultimo respiro tra le braccia di mia madre; non voglio morire ammanettato e incatenato."
 
"Non voglio morire", ha detto, "di fronte a un carceriere che si nutre del nostro dolore e della nostra sofferenza. Le mie parole raggiungeranno le orecchie e le menti dei leader?! Dico loro che se muoio lontano da mia madre, mai lo Perdonerò .... "
 
 

 
 
Sami Abu Diak proveniva dalla città di Sielet, Ath-Thaher, nel sud della città di Jenin, in Cisgiordania.
 
Dopo aver ascoltato la triste notizia, la presidenza palestinese ha accusato (Israele) dell'accaduto, mentre i movimenti palestinesi hanno sottolineato che "la politica di negligenza medica contro i nostri eroici prigionieri rappresenta una chiara aggressione contro tutte le convenzioni internazionali".
 
Da parte sua, l'Associazione Waed per i prigionieri ha ratificato che "tutti i leader del nostro popolo e la loro resistenza devono avere l'ultima parola per fermare i criminali israeliani contro i prigionieri malati".
 
Il movimento palestinese della Jihad islamica ha sottolineato che la morte del prigioniero palestinese è un'ulteriore prova del terrorismo israeliano. Ha aggiunto che l'occupazione ha ignorato il dolore di Abu Diak e che le organizzazioni internazionali hanno taciuto su questo omicidio.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa