44 milioni di americani soffrono la fame? “Lasciateli mangiare i rapporti sul PIL”

44 milioni di americani soffrono la fame? “Lasciateli mangiare i rapporti sul PIL”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Come ha riportato il portale Common Dreams, attraverso una dichiarazione sarcastica, gruppo statunitense contro la povertà ha celebrato il pesce d’aprile con una dichiarazione sarcastica che invita gli americani a mangiare le statistiche economiche positive sull'impennata del mercato azionario o sulla crescita del prodotto interno lordo".

"Lasciate che mangino i rapporti sul PIL", ha dichiarato Hunger Free America a proposito dei 44 milioni di americani - tra cui 13 milioni di bambini - che vivono in famiglie con insicurezza alimentare, secondo il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti.

La giornalista di Common Dreams Jessica Corbett è partita dalla premessa ce il “PIL è il valore di mercato di tutti i beni e servizi finiti prodotti in un Paese in un determinato periodo di tempo. I critici hanno a lungo sostenuto che non è possibile utilizzarlo come indicatore principale dell'andamento di una nazione.”

La vecchia scuola delle élite che combattevano la fame era quella di dire "lasciateli mangiare la torta"", ha dichiarato Joel Berg, amministratore delegato di Hunger Free America. I tempi sono cambiati, ed è più moderno dire: "Lasciate che mangino un rapporto sulla crescita del PIL della nazione, anche se il rapporto offre calorie vuote"".

"Concentrandosi soprattutto su statistiche economiche che avvantaggiano soprattutto i ricchi, come gli indici azionari, le élite politiche e mediatiche della nazione trascurano allegramente le prove concrete che l'economia è ancora strutturalmente instabile per ampie fasce di popolazione, e poi quelle stesse élite si chiedono come mai l’opinione pubblica dica ai sondaggisti di non essere ancora soddisfatto dell'economia", ha spiegato Berg.

"Le moltitudini impoverite del Paese possono ora mangiare tutto quello che possono mangiare, ammesso che riescano a digerire le pagine dei rapporti cartacei", ha aggiunto sarcasticamente.

Berg ha poi ironizzato: "Ma la buona notizia è che ora tutto questo non ha più importanza, perché camion di rapporti economici positivi vengono spediti alle banche del cibo, alle mense dei poveri e alle dispense alimentari in tutta la nazione, e le moltitudini impoverite del Paese possono ora avere tutto ciò che possono mangiare - a patto che riescano a digerire le pagine dei rapporti di carta e le copertine dei rapporti di cartone, e non si preoccupino di un po' di inchiostro velenoso".

Corbett ha ricordato che, mentre l'inflazione si è attenuata negli Stati Uniti negli ultimi due anni, sulla scia della pandemia di Covid-19, le aziende hanno praticato prezzi stracciati che hanno mantenuto alti i costi per gli americani, ovunque, dalle pompe di benzina ai negozi di alimentari ai fast food.

"Una cosa è che le aziende scarichino sui consumatori un ragionevole aumento dei costi. Un'altra cosa è che riempiano i loro forzieri sfruttando gli americani che cercano solo di tirare avanti", aveva denunciato a gennaio Liz Pancotti della Groundwork Collaborative, mentre il gruppo pubblicava un rapporto correlato. "È giunto il momento di porre un freno ai prezzi stracciati delle imprese, o le famiglie continueranno a pagarne il prezzo".

I dati pubblicati il mese scorso dalla Federal Reserve mostrano che l’1% degli americani è il più ricco di sempre, con una ricchezza collettiva di 44,6 trilioni di dollari, un record in gran parte trainato dal mercato azionario.

Corbett ha sottolineato che “il presidente Joe Biden e alcuni legislatori democratici progressisti hanno recentemente rinnovato l'invito a imporre tasse sulla ricchezza, ma non si prevede che tali proposte passino nel Congresso.”

Nel frattempo, ha precisato la giornalista, “il salario minimo federale è di 7,25 dollari l'ora, e lo è dal 2009. Sebbene i politici statali si siano attivati per aumentare la retribuzione di alcuni o di tutti i lavoratori, anche la legislazione nazionale per aumentare i salari non è riuscita a passare al Congresso.”

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti