World Affairs/Ci raccontano dell'incubo Coronavirus dalla Cina, ma in Africa uc...

Ci raccontano dell'incubo Coronavirus dalla Cina, ma in Africa uccide la malnutrizione e l'invasione di locuste fa paura

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

Intervista al dottor Leopoldo Salmaso



di Patrizia Cecconi
 

 

Da oltre un mese il virus del terrore occupa un posto di primo piano nei media occidentali, ed esperti di diversa caratura vengono intervistati più o meno ovunque.

Tutto giusto, i cittadini hanno il diritto di essere informati per potersi difendere dal virus che ha aggredito la Cina e che si teme infetti il mondo.

Però, a ben guardare, facendo un rapporto con la popolazione, i numeri delle vittime e dei contagiati rappresentano percentuali irrisorie rispetto a quelli di batteri o virus “banali” come le comuni influenze stagionali per le quali si arriva fino a 500.000 morti l’anno nel mondo.

 

Senza sottovalutare l’aggressività del virus e la sua capacità di diffusione, visto in un’ottica comparativa il suo impatto verrebbe a ridimensionarsi e non si arriverebbe alla psicosi che ha fatto emergere fenomeni di razzismo anti-cinese da un lato e teorie complottistiche dall’altro, oltre a irresponsabili esternazioni di politicanti e pennivendoli, finalizzate a creare insicurezza e conseguente intolleranza.

 

Di interviste a virologi, microbiologi, ricercatori ed esperti di ogni tipo ce n’è stata una quantità incredibile e quindi l’ennesima intervista potrebbe considerarsi superflua, però non lo è se il medico in questione, specialista in Malattie Infettive e Tropicali, nonché in Sanità Pubblica, da 42 anni si alterna tra l’Italia e l’Africa e di epidemie ne ha viste, seguite e combattute tante direttamente sul campo.

 

Per questo abbiamo deciso di intervistare il dr. Leopoldo Salmaso e riusciamo a prenderlo mentre è in partenza per la Tanzanìa, dove porta avanti progetti sanitari, in particolare per bambini. Iniziamo l’intervista in Italia il 9 febbraio, ma la concluderemo telefonicamente dalla Tanzanìa il 14.

 

Il dr. Salmaso è di Padova e la prima domanda che gli facciamo riguarda una “direttiva” della Regione Veneto, pubblicata sui giornali regionali il 29 gennaio, secondo la quale i medici di famiglia avrebbero dovuto ricoverare tutti i pazienti sospettabili di infezione da Nuovo Coronavirus, e porre in isolamento domiciliare tutti i loro contatti, cosa che, date le comuni malattie da raffreddamento di fine gennaio, avrebbe rappresentato una situazione a dir poco kafkiana per l’impossibilità di reperire anche solo un decimo dei posti letto necessari. Inoltre, una notizia del genere lasciava intendere che l’Italia fosse gravemente minacciata e, indirettamente, alimentava la caccia all’untore, concretizzatasi proprio nel Veneto dove si sono avuti i primi fenomeni di razzismo contro alcuni cinesi.

 

D: Dr. Salmaso, abbiamo letto di questa circolare della regione Veneto e le chiediamo: realmente i medici di base hanno proceduto all’internamento di tutti i pazienti con febbre?

 

R: Guardi, nel bollettino regionale non c'è ancora nulla, però i giornalisti avranno pure avuto l'imbeccata da qualcuno...

 

D: Che la circolare fosse reale, o che i giornalisti abbiano capito male, resta il fatto che il coronavirus sta terrorizzando tutti per la riferita facilità di trasmissione. Se si ascolta una conversazione al bar si percepisce una clima di inquietudine, come se il virus fosse là, pronto ad aggredire noi e i nostri figli.

 

R: Con tutta l’attenzione dovuta a questo virus, vorrei rimarcare che più della metà delle morti di bambini sotto i 5 anni, e parliamo di oltre 5 milioni e mezzo ogni anno nel mondo, è causata da banali affezioni respiratorie o da ancor più banali malattie diarroiche, che uccidono semplicemente perché aggrediscono corpi debilitati da malnutrizione.

 

D: Capisco, ma questo non ha a che fare col virus cinese che al momento sta allarmando il globo e che è considerato un vero e proprio killer.

 

R: Se parliamo di killer dobbiamo anche considerare il numero di morti che fa, allora io le dico che IL PRIMO KILLER IN ASSOLUTO in tutta la storia del mondo e dell’umanità è stato ed è la malnutrizione.

 

D: Dr. Salmaso, non ho motivo di mettere in dubbio le sue parole e so che lei ha lavorato nelle zone più povere del mondo, collaborando anche col dr. Carlo Urbani, il medico che identificò la Sars nel 2002 e ne rimase colpito mortalmente. Però ora vorrei sapere la sua opinione su questo coronavirus, su come poterne evitare il contagio e sulla reale portata del rischio che si corre.

 

R: Bene, allora questo coronavirus ha un tasso di contagiosità del 2,5, mentre il tasso di contagiosità del morbillo è 15. Ciò significa che, partendo dal primo contagiato, dopo quattro passaggi il Nuovo Coronavirus avrà infettato 39 persone, mentre il virus del Morbillo ne avrà infettate... ascolti bene: 50.625. E sa perché un normale Morbillo è un killer tanto temibile per i bambini africani? Perché sono malnutriti. Quindi il semplice morbillo rappresenta un rischio a livello globale ben più alto del coronavirus, ma non genera terrore.

 

D: Ok, ma al momento i morti per il nuovo coronavirus sono oltre 1.000 e gli infettati oltre 40.000, di cui 390 fuori dalla Cina (alla fine dell’intervista saranno molti di più. Questi dati sono riferiti al 9 febbraio. Nda)

 

R: Sì, e questi dati fanno paura a persone ben nutrite, che temono di non riuscire a cavarsela, mentre il virus del Morbillo, o il comunissimo batterio Escherichia coli, non ci preoccupano perché la possibilità di esserne infettati è bassissima, e quella di morirci è quasi zero. Noi abbiamo acqua potabile e cibo abbondante. E’ chiaro il concetto?

 

D: Chiarissimo, però gli infettati crescono e i morti pure. E il killer sta varcando i confini nonostante le misure (forse tardive?) prese dalle autorità cinesi.

 

R: Intanto le massime autorità mondiali hanno riconosciuto che, forse per riscattarsi dalla reale negligenza dimostrata in occasione della SARS, questa volta i cinesi hanno reagito con una tempestività ed efficienza quantomeno pari a quella occidentale. Noi poi chiamiamo killer un virus che su una popolazione di 1 miliardo e mezzo di individui ne ha uccisi 1.000, più forse 3 o 4 fuori dalla Cina, ma non badiamo a un killer che miete milioni di vittime non tanto per la sua virulenza quanto per la debolezza dovuta a povertà estrema dei corpi in cui si insedia.
Le sembrano paragonabili 140.000 morti di morbillo con 776 morti di SARS, per esempio? E guardi che
di SARS è morta una delle persone più degne e più generose che io abbia conosciuto nel mio lavoro tra i disgraziati della terra, il dr. Urbani da lei citato, ma credo che lui le risponderebbe più o meno come sto facendo io.

 

D: Dr. Salmaso, credo di capire che il suo lavoro in Africa e il suo stare a contatto con situazioni per noi immaginabili solo attraverso il filtro televisivo, influenzi il suo pensiero, ma ai nostri lettori, fossero anche solo una decina, vorremmo far arrivare il suo punto di vista, quello dello specialista in malattie infettive che con i microbi e i loro effetti letali ci combatte ogni giorno, il suo punto di vista rispetto a questo preciso virus che sta creando panico anche nel nostro Paese.

 

R: Ha ragione, quando si lavora per anni in situazioni dove la morte è sempre dietro l’angolo e si organizza una rete vaccinale per salvare qualche decina di migliaia di bambini sapendo che, se le loro condizioni di vita fossero diverse, non morirebbero, vaccinati o no, i confronti vengono spontanei.
Sì, ho avuto il “privilegio” di
battermi insieme al dr. Carlo Urbani e ad altri Colleghi per togliere i brevetti sui farmaci anti-AIDS che strangolavano l’Africa subsahariana, e ho avuto esperienze sconcertanti con il rappresentante degli USA (tramite la potente ong USAID) che tentò di vanificare la deliberazione di tutte le autorità competenti, e di tutte le ong che allora rappresentavo in Tanzania nel Fondo Globale per la lotta contro AIDS, Malaria, e Tubercolosi. Proprio per questo non considero il Nuovo Coronavirus un flagello del Signore. Flagello fu la terribile influenza “Spagnola” di cento anni fa, che fece oltre 50 milioni di morti in tutto il mondo, cioè più di tutti quelli uccisi nella Prima Guerra Mondiale. Credo sia una questione di onestà professionale confrontare queste situazioni, e di conseguenza ridimensionare di molto la pericolosità di questo virus.

 

D: E’ senz’altro comprensibile, ma sembra di capire che secondo lei si sta montando un eccessivo interesse e una sorta di terrorismo psicologico sul coronavirus che investe la Cina, considerandola colpevole invece che a sua volta vittima. E’ così?

 

R: In un certo senso sì. Ancora non si era arrivati a 300 o 400 contagi su una popolazione di 12 milioni di abitanti nella città di Wuhan, che già i social erano pieni di fake. Video che mostravano persone accasciarsi a terra come colpite da una fucilata, o racconti che sembravano tratti dal romanzo “Cecità” di Saramago, per non parlare di alcuni cosiddetti esperti che non conoscevano neanche la differenza tra un virus e un batterio ma che invitavano a stare lontani da tutto ciò che avesse attinenza anche solo virtuale con la Cina. Quello che si sta diffondendo è il virus del terrore, perché il coronavirus si diffonde sì nell’aria attraverso le micro goccioline espulse con un colpo di tosse o uno sternuto, ma per ridurre il rischio di contagio basta seguire le regole di igiene basilari, quelle che si insegnano ai bambini, prima tra tutte quella di lavarsi le mani col sapone. Noi che acqua corrente e sapone ne abbiamo in abbondanza!

 

D: Quindi l’igiene al primo posto ci salverebbe anche dalle comuni influenze?

 

R: Se per “salvare” lei intende l’impossibilità di essere contagiati, ovviamente no. Ma ridurrebbe di molto le probabilità di contagio e non si arriverebbe alle centinaia di migliaia di morti che abbiamo ogni anno per le comuni influenze, che però non terrorizzano il mondo perché nessun giornalista scrive, come il Corriere della Sera e altri quotidiani importanti roba tipo: “scoperto il super diffusore che ha infettato decine di persone” riferendosi a un uomo d’affari che, ignaro di essere portatore sano, è andato ad alcuni meeting. Me lo lasci dire da cittadino e non da medico, chi mette titoli del genere sta incitando alla caccia all’untore e sta commettendo un’azione delinquenziale.

 

D: Allora le chiedo cosa pensa delle scoperte che sono state fatte su questo virus da parte di tre ricercatrici italiane

 

R: Hanno fatto il loro lavoro e lo hanno fatto bene. Ho letto che volevano portarle a Sanremo come fenomeni da esibire, ma essendo ricercatrici serie hanno rifiutato l’invito. Però le faccio presente che già i ricercatori cinesi avevano pubblicato l'intera sequenza genetica del Nuovo Coronavirus, ed hanno anche confermato che l’antimalarico clorochina può inibire in vitro l'infezione da Nuovo Coronavirus. La clorochina, che tra l’altro costa pochissimo, è in grado di bloccare alcune infezioni virali, come già dimostrato nel virus della SARS.

 

D: Lei sta guardando l’orologio e la valigia dottore, non le farò perdere l’aereo per la Tanzanìa, ma vorrei ancora farle qualche domanda. Si è parlato dei pipistrelli cinesi (cinesi anche loro) come possibili portatori che avrebbero infettato l’uomo. Le sembra possibile?

 

R: La famiglia dei coronavirus è preistorica, i suoi ceppi datano oltre un miliardo di anni e convivono con molte famiglie animali, dai pesci ai mammiferi. I pipistrelli sono mammiferi situati in un peculiare incrocio fra habitat aereo, terrestre e acquatico. Ciò ne fa un “serbatoio concentrato” di agenti infettivi. Il loro sistema immunitario – come dimostrato recentemente dai ricercatori di Berkeley – è particolarmente efficiente, perciò essi selezionano varianti sempre più aggressive di agenti patogeni. Quindi sì, mi sembra assolutamente possibile. Del resto il passaggio di virus e batteri dagli animali all’uomo, in determinati contesti ecologico-evolutivi, è da considerarsi normale. I coronavirus possono provocare un banale raffreddore o evolvere in forme ben più gravi come nel caso della SARS, che comunque ebbe una letalità (rapporto tra contagiati e deceduti) 5 volte superiore al Nuovo Coronavirus.

Fra poco devo andare ma siccome in questi giorni usciranno altri aggiornamenti, se non ha urgenza di pubblicare l’intervista sentiamoci per telefono dalla Tanzanìa.

 

D: Posso chiederle qual è il progetto che sta seguendo ora?

 

R: Abbiamo appena completato un acquedotto a Kisiju, nella regione Costale, che porta acqua potabile a 7.000 persone. E’ una piccola cosa rispetto all’ampiezza dei problemi africani, ma lei sa cosa significa? Significa che nei prossimi anni sarà salvata la vita a qualche migliaio di persone, soprattutto bambini, a prescindere dalle misure contro il colera. E’ vero che qualche casa farmaceutica avrà meno occasioni di profitto, ma settemila persone avranno l’acqua potabile. Se vuole le manderò qualche foto.



D: Perfetto, dottore. Allora concluderemo l’intervista tra qualche giorno. Aspetto le sue foto e le auguro buon viaggio.

 

Questa conversazione avveniva domenica 9 febbraio. Avremmo anche potuto chiudere qui, ma qualche domanda era rimasta in sospeso e così, grazie ai prodigi delle tecnologia, abbiamo potuto concluderla a distanza.

 

D: Buongiorno dr. Salmaso, ho visto che avete inaugurato l’acquedotto e ho avuto le sue foto, se mi autorizza ne pubblico qualcuna, anche se suonerà un po’ bizzarro inserire foto dell’Africa in un testo che riguarda un virus cinese, ma la Cina ha molti scambi economici con l’Africa e tutto torna.

 

R: L’autorizzo senz’altro, perché gli abitanti dei nostri villaggi sanno che facciamo un uso rispettoso delle loro immagini.

 

D: Bene, i notiziari ci informano che in Cina sono iniziate le epurazioni di responsabili che, secondo il potere centrale, non hanno saputo attuare le giuste pratiche per contenere il contagio. La prima domanda che ci si pone è: si stanno cercando capri espiatori? Oppure ci sono dati nascosti e magari le vittime non sono 1400 ma magari più di 10.000 e siamo tutti seriamente a rischio? Il povero dr. Li, che a fine dicembre aveva messo in guardia contro un possibile virus letale, fu redarguito severamente per aver creato “inutile allarmismo”. Poi il dr. Lì, sebbene curato con molta attenzione ha fatto la fine del dr. Urbani: aveva capito prima degli altri ed è morto proprio per il virus di cui aveva intuito la pericolosità. Cosa dice ai nostri lettori rispetto a questo?

 

R: Onore al bravo dr. Lì. Per quanto riguarda le defenestrazioni, credo che di sicuro servano politicamente, e credo che gli ufficiali rimossi, se hanno delle colpe, siano veniali. La cosa che escluderei è che i morti siano 10.000 e non 1400. Ho appena letto che gli operatori sanitari contagiati sono 1600 e di questi ne sono morti 6, tra cui il dottor Lì. Numeri importanti, ma che vanno rapportati ad altre epidemie, a cominciare dall'influenza tutt’ora in corso in occidente.

 

D: Quindi lei insiste sull’ “inutile allarmismo”?

 

R: No, io insisto sul “dannoso allarmismo”. Non vorrei ripetermi circa la letalità dovuta a diverse malattie “comuni” che registriamo in tutto il mondo, compresi i ricchi e democratici USA, se non per dedurre che si sta montando un caso con l'evidente scopo di danneggiare economicamente il paese più popoloso e più produttivo del mondo.

 

D: Sì certo, ma intanto ieri è morto il primo malato in Giappone, una signora ottantenne. Una nostra cronista televisiva ha così commentato: a questo punto tutta l’Asia trema.

 

R: Tutta l’Asia trema perché, a causa del Nuovo Coronavirus, è morta una persona molto anziana, quindi con ridotte difese immunitarie? Quante altre persone sono morte in Giappone per altri virus non lo diciamo... Se segue il mio discorso converrà che si sta lavorando “oltre” questo virus, che comunque esiste e confido che venga neutralizzato al più presto. Probabilmente fra tre mesi sarà solo un brutto ricordo. Ho detto fra tre mesi, cioè prima ancora che si sia pronto il vaccino, ma intanto “il gigante cinese” sarà stato ferito. Ma attenzione, la Cina importa ed esporta, non è una monade ma parte di una rete, quindi la battuta d'arresto cinese rischia di portarsi dietro anche i suoi partner commerciali, soprattutto occidentali.

 

D: Quindi lei pensa che si stia attaccando l’economia cinese approfittando del virus di Wuhan? O pensa che il virus sia stato creato ad hoc come qualcuno, senza alcuna prova, ha voluto immaginare fin dall’inizio?

 

R: Guardi, io non faccio parte della rete dei complottisti astratti. Lavoro da troppi anni sulle malattie infettive e conosco bene come i microorganismi possono attaccare l’uomo sia per vie del tutto naturali, sia per essere sfuggiti al controllo di “apprendisti stregoni”. Perché puntare il dito contro il laboratorio di Wuhan quando nei laboratori, militari e non solo, di mezzo mondo, in primis USA e Israele, si conserva il virus del Vaiolo che, pure, l'OMS ha dichiarato estinto su questo pianeta fin dagli anni '70? E si manipola il batterio della Peste per potenziarne la variante polmonare, ben più micidiale della storica “Peste bubbonica”? La RAI giorni fa ha diffuso un lungo servizio sulla peste bubbonica, a che pro? L'ha forse collegato con le ricerche dei NOSTRI laboratori? I nostri laboratori e la RAI sono pagati coi soldi del contribuente italiano per fare che cosa? Il virus Marburg, precursore di Ebola, non prende forse il nome dalla città tedesca in cui falcidiò gli incauti ricercatori?...

Queste sono domande vere, non stracciarsi le vesti per il laboratorio di Wuhan che, nella peggiore delle ipotesi, sarebbe un “povero untorello”.

La mia conclusione è semplice: il Nuovo Coronavirus esiste, e probabilmente non sapremo mai perché ha avuto come suo focolaio proprio la città di Wuhan. Potremo fare ipotesi, questo sì, ma dovremo avere l’onesta intellettuale e la serietà scientifica di definirle ipotesi. Di certo sappiamo che l’igiene riduce il rischio di contagio, e una buona resistenza immunitaria riduce la letalità.

 

D: Ho visto che qualche ingegnoso tecnologo cinese ha messo a punto una app per difendersi dal contagio utilizzando un semplice smartphone. Il programma si chiama Close Contact Detector. Lo ritiene possibile?

 

R: Sì, è possibile, in fondo l'app è uno strumento semplice per identificare i possibili contatti a partire da un caso accertato. E aggiungo che conoscendo la grande creatività, la tenacia e le abilità tecnologiche di questo popolo che in pochi anni ha fatto della Cina un gigante, direi che sarà più facile recuperare il danno economico per la Cina che non per i paesi suoi partner commerciali. Tagliare i voli da e per la Cina danneggia la Cina, ma anche le compagnie aeree e il settore turistico extra-cinese. Vogliamo poi parlare delle importazioni di greggio? La Cina è il più grosso importatore al mondo, se ridurrà l’importazione i danni li pagheranno anche i paesi esportatori: guarda caso, in primis l'Iran!
Insomma, nel mondo globalizzato di cui la Cina fa parte, se si interrompe la catena di scambi il danno riguarderà tutti anche se questo virus non si diffonde attraverso gli scambi commerciali!

 

D: Sì, ma il danno economico è conseguente al virus ed è del virus che vorrei parlare, soprattutto della convinzione, in costante crescita, che presto tutto il mondo sarà infettato. Il direttore generale dell’OMS ha fatto l’esempio del medico cinese che diffuse la SARS fuori della Cina, pur essendo sano, infettando ospiti del suo albergo che poi portarono la malattia nei loro paesi. Non sazio di ciò ha indicato al mondo l’uomo d’affari britannico che, pur non avendo mai messo piede in Cina ma a Singapore, si è trovato ad essere infettato e infettante, e i giornali italiani lo hanno a loro volta additato come “grande diffusore”, una sorta di grande untore di manzoniana memoria, grazie alle dichiarazioni dell’OMS che lo avevano definito come una possibile “scintilla che crea un incendio ancora più grande”.

 

R: Grazie per questa sua domanda retorica. Ricordiamoci che nel 2003, con circa 8.000 infettati e 776 deceduti in tutto il mondo, si parlò di pandemia, il che era assolutamente scorretto in base a tutte le convenzioni vigenti.

Ora che gli infettati sono circa 64mila e i deceduti quasi 1.400, è logico che i cittadini siano preoccupati. Ma non sono solo preoccupati: sono terrorizzati a causa della grancassa dei mass media che, evidentemente, è molto più pericolosa di qualche “povero untorello” sui social. Il virus della paura si diffonde molto più velocemente del Nuovo Coronavirus.

 

D: Per onestà devo dire che ora il ministero della sanità sta promuovendo uno spot televisivo che ha lo scopo di tranquillizzare i cittadini. Credo che questa sia una scelta controcorrente rispetto all’allarmismo esasperato che abbiamo visto precedentemente.

 

R: Bene, ma se i nostri cronisti usano toni da tragedia e creano pathos nel telespettatore, la rassicurazione del Ministero della Sanità potrebbe sortire l’effetto opposto, molti crederanno che si voglia nascondere il pericolo, così crescerà il loro senso di insicurezza e di paura.

 

D: Cioè, per fare un esempio, se la giornalista da studio apre la corrispondenza dalla Cina dicendo letteralmente: “fa impressione la sorte dei medici impegnati in questa lotta” e la corrispondente dalla Cina conferma e poi aggiunge che quasi 1.800 sono stati contagiati e 6 di questi sono morti, la notizia crea ancora allarmismo?

 

R: Certo che crea allarmismo! Perché non dice che quei 6 rappresentano lo 0,3% dei contagiati, cioè molto meno di certi picchi della “comune influenza”. Ma questo non è solo un problema italiano. Negli USA ad esempio, e senza entrare in politica sappiamo che il presidente Trump ha fatto guerra commerciale alla Cina, nella piattaforma Twitter del suo sfidante Bloomberg, qualcuno twitta che che “un importante scienziato in malattie infettive avverte che i due terzi della popolazione mondiale potrebbe essere infettati dal coronavirus”. Ovviamente basta dire “un importante scienziato”, non serve il nome, perché quel che serve è l’impatto emotivo.

 

D: Quindi, se mi permette una battuta, potremmo fare uno studio su questo caso e titolarlo “l’uso distorto del virus”!

 

R: E perché no? In fondo studi di questo tipo sono stati già realizzati. Ma vorrei farle io una domanda. Le TV e i quotidiani italiani vi parlano della tempesta di cavallette che si è abbattuta su una parte dell’Africa orientale?

 

D: Sì, un paio di giorni fa è stata data la notizia, ma in realtà il coronavirus sta monopolizzando l’informazione e l’Africa, lei sa meglio di me, normalmente ha il ruolo di Cenerentola. Tuttavia la Cina ha fatto grandi investimenti in Africa e di sicuro funzionari e imprenditori cinesi verranno là con regolarità. Come vive questo problema la popolazione della regione che lei conosce meglio?

 

R: Guardi, i media dei paesi poveri sono dominati dal capitale occidentale, eppure mantengono un minimo di autonomia e, posso dire, un maggior contatto con la gente comune. Di conseguenza, qui di Nuovo Coronavirus si parla pochissimo. Oso anche dire che, se arrivasse qui il virus che tanto spaventa l’occidente, non farebbe una grande differenza, con tutte le persone che muoiono per le più varie condizioni banali e prevenibili. Qui invece cresce, giustamente, l'allarme per le cavallette. Per voi è qualcosa di lontano, roba da trasmissione pseudo scientifica o da evocazione biblica, per gli africani significa carestia. Non la “fame” vostra che si sazia con le merendine, ma quella che non si sazia e porta alla morte.

 

D: Siamo partiti dal coronavirus e siamo arrivati alle locuste. Sento tutta la sua appassionata partecipazione ai problemi enormi di quel continente e capisco che è arrivato il momento di chiudere questa lunga intervista, ma mi permetta un’ultima domanda dottore, veramente l’ultima. Lei parla della tempesta di cavallette come ben più pericolosa del Nuovo Coronavirus, può spiegare a me e a quei pochi lettori che saranno arrivati fin qui, perché?

 

R: Certo. Avrà notato che dico “voi, i vostri” e non i nostri giornali, i nostri ospedali, perché lavorare “con” l’Africa porta a vedere il mondo da qui. Allora, vedendo il mondo da qui, le dico che per l’infestazione di locuste sono stati preventivati 20 milioni di morti. Cioè potranno morire DI FAME 20 milioni di persone. Se poi dovesse morire qualche migliaio di persone per infezione da Nuovo Coronavirus, sarebbero quelle stesse persone che erano talmente debilitate da morire anche per un comune raffreddore.

Le dirò anche che per evitare il disastro che sarebbe pari alla morte di un italiano ogni tre (forse così ci spieghiamo meglio) servirebbero circa 70 milioni di euro. Lei pensa che verranno fermate le locuste? Io le dico di no, però, quando la morte comincerà a raggiungere numeri alti e potrà diventare interessante parlarne, allora ci saranno gli scoop mediatici, si faranno raccolte di monetine mischiate alle lacrime per salvare i “poveri negretti” e magari arriveranno anche le fondazioni filantropiche come quella di Melinda e Bill Gates che commuoveranno per la loro generosità e venderanno meglio il loro brand.

Ha visto le foto di quelle bellissime bambine che le ho mandato? Bene, loro adesso sono ben nutrite ed hanno anche l’acqua potabile. Se l’infestazione di cavallette non verrà fermata, tante bambine “nuove malnutrite” lasceranno questo mondo mentre sui “vostri” schermi si alterneranno le pubblicità di merende felici e i servizi dai “vostri” corrispondenti che mostreranno corpi scheletriti per colpa delle locuste, quelle che nessuno si è impegnato a fermare. Si prevedono 20 milioni di morti per fame, poi ci saranno tutti gli altri che moriranno per comunissimi microbi che aggrediranno i loro corpi debilitati.

E’ una strage annunciata, ma al momento 20 milioni di morti per fame non spaventano l’Occidente perché “il virus-locusta” è circoscritto alla sola Africa sub sahariana.

Lo scriva per favore, affinché quelle dieci persone che leggeranno possano fare le dovute comparazioni.

Ora torno al mio lavoro, ma prima di salutarla voglio regalarle una chicca: La FAO, massima autorità delle Nazioni Unite sull'alimentazione, assieme ad altre organizzazioni pubbliche e private, da oltre un decennio sta studiando e concludendo che, fra non molto, la principale fonte di proteine nell'alimentazione umana non sarà più costituita da polli, bovini e pesci. Sarà costituita dagli insetti: secondi nella futura classifica sono i grilli e sa quali sono i primi? Le cavallette!

 

D: Mi lascia dopo avermi instillato un dubbio terribile. Comunque la ringrazio per il tanto tempo dedicatomi, dr. Salmaso, e la saluto sperando in tre cose: la prima è che arrivino in tempo gli aiuti per evitare il flagello delle locuste; la seconda è che presto il Nuovo Coronavirus venga sconfitto, e la terza che la sua intervista venga letta fino in fondo.

 

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa