Licenziamenti di massa e repressione in Argentina: a picco il consenso per Macri

Licenziamenti di massa e repressione in Argentina: a picco il consenso per Macri

Scontento e forti proteste segnano il ritorno al neoliberismo voluto dal governo Macri

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Fabrizio Verde

Cala la popolarità del presidente argentino Mauricio Macri. Evidentemente i primi mesi di ritorno al neoliberismo in Argentina, con il suo corollario fatto di repressione e licenziamenti, iniziano a segnare pesantemente la vita dei cittadini. 

 

Diverse inchieste segnalano una drastica discesa del consenso nei confronti del presidente e del suo governo: un'indagine realizzata da Haime & Asociados rivela che dal mese di dicembre a oggi, la popolarità di Mauricio Macri è scesa di ben 9 punti, dal 62% al 53%

 

Il sondaggista Raúl Aragón ha inoltre segnalato la forte caduta dell'immagine personale di Macri e di quella del suo governo. L'immagine presidenziale scende di ben 20 punti percentuali rispetto ai primi giorni della sue gestione.  

 

Intanto cresce il malcontento in Argentina: le politiche implementate da Macri e dal suo governo, formato da uomini diretta emanazione di grandi gruppi multinazionali, hanno provocato un'ondata massiva di licenziamenti che non accenna ad arrestarsi. Rispetto al 2015, sono oltre 14mila le persone che hanno perso il proprio lavoro per la caduta della produzione, come segnalato da uno studio condotto della società di consulenza Tendencias Económicas. 

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia di Antonio Di Siena Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra