"Oscurare è dittatura". La farsa delle primarie del Pd smascherata da uno dei candidati

"Oscurare è dittatura". La farsa delle primarie del Pd smascherata da uno dei candidati

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Polemiche alle primarie del centrosinistra a Roma.

Il partito "democratico", quello delle primarie partecipate, conferma ancora una volta che tutto questo mutiperio, con dispendio di soldi e volontari, non serve affatto a scegliere il candidato sindaco del centrosinistra per Roma.

No.

Quello è già deciso.

È Gualtieri, come sapevano tutti da settimane.

Tutto il resto è solo fumo negli occhi, teatrino, per ratificare una decisione già presa in altro loco.

Si direbbe che il PD, a furia di frequentare il 5 stelle, abbia finito per imitarlo: ratifiche fatte passare per democrazia diretta partecipata.

Ma magari è vero il contrario....

Cosa è successo?

Il PD pubblica nella pagina Facebook ufficiale di Roma l'invito ad andare a votare.

E aggiunge un facsimile della scheda col solo nome di Gualtieri.

Sotto lo stesso post il commento indignato di un'altra candidata, Imma Battaglia:

"Ognuno sceglie come proporsi e come farsi apprezzare dal proprio elettorato. Se oscurare gli altri nomi è il vostro modo, alzo le mani. Ma voi, dovreste vergognarvi! Questo post è totalmente manipolatorio, e non riporta la verità, oltre a manifestare l’arroganza politica di un partito che non vuole, ancora una volta, mettersi in discussione. Siamo in 7, e la vostra censura è inqualificabile. C’è una cosa che mi rincuora: alla fine dei conti, io, e tutte le donne e gli uomini di Liberare Roma, stasera ci guarderemo allo specchio col piacere di ritrovarci, ancora una volta, noi stesse e noi stesse, le persone che hanno dato il tutto per tutto, che hanno parlato con tante e tanti per il piacere di ascoltare, capire e, perché no, risolvere i problemi, per dare a ciascuna e ciascuno una città degna d’essere chiamata “Casa”. Non è oscurando gli altri che si vince.  Oscurare è dittatura. Andiamo a votare, nonostante tutto e nonostante tutti, per esercitare il diritto di voto (e ricordare a chi vuole nascondere i nomi di tutte e tutti è simbolo di fascismo)".

Null'altro da aggiungere.

 

 

Agata Iacono

Agata Iacono

Sociologa, antropologa, giornalista certificata Wrep Blockchain

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

La Stampa parla apertamente di "governo militare" di Thomas Fazi La Stampa parla apertamente di "governo militare"

La Stampa parla apertamente di "governo militare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare" di Antonio Di Siena L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti