Accordo nucleare Iran: la risposta di Washington

Accordo nucleare Iran: la risposta di Washington

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Stallo, melina, ancora ritardi per il nucleare iraniano.

Funzionari statunitensi hanno confermato di aver ricevuto la risposta di Teheran alle loro proposte di rilanciare il Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA), noto anche come accordo sul nucleare iraniano.

Tuttavia, Washington, come da copione, ritiene il testo dell'Iran "non è costruttivo".

"Possiamo confermare di aver ricevuto la risposta dell'Iran attraverso l'UE", ha rivelato ai giornalisti un portavoce del Dipartimento di Stato. "Lo stiamo studiando e risponderemo attraverso l'UE, ma sfortunatamente non è costruttivo", ha aggiunto il funzionario.

Teheran ha inviato la sua risposta a Bruxelles ieri, una settimana dopo aver ricevuto le osservazioni di Washington sulla proposta redatta dall'UE per rilanciare il JCPOA e revocare le sanzioni contro l'Iran.

"Il testo inviato ha un approccio costruttivo con l'obiettivo di finalizzare i negoziati", ha affermato in una nota il portavoce del ministero degli Esteri Nasser Kanaani.

Gli Stati Uniti sono usciti unilateralmente dal JCPOA nel 2018, prima di lanciare una cosiddetta campagna di sanzioni di "massima pressione" sull'Iran.

Dopo 16 mesi di colloqui tra Teheran e i restanti firmatari dell’accordo – Francia, Germania, Regno Unito, Russia e Cina – l'8 agosto, il capo della politica estera dell'UE Josep Borrell ha annunciato che era stata redatta una proposta finale per rilanciare l'accordo e riportare Washington nell'ovile.

Ma gli Stati Uniti hanno esitato a fornire forti garanzie all'Iran per confermare che non si ritireranno dall'accordo ancora una volta. Ciò è dovuto principalmente alle forti pressioni provenienti da Israele , poiché Tel Aviv ha tentato più volte di sabotare i colloqui.

In vista della risposta dell'Iran, il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir-Abdollahian ha dichiarato durante un viaggio a Mosca: "Abbiamo bisogno di garanzie più forti dall'altra parte per avere un accordo sostenibile".

Ciò ha fatto eco ai commenti fatti lunedì scorso dal presidente iraniano Ebrahim Raisi, quando ha sottolineato la necessità di porre fine all’indagine sul programma iraniano per l'energia nucleare da parte dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) al fine di ripristinare l'accordo.

"[Senza revoca dell'indagine dell'AIEA] non ha senso parlare di un accordo", ha ribadito Raisi.

L'Iran ha precedentemente criticato l'AIEA per essere stato "dirottato e sfruttato" da Israele. Hanno anche criticato l'organismo di controllo delle Nazioni Unite per le loro incessanti indagini sul programma di energia nucleare iraniano, in contrasto con la loro indifferenza per l'ampio arsenale di armi nucleari di Israele.

Secondo i resoconti dei media occidentali questa settimana, Washington ha messo in guardia Teheran dal collegare l’indagine delle Nazioni Unite sulla loro attività nucleare "non dichiarata" alla reimplementazione del JCPOA, dicendo che ciò potrebbe "ritardare la revoca delle sanzioni economiche".

Senza un accordo uno scenario di guerra tra Iran da una parte e USA e Israele da un’altra sarà sempre più probabile. Tra l’altro Israele continua a bombardare in Siria le strutture militari dove sono presenti istruttori militari iraniani, su richiesta del governo siriano. Tali attacchi di Tel Aviv sono delle provocazioni per portare Teheran su un terreno di scontro più ampio con Washington.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta? di Francesco Santoianni Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

L'austerità uccide: il Film sulla privatizzazione della sanità di Gilberto Trombetta L'austerità uccide: il Film sulla privatizzazione della sanità

L'austerità uccide: il Film sulla privatizzazione della sanità

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Le pedine curde degli USA in Medio Oriente di Paolo Pioppi Le pedine curde degli USA in Medio Oriente

Le pedine curde degli USA in Medio Oriente

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti