Andrea Zhok - "La cronaca nera è l'emergenzialismo dei poveri"

Andrea Zhok - "La cronaca nera è l'emergenzialismo dei poveri"

Un plastico di una casa preparato per la puntata dell'1 dicembre 2009 di Porta a Porta (ANSA/MASSIMO PERCOSSI/CRI)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Andrea Zhok

Propongo una moratoria sul malcostume di fare di singoli casi di cronaca nera esempi di teorie universali, da cui trarre più o meno pompose lezioni universali.

E' utile capire che:

1) nel 99.9% dei casi le informazioni sul caso particolare sono insufficienti a comprendere le dinamiche reali;

2) anche laddove le informazioni sul singolo caso fossero ottimali, i casi singoli presentano gradi di libertà imprevedibili;

3) quali casi raggiungono l'attenzione mediatica, e come, è già una scelta manipolatoria fatta a monte dalle fonti di informazione (per dire, in media ci sono ogni giorno 11 suicidi, e quasi 3 morti sul lavoro: se debbano assurgere ad emblemi di una dinamica, o se invece debba farlo un altro evento di cronaca nera è una scelta mirata).

4) la dinamica dei commenti sulla cronaca nera è la leva sistematicamente utilizzata dai manipolatori dell'opinione pubblica per condurre l'agenda politica in direzioni predefinite.
 
La cronaca nera è l'emergenzialismo dei poveri.

Serve a indurre un senso di urgenza e inderogabilità liberamente incanalabili, a servizio di intenzioni pregresse (accrescere la frammentazione sociale, aumentare la diffidenza, spingere per la crescita di controlli, sorveglianza, delazioni, ecc.).

Smettiamo di cascarci.

Andrea Zhok

Andrea Zhok

Professore di Filosofia Morale all'Università di Milano

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti