Bannando TikTok, gli Stati Uniti vogliono mantenere il monopolio del mercato

Bannando TikTok, gli Stati Uniti vogliono mantenere il monopolio del mercato

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



Global Times
 

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump Friday ha detto ai giornalisti che agirà per vietare l'app social media cinese TikTok negli Stati Uniti.

 

"Bene, ho quell'autorità. Posso farlo con un ordine esecutivo", ha detto Trump.

 

Proprio come la precedente soppressione da parte del governo degli Stati Uniti delle società tecnologiche cinesi Huawei e ZTE, gli Stati Uniti stanno nuovamente reprimendo le società high-tech fondate dai cinesi, cercando di sostenere la posizione di monopolio globale degli Stati Uniti con le sue società come Facebook e Snapchat che dominano il mercato globale.

 

In realtà, le operazioni di TikTok hanno rigorosamente rispettato le leggi statunitensi. La società ha precedentemente confermato che i dati degli utenti nordamericani sono archiviati negli Stati Uniti, i suoi data center si trovano interamente al di fuori della Cina e non rispediscono i dati degli utenti in Cina. A maggio, TikTok ha nominato Kevin Mayer, uomo d'affari nordamericano ed ex dirigente dello streaming di Walt Disney, come amministratore delegato.

 

Per quanto prudente, TikTok sta affrontando un'enorme incertezza nel mercato statunitense, poiché Trump potrebbe decimare i suoi affari negli Stati Uniti. Sempre più spesso l'amministrazione Trump, per confondere le acque vista la risposta fallimentare alla pandemia di COVID-19, cerca sempre più di scaricare le proprie responsabilità sulla Cina.

 

Ci sono stati molti esempi di mosse arbitrarie e coercitive simili da parte dell'amministrazione Trump. Ad esempio, il governo degli Stati Uniti ha minacciato ritorsioni dopo che Francia, Germania e altri paesi europei hanno approvato un'imposta sui servizi digitali da riscuotere su Google e Facebook nel 2019.

 

Gli Stati Uniti hanno fatto il bullismo in tutto il mondo, il che rappresenta una grave perturbazione e avvelenamento delle regole di base che regolano le normali operazioni commerciali.

 

TikTok è molto popolare negli Stati Uniti, in particolare tra i giovani nordamericani. Circa il 60 percento dei 26,5 milioni di utenti attivi mensili di TikTok negli Stati Uniti ha un'età compresa tra 16 e 24 anni, secondo i dati dell'azienda nel 2019.

 

Ma ora, Trump si sta muovendo per interrompere le operazioni di TikTok negli Stati Uniti. Una mossa così sconsiderata è completamente contraria allo spirito del libero mercato che gli Stati Uniti hanno sempre sostenuto. È una grave regressione.

 

La politicizzazione della tecnologia minerà solo la competitività degli Stati Uniti. Eliminando Huawei e ZTE, il suo lancio in 5G sarà inevitabilmente compromesso. E ora estromettendo le app di social media come TikTok, gli interessi degli utenti statunitensi saranno danneggiati, così come ai consumatori statunitensi difficilmente piacerà vedere il monopolio del mercato in mano a Facebook.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

 

 

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti