Il Presidente dell'Ifo Clemens Fuest: "Il riarmo consuma energie che sono necessarie per scuola e sanità"

Il Presidente dell'Ifo Clemens Fuest: "Il riarmo consuma energie che sono necessarie per scuola e sanità"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


La coalizione di governo tedesca ritiene che "la Germania debba riarmarsi per contenere Putin e diventare più indipendente dagli Stati Uniti, il cui prossimo presidente potrebbe essere nuovamente Donald Trump". Il ministro della Difesa Boris Pistorius ha persino affermato, in occasione della Conferenza sulla sicurezza di Monaco, che non si parla più nemmeno del 2% del PIL nazionale per la difesa, ma "di raggiungere eventualmente il 3 o addirittura il 3,5%". Ma il quotidiano tedesco Berliner Zeitung osserva che sempre più obiezioni provengono dagli economisti tedeschi, che temono che i piani del governo danneggino l'economia.

Il 3,5% del PIL vuol dire che la spesa per la difesa raggiungerebbe i 140 miliardi di euro, "il che significa che la Germania da sola spenderebbe più soldi per la difesa della Russia", la cui spesa quest'anno è stimata dal giornale a 109 miliardi di euro, mentre anche l'obiettivo più modesto del 2% la Germania lo sta raggiungendo solo ricorrendo a prestiti. Per realizzare i piani di Pistorius, la Germania dovrebbe prendere in prestito "tra i 95 e i 100 miliardi di euro" all'anno, vale a dire "più soldi per i caccia da combattimento e i carri armati - meno per le strade, le reti elettriche e i servizi sociali".

Il problema è anche che il denaro preso in prestito per gli armamenti non rimarrebbe in Germania. "Mentre gli investimenti in strade, i sussidi per sostituire i sistemi di riscaldamento o i sussidi sociali per i disoccupati tornano immediatamente nei negozi e creano domanda, i miliardi per gli armamenti finiscono per lo più all'estero". Un'analisi della spesa del cosiddetto fondo speciale della Bundeswehr, creato nel 2022, mostra che a beneficiarne sono stati soprattutto i produttori nordamericani: ad esempio, "dieci miliardi sono andati al produttore di armi statunitense Lockheed Martin per i caccia F-35 in grado di trasportare armi nucleari".

Certo, anche produttori tedeschi come Rheinmetall e Airbus hanno ricevuto alcuni contratti, ma la loro espansione sta aggravando l'acuta carenza di manodopera in Germania. Inoltre, lo studio di Greenpeace "On the Economic Benefits of Armaments" del dicembre 2023 mostra che gli investimenti in armamenti creano un numero significativamente inferiore di posti di lavoro e una minore crescita del PIL rispetto ad altri settori. Così, un miliardo investito nel complesso militare-industriale tedesco creerebbe circa 6.000 posti di lavoro, mentre lo stesso miliardo investito nell'ambiente o nell'istruzione creerebbe rispettivamente 11.000 e 18.000 posti di lavoro.

Il presidente dell’Istituto per la ricerca economica di Monaco, Clemens Fuest, sottolinea: “Pistole e burro – sarebbe bello se fosse possibile, ma questi sono “fiumi di latte e banchi di gelatina”. Secondo Fuest, “la corsa agli armamenti globale consuma risorse che in realtà sono urgentemente necessarie per altre spese, come l’istruzione, la ricerca, l’assistenza sanitaria, le infrastrutture o la protezione ambientale”. Il Berliner Zeitung afferma che se la Germania vuole riarmarsi dovrà scegliere “armi o burro” e pone la domanda: “La Germania ha davvero bisogno di riarmarsi”?

La pubblicazione osserva che la paura dei tedeschi nei confronti della Russia, presentata come la ragione principale della necessità di riarmare, sta diminuendo; è scesa dal 78% al 67% per il 2023. Inoltre, la Germania è membro della NATO, che "ha speso per la difesa cinque volte di più della Russia, circa 560 miliardi di euro". Nel frattempo, la spesa è già aumentata dell'11% nell'ultimo anno. "La spesa dei partner europei ammonta a 355 miliardi di euro, tre volte di più di quella della Russia", continua il quotidiano tedesco, che si chiede perché sia necessaria un'ulteriore crescita.

"La coalizione 'semaforo' dovrebbe quindi valutare attentamente se il riarmo a spese dello stato sociale e degli investimenti civili sia davvero una buona idea". Secondo la Berliner Zeitung, la risposta inequivocabile è no, poiché "il prezzo delle azioni di Rheinmetall è quadruplicato da 100 a 410 euro, ma l'economia nel suo complesso ha perso" dall'inizio del conflitto in Ucraina.

---------------------

NUOVA USCITA - TERZA GUERRA MONDIALE? IL FATTORE MALVINAS

LEGGILO

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti