Biden sprofonda a nuovi minimi per l'attentato di Mosca e le fake news sul RussiaGate

Biden sprofonda a nuovi minimi per l'attentato di Mosca e le fake news sul RussiaGate

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Martin Jay - Strategic Culture

Ci stiamo tutti preparando per l'inevitabile? Il ritorno di Trump alla Casa Bianca? Sembra che certamente l'amministrazione Biden stia facendo proprio questo alla luce degli eventi recenti. L'attacco terroristico di Mosca ha occupato il centro della scena delle notizie mondiali nei giorni scorsi eppure nessun giornalista occidentale sembra in grado di denunciare l'avvertimento sull'ISIS degli Stati Uniti per quello che era: una farsa.

E non solo l'avvertimento è stato falso, ma anche il vetriolo di cattivo gusto di Washington, che ha raggiunto un livello pari solo al sospetto e al rapido rifiuto che Kiev non abbia avuto alcun ruolo nell'attacco.

Il cattivo gusto sembra essere il marchio distintivo dell'amministrazione Biden, con una politica estera fallita che è in seconda posizione. Se gli statunitensi non sapevano prima che gli USA non potessero controllare due guerre delegate su due fronti separati, ora lo sanno. Mentre i pacchi di aiuti che cadono sui palestinesi - talvolta uccidendoli anche - sono già una dichiarazione di per sé, è interessante vedere come Biden guardi sempre al passato in quasi tutto ciò che fa. Anche il RussiaGate è stato tirato fuori dalla sua tomba fatiscente e ha ricevuto nuova vita dai portavoce di Biden che stanno ora preparando il pubblico americano per un fallimento di Biden a dicembre.Il timore più grande per Biden è l'attacco "hack and leak" che ha spinto molti democratici a superare il limite con Hillary Clinton, quando le sue e-mail hanno rivelato quanto sia morigerata la sua figura politica. Chi può dimenticare quel commento "ci sono dei terroristi [in Siria] ma sono dalla nostra parte" quando si parlava dei primi giorni della crisi siriana iniziata nel 2011?

Per Biden, ci devono essere molte cose che i russi possono far trapelare in un determinato momento, con la corruzione in Ucraina in cima alla lista. Ma una domanda importante potrebbe essere: Putin deve preoccuparsi delle "interferenze elettorali"? Questa buffa espressione, coniata dagli americani e rivolta a Mosca, è fatta in modo tale da ingannare l'umile osservatore e fargli credere che si tratti di una sporca invenzione russa, nonostante gli americani abbiano praticamente inventato questa pratica e l'abbiano usata a proprio vantaggio negli ultimi 70 anni in America Latina.

La realtà è che Putin non ha bisogno di interferire. È su un biglietto vincente in quanto, se Biden viene rieletto, il presidente statunitense allora senile sarà sconfitto in Ucraina e il popolo statunitense non solo vedrà emergere tutte le storie di corruzione da quel paese ma anche il legame tra l'interferenza nelle elezioni dell'amministrazione Obama nel 2014 per rovesciare un leader filorusso e la guerra odierna. La narrazione artigianale delle fake news su tutto ciò che è accaduto a partire dal giorno dell'invasione russa non funzionerà più una volta che le forze russe avranno rovesciato il governo di Zelensky e l'Occidente sarà umiliato al di là dei suoi incubi più sfrenati e sarà costretto a firmare qualsiasi cosa gli venga consegnata.

Ciò, in parte, spiega come la macchina mediatica della NATO – e la maggior parte dei governi europei – stiano dando il massimo sulla necessità di rafforzare le capacità militari dell’Europa. Questo è solo uno stratagemma per fungere da distrazione quando Kiev cadrà e le élite occidentali saranno pronte con i loro slogan. Stanno arrivando i russi. Ve lo avevamo detto.

Eppure, la cosa divertente è che Biden ha smesso di dire che "Putin sta perdendo in Ucraina" poiché, presumibilmente, i suoi maldestri portavoce hanno finalmente capito che entra in conflitto con "i russi prenderanno altri paesi europei una volta presa l'Ucraina". L'incoerenza e l'errore di calcolo sono davvero i tratti distintivi della guerra in Ucraina e dell'incapacità dell'Occidente fin dal primo giorno.

Ora sembra che, mentre la NATO cerca nuovi membri negli angoli più remoti del mondo, la spaventosa stupidità di Biden in Ucraina finalmente esporrà la NATO per quello che è: una tigre di carta. Qual è il punto nel corrompere i giornalisti occidentali per stenografare bugie gratuite della NATO, diagrammi che elencano il numero di carri armati o luoghi che la NATO ha collettivamente e poi confrontare la cifra con quella della Russia, quando nessuno nell'ovest ha il coraggio di sacrificare anche solo un soldato sul campo di battaglia? Non passerà molto tempo prima che anche gli operai statunitensi siano consapevoli che i loro soldi delle tasse vengono spesi per una macchina da guerra che arricchisce ancor di più i ricchi e li tiene nella miseria, dato che molti statunitensi notano quanti beni nei supermercati sono aumentati quasi del 50 percento nel mandato di Biden.

I russi non stanno arrivando. Ma Trump sì, e potrebbe fermare la guerra in Ucraina già al suo primo giorno in carica. Le cose sono così disperate che mentre gli statunitensi iniziano a guardare avanti alla febbre elettorale, il campo di Biden inizia a preoccuparsi della Russia. E RFK sta dividendo gli elettori democratici proprio nel mezzo. Qualcuno come Trump, così volubile ed egocentrico in tutto ciò che fa, potrebbe essere la risposta per fermare la follia degli anni Biden. John Bolton, il suo ex consigliere per la sicurezza nazionale che voleva fargli bombardare l'Iran, ha detto che "tutto [su Trump] è episodico, aneddotico, transazionale. E tutto dipende dalla domanda su come questo beneficerà Donald Trump". È questa forse l'unica cosa sensata che questo imbecille abbia mai detto?

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti