/ Bloomberg - I lavoratori tedeschi e dell'intera eurozona stanno p...

Bloomberg - I lavoratori tedeschi e dell'intera eurozona stanno per subire l'impatto della guerra commerciale

 
 

La tempesta commerciale globale che colpisce la produzione nella più grande economia europea sta per raggiungere il mercato del lavoro.

 

La disoccupazione tedesca, che è scesa da un minimo storico all'altro per gran parte dell'ultimo decennio, non sta più diminuendo e rischia un'inversione poiché i lavoratori subiscono le ripercussioni del crollo della manifattura nel paese. I dati di produzione di giugno - di mercoledì - hanno mostrato il peggior calo annuale dal 2009 e le indagini del settore mostrano una debole prospettiva di occupazione, scrive Bloomberg.

 

La Banca centrale europea conta su spese e investimenti privati ??per sostenere la crescita e aumentare i prezzi in Germania e nel resto dell'area dell'euro, poiché le esportazioni soffrono del deterioramento dell'ambiente commerciale. I responsabili politici sono abbastanza preoccupati da preparare nuovi stimoli per il prossimo mese.

 

Questo sembra non poter bastare perché le politiche basate sull’austerità imposte da Berlino all’intera eurozona ha distrutto i mercati interni di praticamente tutti i paesi, e ora che rallentano anche le esportazioni colpite dalla guerra commerciale scatenata dal presidente statunitense Trump, si prospettano tempi duri. In particolare per i lavoratori europei e tedeschi in particolare. 

 

"La fase di miglioramento continuo nel mercato del lavoro è alle nostre spalle", ha dichiarato Stefan Kipar, economista del BayernLB di Monaco. "Ciò che è molto chiaro è che le aziende non aumentano più posti di lavoro".

 

Alcune, infatti, stanno pianificando di ridurre la propria forza lavoro, con Continental AG - un operatore del settore automobilistico dipendente dalle esportazioni - che si unisce a società come BASF SE e Siemens AG nell’annunciare riduzioni, segnala ancora Bloomberg. 

 

Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha riconosciuto il mese scorso che il rallentamento economico ha giustificato gli sforzi per sostenere la domanda interna, ma ha offerto poche nuove misure per fornire una scossa in più.

 

Un cambiamento di sintonia potrebbe arrivare presto. Gli economisti tra cui Carsten Brzeski, capo economista della ING-Diba AG di Francoforte, affermano che sarà solo una questione di tempo prima che la crisi della produzione arrivi a Berlino.

 

"Per molto tempo abbiamo avuto la storia che sì, c'è il conflitto commerciale, c'è incertezza che proviene dalla Cina, ma è limitata solo al settore industriale, al settore manifatturiero nell'intera zona euro e che la domanda interna era resistente”, ha dichiarato a Bloomberg Television. "Questa roccaforte interna non solo in Germania ma in tutte le altre economie si sta sgretolando".

Fonte: Bloomberg
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa