Bloomberg - Il presidente italiano ha messo a repentaglio l'Euro

Bloomberg - Il presidente italiano ha messo a repentaglio l'Euro

Mattarella e i suoi consiglieri sono intrappolati nel pensiero unico europeo, che nega ai cittadini italiani una voce nella gestione del proprio paese ed esclude compromessi ragionevoli

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Ashoka Mody - Bloomberg
 

Il presidente italiano Sergio Mattarella potrebbe pensare di aver preso una posizione di principio nel porre il veto all'euroscettico Paolo Savona come ministro delle finanze, respingendo efficacemente un governo guidato dal Movimento Cinque Stelle e dalla Lega. Ma nel rifiutare la scelta di una coalizione eletta dal popolo, potrebbe aver messo in moto una crisi finanziaria dalla quale sarà rialzarsi, e che potrebbe mettere a repentaglio l'intero progetto europeo.

 

Il disprezzo di Mattarella per la recente storia politica mostra una sorprendente caparbietà. Nell'ottobre 2011, la cancelliera tedesca Angela Merkel fece una telefonata all'allora presidente italiano Giorgio Napolitano, subito dopo Napolitano colse l'occasione per sostituire Silvio Berlusconi con il tecnocrate non eletto, amico di Bruxelles, Mario Monti. Anche se Merkel e Napolitano negarono di aver complottato per liberare Berlusconi, quella fu l'impressione che prevalse. L'Economist applaudì la Merkel per aver aiutato a "sbarazzarsi di clown come l'italiano Silvio Berlusconi". Molti italiani si infuriarono, credendo che la Germania avesse violato la loro sovranità nazionale.

 

Non sorprende quindi che il Movimento Cinque Stelle euro-scettico abbia ottenuto il sostegno popolare. Nelle elezioni del febbraio 2013, i Cinque Stelle hanno ottenuto oltre un quarto dei voti, umiliando politicamente Monti e diventando il più grande partito non coalizzato in parlamento. Mentre il Partito Democratico di centrosinistra era al potere (con tre diversi primi ministri), il sentimento anti-europeo in Italia cresceva. Nelle elezioni del marzo 2018, Cinque Stelle e Lega, un altro partito euroscettico, hanno ottenuto il favore degli elettori e insieme raggiunto la maggioranza assoluta.

 

Senza dubbio Savona era una scelta abrasiva: la sua proposta di "Piano B" in caso di uscita dall'euro era impraticabile e allarmista, e quindi avrebbe potuto fare danni all'Italia. Ma in mezzo alla sua retorica esagerata, la coalizione della Lega-Cinque Stelle formula alcune proposte sensate: la Banca Centrale Europea dovrebbe dare maggiore considerazione alla disoccupazione nel prendere decisioni di politica monetaria (come fa Federal Reserve degli Stati Uniti); le regole fiscali dovrebbero consentire una maggiore libertà di investimento. Invece di dare agli euroscettici l'opportunità di affrontare le complessità del governo - e di riconoscere l'inutilità di alcune delle loro proposte - Mattarella sta nuovamente cercando un altro governo tecnocratico.

 

L'avvertimento della storia è chiaro. Cinque Stelle e Lega manterranno il peso elettorale e potrebbero persino tornare rafforzati. Nel frattempo, l’insieme di crisi politiche e finanziarie potrebbe avere conseguenze di vasta portata. La follia di Mattarella non poteva arrivare in un momento peggiore. La dolce congiuntura economica globale nella seconda metà del 2017 si sta allontanando e l'economia italiana sta ancora lottando per il rilancio. Negli ultimi mesi, la crescita del commercio mondiale è rallentata e lo slancio economico dell'Europa è svanito.

 

L'aritmetica economica per l'Italia sta facendo riflettere. Anche con la BCE, in effetti, comprando quasi tutti i nuovi titoli emessi dal governo, il rendimento di tali obbligazioni si è attestato intorno all'1,8 per cento in aprile. Ora si avvicinano al 3%. Con un'inflazione annuale pari a solo lo 0,6 percento, ciò equivale a un tasso d'interesse reale (inflazionato) di oltre il 2 percento. L'Italia non può permettersi un tasso così alto: il suo ritmo di crescita della produttività è vicino allo zero e il suo potenziale di crescita economica a lungo termine è ben inferiore all'1%.

 

La crisi indotta da Mattarella potrebbe alimentare se stessa: i tassi di interesse reali potrebbero aumentare ulteriormente, anche se i tassi di interesse nominali addebitati alle imprese e ai consumatori aumentano e un rallentamento dell'economia attenua l'inflazione. Tali tassi elevati soffocheranno l'economia. L'onere del debito pubblico, ostinatamente bloccato a più del 130 percento del prodotto interno lordo, diventerebbe più difficile da rimborsare con la diminuzione delle entrate fiscali. Le banche italiane, che già lavorano sotto il peso dei crediti in sofferenza, dovrebbero affrontare un nuovo ciclo di insolvenze.

 

La BCE si trova tra l’incudine e il martello. Se intensificherà ed estenderà il suo programma di acquisto di obbligazioni, raggiungerà presto il limite autoimposto di un terzo di tutti i titoli di stato italiani. I paesi tedeschi e altri paesi dell'area "settentrionali" saranno giustamente preoccupati di chi sosterrebbe i costi se il governo italiano finisse in default su quel grosso stock di obbligazioni detenute dalla BCE. Se, sotto la pressione del nord, la BCE riduce i propri acquisti di obbligazioni, i tassi di interesse reali italiani aumenteranno ancora più rapidamente, aumentando la probabilità di una recessione italiana.

 

Mattarella e i suoi consiglieri sono intrappolati nel pensiero unico europeo, che nega ai cittadini italiani una voce nella gestione del proprio paese ed esclude compromessi ragionevoli. Nel tentativo di preservare l'ortodossia europea, potrebbero scatenare forze distruttive che non possono controllare.

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti