Chavez 2013-2023 - Lavrov: "Il 5 marzo rendiamo omaggio a Hugo Chávez. Ha lasciato un segno profondo nella comunità mondiale"

Chavez 2013-2023 - Lavrov: "Il 5 marzo rendiamo omaggio a Hugo Chávez. Ha lasciato un segno profondo nella comunità mondiale"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Da tutto il mondo si levano voci in ricordo del gigante latinoamericano Hugo Chavez. Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha sottolineato che l'ex presidente venezuelano Hugo Chávez ha posto "una delle pietre più importanti nelle fondamenta della solidarietà latinoamericana" in un videomessaggio registrato in occasione del decimo anniversario della morte del leader sudamericano.

"Il 5 marzo rendiamo omaggio a Hugo Chávez. È morto dieci anni fa, lasciando un segno profondo non solo nella storia del suo Paese e del suo popolo, del continente latinoamericano, ma anche nella storia della comunità mondiale. Era una personalità carismatica e un convinto sostenitore dell'uguaglianza negli affari internazionali", ha affermato il ministro degli Esteri russo.

Lavrov ha affermato che il leader venezuelano ha difeso i principi della Carta delle Nazioni Unite e "l'inammissibilità della sottomissione di alcuni ai dettami e al monopolio di altri". In questo senso, il capo della diplomazia russa ha ricordato i discorsi di Chávez alle Nazioni Unite caratterizzati da "passione". "Anche i suoi avversari hanno ammesso la grandezza della sua personalità".

Allo stesso tempo, il ministro degli Esteri ha sostenuto che l'unità del continente si manifesta ora nelle attività della Comunità degli Stati dell'America Latina e dei Caraibi (Celac) e nell'appello del presidente venezuelano Nicolás Maduro ad affrontare le questioni relative all'approccio coeso della regione nell'arena internazionale.

Inoltre, il ministro ha sottolineato che Chávez ha visitato la Russia diverse volte ed era "un caro amico" di Mosca. "Oltre alle relazioni personali con il presidente russo Putin, ha suscitato grande simpatia tra i nostri cittadini. Lo ricorderemo sempre", ha affermato Lavrov.

Il ministro degli Esteri ha poi fatto riferimento al fatto che i suoi incontri con Chávez gli hanno lasciato un ricordo "profondo" dei principi a cui si stringeva. "Tuttavia, è rimasto un uomo terreno, un cittadino del suo Paese e dell'America Latina, alla cui unità e difesa degli interessi si è dedicato con tanta energia".

Un ulteriore riprova che Hugo Chavez ha lasciato un segno tangibile della sua azione in tutto il mondo e questo gli viene riconosciuto da dirigenti politici di primi livello, come Lavrov, dei più importanti paesi a livello internazionale.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti