Chi c'è dietro le proteste violente in Nicaragua?

Chi c'è dietro le proteste violente in Nicaragua?

Gruppi di estrema destra, sostenuti da bande criminali, hanno letteralmente preso in ostaggio la popolazione del Nicaragua

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Fabrizio Verde
 

Giovani manifestanti armati di tutto punto, finanche con armi da guerra come gli AK-47, ostentano le proprie ‘dotazioni’. Blocchi stradali, assedi, incendi, linciaggi. Siamo a Managua, la capitale del Nicaragua. Ma queste scene le abbiamo già viste a Caracas durante il periodo delle cosiddette ‘guarimbas’. Proteste violente che hanno insanguinato le strade del Venezuela con l’obiettivo di rovesciare il governo Maduro. Parimenti accade in Nicaragua. L’obiettivo è rovesciare il governo sandinista guidato dal Comandante Daniel Ortega. 

 

Mentre i media mainstream, a Managua come a Caracas, descrivono le proteste come pacifiche e genuine. 

 

Si tratta davvero di una protesta popolare?

 

«Ciò che avviene in Nicaragua non è un'insurrezione popolare, ma un'operazione per rovesciare il governo», spiega il direttore della rivista Correo, Jorge Capelán, in un articolo a sua firma e intitolato: ‘Cosa sta succedendo in Nicaragua?’. 

 

Capelán sottolinea che gruppi di estrema destra, sostenuti da bande criminali, hanno letteralmente preso in ostaggio la popolazione del Nicaragua. Con blocchi stradali, la richiesta di pedaggi o per meglio dire estorsioni (proprio come avveniva in Venezuela), violenze con bombe e armi da fuoco e attacchi contro beni pubblici come ospedali, scuole, uffici comunali e il quartier generale del Fronte Sandinista di Liberazione Nazionale (FSLN).

 

Parallelamente agli atti di vandalismo, ci sono state molteplici mobilitazioni a Managua e in altre parti del paese per chiedere pace e dialogo.

 

Il 30 maggio migliaia di madri del Nicaragua hanno marciato a sostegno della pace e per condannare gli omicidi durante le violenze nelle strade.



 

«In Nicaragua non c'è un'insurrezione popolare contro il governo, ma, al contrario, la resistenza di tutto il popolo sandinista e non sandinista, contro un progetto progettato da e per le élite finanziarie e settori potenti degli Stati Uniti con il sostegno di anche settori potenti dell'Unione Europea», ha denunciato inoltre Capelán.  

 

Gli Stati Uniti e il ‘Nica Act’

 

La destabilizzazione pilotata dall’estero viene sempre accompagnata da sanzioni economiche. Ancora una volta siamo costretti ad evidenziare l’analogia con la strategia attuata in Venezuela. 

 

L'iniziativa ‘Nica Act’ è stata approvata l'anno scorso dalla Camera bassa del Congresso degli Stati Uniti, per cercare di bloccare «i prestiti delle istituzioni finanziarie internazionali al governo del Nicaragua», ci viene ancora in soccorso il direttore Capelán, con il suo esaustivo articolo sulla situazione in Nicaragua, rilanciato dall’emittente teleSUR.

 

Un boicottaggio economico che trova sponda in alcuni individui nicaraguensi legati a doppio filo alla finanza internazionale. 

 

Nomi come Michael Healey, José Adan Aguerri, o la famiglia Pellas già attiva negli anni 80’ nella guerra sporca condotta contro il governo sandinista. 

 

La risposta del governo sandinista

 

Nonostante incendi, distruzioni, attacchi con mortai, il governo del Nicaragua con in testa Daniel Ortega e Rosario Murillo, ha deciso di rispondere ritirando il provvedimento sulle pensioni che avrebbe scatenato le proteste, e sostenendo con forza il dialogo e la pace. 

 

«Vogliamo la pace, per tutte le famiglie nicaraguensi, la sicurezza per tutte le famiglie nicaraguensi, da chi possiede di più fino a chi ha meno, perché abbiamo tutti gli stessi diritti, davanti a Dio e davanti alla legge» ha affermato il presidente sandinista Daniel Ortega, in piazza a Managua. In mezzo al suo popolo che lo sostiene con ancora più forza davanti agli attacchi sferrati per rovesciarlo. 

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra