Chi era il generale Zahedi e le variabili (nucleari) tra Iran e Israele

Chi era il generale Zahedi e le variabili (nucleari) tra Iran e Israele

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


PICCOLE NOTE

 

L’assassinio del generale Reza Zahedi (nella foto) in un edificio dell’ambasciata iraniana di Damasco, assassinato insieme ad altri membri delle guardie rivoluzionarie, supera un’altra delle linee rosse che normalmente hanno limitato la portata dei conflitti del Secondo dopoguerra, evitando al mondo escalation ingestibili (il mondo guidato da regole esisteva prima dell’89; dopo il crollo del Muro, le regole sono state riscritte a uso e consumo degli Usa…).

Anzitutto perché Israele ha colpito un alto ufficiale di una nazione non ufficialmente in guerra. Per analogia, è come se la Russia uccidesse il capo del Pentagono o il Segretario della Nato perché gli Usa sostengono con armi, intelligence e tanto altro l’Ucraina. E per di più all’interno di una nazione sovrana, anch’essa non ufficialmente impegnata nel conflitto in corso, e infrangendo le norme riconosciute da tutto il mondo che fanno delle sedi diplomatiche luoghi inviolabili.

Netanyahu alla ricerca dell’escalation

Gli Stati Uniti hanno subito preso le distanze dall’attacco, comunicando a Teheran che non hanno nulla a che fare con esso (Axios). Certo, ma resta il sostegno incrollabile a Israele, nonostante la palese, tragica, azione compiuta, che aveva il potenziale di scatenare una guerra su larga scala.

U.S. tells Iran it "had no involvement" in Israel strike

Lo accenna anche Dagospia, in una nota tragicomica che fotografa la miseria dell’establishment italiano – il sito in questione subisce tale influenza e la riverbera in modalità popolare – evitando di interpellarsi seriamente sullo strappo compiuto e sulle responsabilità che tale strappo pone sulle spalle degli iraniani, che avevano tutto il diritto di rispondere allo stesso modo.

La tesi che Teheran non ha risposto solo perché sa che sarebbe incenerita dall’alleato americano, come annota il sito, non coglie la drammaticità della situazione, cioè che se gli Usa hanno subito comunicato la loro estraneità è perché non possono permettersi un ingaggio diretto con l’Iran.

Non hanno munizioni sufficienti a sostenere una grande guerra a causa del sostegno all’Ucraina, né sarebbe tanto semplice per loro usare l’aviazione. Anzitutto perché Teheran ha i missili ipersonici, contro i quali le portaerei risultano quasi indifese. Inoltre, perché Teheran ha una contraerea, al contrario di tutti i nemici affrontati finora dai top gun.

Peraltro, l’intervento Usa potrebbe arrivare troppo tardi, dal momento che Teheran ha il potenziale per incenerire Israele prima dell’intervento del golem Usa, reazione che potrebbe innescare l’uso dell’atomica da parte di Tel Aviv. Quest’ultima possibilità, però, è frenata dal rischio che Teheran, a sua volta, infierisca sia con vettori che con attacchi hacker sulla centrale nucleare di Dimona (vedi l’attacco-avvertimento del 20 marzo scorso).

Hackers claim infiltrating Dimona nuclear reactor, stealing data

Insomma, tante le variabili, e tutte a rischio ecatombe, di una eventuale reazione iraniana, che saggiamente ha deciso che la risposta non sarà in modalità escalation, ma a freddo.

Netanyahu, che naviga acque agitate a causa delle pressioni esterne perché freni la mattanza di Gaza e interne a causa delle contestazioni di sinistra, perché si dimetta, e di destra, perché riponga nel cassetto la norma sulla coscrizione degli ultra-ortodossi (finora esentati dalla leva), sta sparando a caso nel tentativo di allargare il fronte del conflitto, che gli permetterebbe di eludere la tagliola che rischia di schiacciarlo.

È dall’inizio della guerra di Gaza che spera in tale sviluppo e opera di conseguenza,  ma l’attacco all’ambasciata segna un punto di svolta. Va frenato o vincerà la sua battaglia per la sopravvivenza, incendiando il mondo. Tale la follia del momento, tale la cecità di quanti, in Occidente e in Israele, plaudono al grande successo dell’operazione.


La mattanza di al Shifa e le invisibili kill zone

Intanto, sul fronte Gaza si rileva la fine della cosiddetta operazione al Shifa, che Israele celebra come un grande successo e i palestinesi e diverse organizzazioni umanitarie come l’ennesima mattanza consumata contro il più grande ospedale di Gaza, che prima della guerra era assurto a simbolo della sollecitudine della comunità internazionale per gli sventurati della Striscia.

Gli israeliani affermano di aver ucciso 200 persone e di averne arrestate 900 in 14 giorni di scontri. Secondo fonti diverse i morti sarebbero 300. Testimoni e operatori sanitari parlano di orrori consumati nel corso dell’attacco. Rimandiamo alla testimonianza della dottoressa Paola Manduca, della “Rete sanitaria italiana per Gaza”.

GAZA: AL-SHIFA HOSPITAL DESTROYED

Nella sua testimonianza, l’assedio all’ospedale, con i pazienti lasciati senza cibo,  acqua potabile, medicine e guanti (i medici hanno dovuto usare le buste di plastica, finché sono durate); il denudamento sistematico, anche per ore, dei medici che hanno tentato di negoziare con gli assedianti; le esecuzioni sommarie di tanti civili nei pressi dell’ospedale e di alcuni anche durante il “percorso sicuro” indicato per l’evacuazione. Dopo l’operazione, l’ospedale è ormai inagibile, essendo stato devastato e bruciato, come denuncia anche Medicines sans frontieres.

Israele nega tutto, ma la bolla della menzogna sta esplodendo. Lo evidenzia un articolo di Haaretz dal titolo “Israele ha creato delle Kill zone, chiunque vi entra viene colpito”.

Questo il sottotitolo: “L’esercito israeliano afferma che dall’inizio della guerra a Gaza sono stati uccisi 9.000 terroristi. Funzionari della difesa e soldati, tuttavia, dicono ad Haaretz che si tratta spesso di civili il cui unico crimine è stato quello di oltrepassare una linea invisibile tracciata dall’IDF”.

Al di là del contenuto, pure significativo, l’importanza dell’articolo sta nel fatto che i soldati israeliani hanno iniziato a parlare di gente uccisa solo perché si trovava nel posto sbagliato al momento sbagliato. Prima o poi le voci dal sottosuolo cominceranno a emergere con più forza, com’è avvenuto per gli orrori di Sabra e Chatila. Anche per questo Netanyahu, e non solo lui, sogna una guerra su larga scala che tutto dilavi.

Quanto alla pressione degli States per frenare l’azione israeliana, si registra una certa distensione dopo l’invio di una delegazione di Tel Aviv negli Usa per sanare le divergenze.

Peraltro, l’America continua a essere distratta, non avendo ancora assorbito il trauma del collasso del ponte di Baltimora, trauma incrementato dalla paura per l’incidente che ha visto una chiatta urtare un pilone di un altro ponte (stavolta in Oklahoma e senza conseguenze disastrose) e di un incendio divampato sotto le campate di un altro ponte, sito quest’ultimo a Las Vegas, California.


-----------------------

ULTIMA USCITA LAD EDIZIONI:

LA TERZA GUERRA MONDIALE? IL FATTORE MALVINAS

ACQUISTALO ORA

 

 Piccole Note

Piccole Note

 

Piccole Note è un blog a cura di Davide Malacaria. Questo il suo canale Telegram per tutti gli aggiornamenti: https://t.me/PiccoleNoteTelegram

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti