/ Cina: "La pressione degli USA sull'Iran provoca tensioni nel mond...

Cina: "La pressione degli USA sull'Iran provoca tensioni nel mondo"

 

La Cina ha chiesto agli Stati Uniti di cessare la "grande pressione" esercitata sull'Iran per evitare l'escalation delle tensioni nell'Asia occidentale e nel mondo intero.


La portavoce del ministero degli Esteri cinese, Hua Chunying, ieri, ha criticato la campagna di "massima pressione" da parte dell'amministrazione americana contro l'Iran e ha esortato Washington a evitare di creare nuovi ostacoli per le parti nell'attuazione dell'accordo nucleare del 2015.
 
L'estrema pressione degli Stati Uniti contro Teheran rimane in vigore da quando il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha ritirato il suo paese dal patto nucleare nel maggio dello scorso anno, prima di accusare, senza prove, le autorità persiane di violare i termini del accordo e cercare attivamente armi nucleari.

 
Gli altri firmatari dell'accordo - Regno Unito, Cina, Francia, Russia e Germania, nonché l'Iran - hanno condannato tale misura e sono rimasti fedeli alle disposizioni. Tuttavia, Teheran afferma che i firmatari europei del patto non hanno preso alcuna misura pratica per salvarlo dal ricatto americano.
 
La portavoce del ministero degli Esteri cinese ha chiesto l'attuazione completa ed efficace dell'accordo nucleare per tutte le parti interessate e ha spiegato che questo è l'unico approccio praticabile per risolvere la questione nucleare dell'Iran e ridurre le tensioni.
 
Hua ha anche affermato che la parte cinese ha anche esortato le delegazioni dell'Iran e la riunione del gruppo 4 + 1 domenica scorsa in una sessione della Commissione congiunta a Vienna (Austria) a mantenere la calma e la moderazione, per risolvere le differenze nel quadro della commissione e promuovere la riduzione delle attuali tensioni.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa