Colloqui sul Nucleare iraniano. la Cina agli Usa: revocare le sanzioni

Colloqui sul Nucleare iraniano. la Cina agli Usa: revocare le sanzioni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Questi nuovi colloqui saranno focalizzati ben poco sul nucleare. Forse non si arriverà nemmeno alla questione. Per l'Iran, e lo ha ribadito, anche la Cina, la partita si gioca sulle sanzioni. L'arma di distruzione di massa Usa delle sanzioni, è bene ricordarlo, danneggia tutti quei Paesi che vogliono stipulare relazioni commerciali e industriali con l'Iran e riguardano anche l'Italia. Un tempo Roma era il primo partner commerciale di Teheran e per fare i servi sciocchi di WAshington abbiamo perso miliardi di euro che si traducono anche in eprdita di posti di lavoro.

Ora, ll termine della prima giornata del settimo giro di colloqui sul nucleare iraniano a Vienna, , volti a rivitalizzare l'accordo del 2015, ufficialmente denominato Comprehensive Plan of Joint Action (PIAC o JCPOA), il capo delegazione cinese Wang Qun ha ribadito  che il dialogo è il modo migliore e unico per porre fine all'impasse.

"L'ambasciatore Wang Qun, alla riunione odierna della commissione mista JCPOA, ha sottolineato che il dialogo e i negoziati sono l'unico modo corretto per risolvere il problema nucleare iraniano e gli Stati Uniti devono revocare tutte le sanzioni, incompatibili con il JCPOA, contro l'Iran e terze parti, inclusa la Cina", ha scritto sull'account Twitter  della missione permanente della Cina presso le Nazioni Unite e altre organizzazioni internazionali.

Dopo una pausa di cinque mesi dovuta alle elezioni presidenziali in Iran e al processo di transizione, Teheran e il G4+1 - Russia, Cina, Francia, Regno Unito e Germania - hanno ripreso ieri, a Vienna i colloqui con uno sguardo alla revoca delle sanzioni contro il Paese persiano.

I colloqui cercano anche di riportare gli Stati Uniti al PIAC dopo averlo lasciato nel 2018 sotto la precedente amministrazione, guidata dal repubblicano Donald Trump. 

Washington ha quindi reimposto tutte le sanzioni contro l'Iran che erano state revocate nell'ambito dell'accordo nucleare e mantiene le restrizioni fino ad oggi nonostante il cambio di governo.  

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha accolto con favore la ripresa dei negoziati ma, allo stesso tempo, ha ricordato che gli Stati Uniti, essendo i principali colpevoli dell'attuale situazione intorno al PIAC, devono revocare le sanzioni contro l'Iran e le entità e individui di paesi terzi come la Cina.

Vanno rispettati i diritti e gli interessi legittimi delle parti coinvolte nella cooperazione economica e commerciale con l'Iran, ha aggiunto Wang in una conferenza stampa da Pechino, , dove ha sottolineato che nessuna delle parti dovrebbe imporre altre condizioni per rilanciare il PIAC.  

Dal canto suo, la delegazione negoziale iraniana, presieduta da Ali Baqeri Kani, considera il raggiungimento dell'eliminazione totale, garantita e verificabile degli embarghi come il primo obiettivo del Paese persiano a Vienna.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti