Dalla Russia: espulsione dei diplomatici in Repubblica Ceca per coprire coinvolgimento USA nel golpe in Bielorussia

Dalla Russia: espulsione dei diplomatici in Repubblica Ceca per coprire coinvolgimento USA nel golpe in Bielorussia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nella giornata di ieri la Repubblica Ceca ha comunicato alla Russia l’espulsione di 18 dipendenti dell'ambasciata russa, ritenuti dalle autorità di Praga ufficiali dell’intelligence russa. A riferire la volontà del governo ceco il vice primo ministro, ministro degli Interni e ministro degli Esteri facente funzione, Jan Hamacek. 

"In qualità di ministro degli Esteri ceco, ho deciso di espellere i dipendenti dell'ambasciata russa a Praga che sono stati chiaramente identificati dai nostri servizi speciali come ufficiali delle agenzie di intelligence russe SVR e GRU. Entro 48 ore, i 18 membri dello staff della Russia l'ambasciata dovranno abbandonare la Repubblica Ceca”, queste le parole di Hamacek riportate dall’agenzia TASS. 

Il vice primo ministro ha poi aggiunto che la decisione darà un duro colpo alle relazioni russo-ceche, ma il suo paese è costretto a procedere in tal senso. 

"Siamo nella stessa situazione in cui si trovava il Regno Unito dopo il tentativo di avvelenamento (degli Skripal) a Salisbury nel 2018. Alle 19.00, ho convocato l'ambasciatore russo Zmeyevsky e l'ho informato a riguardo”. 

Alla conferenza stampa ha partecipato anche il primo ministro ceco Andrej Babis. Ha affermato che i servizi di intelligence nazionali hanno indicato il coinvolgimento dell'agenzia di intelligence militare russa (GRU) nell'esplosione in un deposito di munizioni nel villaggio di Vrbetice, fuori dalla città di Zlin, nell'est del paese, nel 2014.

"C'è un sospetto fondato sul coinvolgimento di ufficiali dei servizi segreti russi GRU, unità 29155, nell'esplosione del deposito di munizioni nell'area di Vrbetice", ha detto Babis.

Una mossa per coprire quanto accadeva in Bielorussia?

L’occidente cerca di "ignorare" il piano per un colpo di Stato sventato in Bielorussia con le dichiarazioni di Praga sull'espulsione dei diplomatici russi, questo è quanto pensa la la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

"Sembra, e tali impressioni sono supportate da materiale reale, che nello spazio delle informazioni, prima di tutto, lo spazio delle informazioni occidentali, i nostri partner occidentali hanno cercato di ignorare l'importanza e l'attualità delle informazioni rilasciate sia dalla Russia che dalla Bielorussia su non semplicemente una trama ma un vero e proprio piano di un colpo di Stato costituzionale”, ha affermato la diplomatica russa in un'intervista al canale televisivo Rossiya-1 quando le è stato chiesto di commentare il motivo per cui le notizie sui piani di golpe e la dichiarazione di Praga sull'espulsione dei diplomatici russi sono arrivate contemporaneamente.

L'espulsione dei diplomatici russi dalla Repubblica Ceca ha dimostrato che le autorità di Praga mancano di indipendenza nella loro politica estera e nelle relazioni con la Russia, ha osservato Zakharova.

"Le azioni di Praga sono assolutamente caricaturali. Così ieri ha dimostrato la mancanza di una politica indipendente negli affari internazionali e, in particolare, nelle relazioni bilaterali con il nostro Paese”. 

La Russia annuncerà presto passi concreti in risposta all'espulsione dei diplomatici russi, ha poi sottolineato Zakharova.

Non solo Zakharova indica quanto accaduto in quel di Minsk come il reale motivo dell’espulsione dei diplomatici russi dalla Repubblica Ceca. Leonid Slutsky, presidente della commissione per gli affari Esteri della Duma russa, ha dichiarato tramite il canale YouTube Solovyev Live, che quanto accaduto in Repubblica Ceca è da collegare con il piano fallito di rovesciare ed uccidere il presidente Lukashenko in Bielorussia.

Secondo il legislatore, "non appena sono state espresse le accuse rivolte al presidente degli Stati Uniti" allora, "come per comando", le autorità ceche hanno annunciato l'espulsione dei diplomatici russi.

"È ovvio che si è trattato chiaramente di una messa in scena. I bielorussi attaccano gli Stati Uniti e distrarremo (l’attenzione) sia nella sfera politica che in quella dell'informazione e attaccheremo la Russia", ha affermato Slutsky. Secondo lui, i politici europei, controllati da Washington, "distoglieranno in ogni modo l'attenzione dalla situazione in Bielorussia". "Non hanno nemmeno provato a inventare qualcosa di nuovo e intelligibile".

Il presidente della commissione per gli affari Esteri della Duma ha poi reso noto di aver ricevuto telefonate da colleghi dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa che si interrogavano sulla situazione. 

“È chiaro che la situazione è indotta dall’Occidente. La risposta sarà adeguata. Bisogna rispondere a queste cose. E la nostra risposta sarà immediata”. 

La protesta del ministero degli Esteri di Mosca

"Le autorità ceche hanno preso la decisione senza precedenti di espellere 18 membri del personale dell'ambasciata russa con pretesti infondati e inverosimili riguardo al coinvolgimento dei servizi speciali russi nell'esplosione del 2014 nei magazzini militari del villaggio di Vrbetice. Questo è ancora più assurdo, poiché in precedenza la leadership ceca aveva attribuito la colpa delle esplosioni alle aziende che possiedono questi magazzini”, si legge in una nota di protesta diffusa dal ministero degli Esteri russo.

"Esprimiamo una protesta risoluta alle autorità ceche. Adotteremo misure di ritorsione, che costringeranno le menti di questa provocazione a rendersi conto della loro piena responsabilità di rovinare le basi delle normali relazioni tra i nostri paesi", afferma il documento.

Secondo il ministero degli Esteri, "questo passo ostile" è il seguito di una serie di azioni anti-russe intraprese dalla Repubblica Ceca negli ultimi anni. "Una traccia statunitense non può essere ignorata anche qui. Nei loro sforzi per compiacere gli Stati Uniti contro la Russia, le autorità ceche hanno persino sopravanzato i loro padroni d'oltremare", ha affermato il ministero degli Esteri russo.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Nel paese più vaccinato al mondo i casi Covid si impennano di Francesco Santoianni Nel paese più vaccinato al mondo i casi Covid si impennano

Nel paese più vaccinato al mondo i casi Covid si impennano

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti