"Dannosi per i bambini". Cina, la lista dei marchi esclusi dalle importazioni

"Dannosi per i bambini". Cina, la lista dei marchi esclusi dalle importazioni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'Amministrazione generale delle dogane della Cina ha accusato diversi marchi internazionali di fornire al Paese articoli per bambini che potrebbero mettere a rischio la salute e l'integrità dei bambini.

Secondo una dichiarazione  rilasciata dall'entità, le ispezioni tra giugno 2020 e maggio 2021 hanno rilevato che 81 lotti di merci importate di cinque categorie - giocattoli, scarpe, spazzolini da denti, bottiglie e abbigliamento - non sono idonei per "qualità e sicurezza",  informando che i prodotti "saranno distrutti e restituiti" in conformità con le leggi e i regolamenti del paese.

La dogana ha presentato un elenco con diverse dozzine di prodotti e produttori, che include nomi come Nike, Zara, H&M, Lego o Sega.

La maggior parte degli articoli è stata giudicata "carente" per la solidità del colore, la resistenza alla trazione degli accessori, le istruzioni per l'uso, le dimensioni delle parti o perché conteneva sostanze tossiche e pericolose.

Il rapporto specifica che gli indumenti contengono "coloranti o sostanze nocive  che possono essere assorbite dal corpo attraverso la pelle, la bocca, ecc. e mettono in pericolo la salute". 

Rileva, inoltre, che i giocattoli potrebbero "causare danni alla pelle e alle vie respiratorie" o indurre i bambini a ingerirli "facilmente per errore e causare soffocamento" o lesioni dovute a un uso improprio. Nel frattempo, gli spazzolini da denti rifiutati possono "danneggiare le gengive e i tessuti molli orali", si legge nel documento.

L'annuncio dell'autorità doganale arriva dopo mesi di tensione tra Pechino e diverse nazioni occidentali, che nel marzo scorso hanno sanzionato funzionari e un'entità cinesi ritenendoli responsabili di presunte violazioni dei diritti umani della minoranza musulmana uigura nella regione dello Xinjiang, dove viene raccolto un quinto della produzione mondiale di cotone.

La controversia che circonda questa regione ha portato marchi come H&M, Nike e Adidas a decidere di non acquistare cotone dallo Xinjiang, provocando boicottaggi contro queste aziende in tutta la Cina. 

I governi occidentali accusano Pechino di trattenere gli uiguri nei campi di rieducazione, mentre la Cina nega le accuse, sottolineando che i campi sono centri di formazione professionale e fanno parte degli sforzi per combattere il terrorismo.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle di Paolo Desogus Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass: si o no? di Alberto Fazolo Green Pass: si o no?

Green Pass: si o no?

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia