ALBA LATINA/Dichiarazione della TRISOL in appoggio alla Legge Antibloqueo del...

Dichiarazione della TRISOL in appoggio alla Legge Antibloqueo del Presidente Maduro

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


I membri dell'Associazione civile Tricontinentale per le Relazioni Internazionali e la Solidarietà esprimono il loro più fervido sostegno a quella recentemente approvata dall'Assemblea Nazionale Costituente, la Legge Antibloqueo per lo Sviluppo Nazionale e la Garanzia dei Diritti Umani, e la difendiamo fino alle ultime conseguenze perché puntiamo su ragioni etiche, umane, socio-politiche ed economiche e su una realtà in continua trasformazione raggiunta con l'impegno, i sacrifici e la dedizione delle persone da più di vent'anni.
 
Dal trionfo del progetto rivoluzionario bolivariano nel 1999, sotto la guida dell'eterno Comandante di oggi, Hugo Rafael Chávez Frías, e l'inizio di profonde trasformazioni politiche e sociali, l'impero più genocida della storia umana, guidato dal governo degli Stati Uniti ha iniziato un attacco sempre più intenso contro la nostra nazione, soprattutto dopo che il popolo venezuelano ha sconfitto il colpo di stato del 2002 di Washington e si è espanso nell'ideale di unità ed emancipazione per questo continente, culminato nel creazione della Comunità degli Stati dell'America Latina e dei Caraibi (CELAC).
 
Di fronte ad altri profondi cambiamenti in altre regioni del pianeta, la morte del nostro ammirato Chávez e la vittoria nel 2013 del patriota rivoluzionario Nicolás Maduro, l'imperialismo ha apertamente aumentato la sua aggressività con la decisione della Casa Bianca nel 2015 di considerare il Venezuela una “minaccia insolita e straordinaria”, cosa che ha sorpreso la comunità internazionale per essere stata una misura bellicosa assurda per alterare la pace del nostro Paese e della regione. Nei mesi successivi quel governo, violatore del diritto internazionale e frequenti invasori di popoli indifesi, iniziò ad applicare misure coercitive unilaterali, quella che molti analisti internazionali hanno definito "guerra non convenzionale", "guerra di quinta generazione", "guerra multiforme" o " guerra ibrida ”.
 
Dal 2018, il governo nordamericano presieduto dal razzista e suprematista Donald Trump, insieme ai governi pseudo-democratici collaborazionisti membri del sedicente Lima Group; in particolare la Colombia e altri governi membri dell'Unione europea (UE), oltre agli pseudo-leader apolidi dell'opposizione venezuelana, si sono assunti il ??compito di espandere e lanciare ulteriori attacchi, tutti volti alla distruzione della nostra principale industria; PDVSA, e generare caos attraverso azioni di sabotaggio dei servizi di base, come quelli del Sistema Elettrico Nazionale (SEN), dell'agrobusiness, della sanità pubblica, della telefonia e altri processi economici al fine di creare condizioni conflittuali volte a promuovere un guerra civile e quindi avere la scusa per invadere la patria.
 
Nonostante i tentativi di colpo di stato, gli omicidi, le incursioni armate, le sanzioni illegali contro individui e aziende, il blocco economico, commerciale e finanziario e persino il furto di beni nelle banche internazionali, la nostra gente rimane pronta a combattere e difendere completamente la Patria, insieme al presidente costituzionale della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Nicolás Maduro Moros, per resistere e neutralizzare questo insieme di aggressioni contrarie al Diritto Internazionale Pubblico (DIP).
 
Il popolo del Venezuela insieme al suo Presidente e alla solidarietà attiva di popoli fratelli come Cuba, Russia, Cina, Iran, Vietnam, organizzazioni come l'Alleanza Bolivariana dei Popoli della Nostra America (ALBA), il Movimento dei Paesi Non Allineati (NAM) , l'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e l'OPEC Plus, tra gli altri, sono riusciti a mantenere e approfondire, sulla base dell'eredità dell'Eterno Comandante, espresso nel Plan de la Patria 2019-2025, il percorso socialista delineato e ribadito dalla maggioranza degli elettori in più di quindici processi elettorali da quando ha deciso di cambiare e sconfiggere il capitalismo predatore. Questi ventuno anni di rivoluzione sociale costituiscono la continuazione e la realizzazione dei compiti del nostro liberatore Simón Bolívar, che non ha potuto portare a termine duecento anni fa. E l'ora sociale è giunta per fare giustizia in base alla legge.
 
Ad oggi, il governo rivoluzionario ha consegnato tre milioni e duecentomila case, costruite dalla forte unità popolo-governo, in alleanza con aziende dei paesi fratelli. Dalla necessaria visione integrale, è necessario comprendere cosa implica questo ampio processo socioeconomico; quasi un quarto della popolazione nazionale ha beneficiato di una migliore e più completa qualità della vita; l'espansione delle fonti di occupazione dirette e indirette attraverso l'acquisto milionario di input, attrezzature industriali e domestiche; in breve, un intero insieme di prodotti e servizi che danno energia al sistema economico.
 
 
Ai tempi della pandemia Covid-19, il sistema sanitario, Pubblico e privato, quest'ultimo sostenuto finanziariamente dal governo bolivariano, sono stati all'altezza delle aspettative della popolazione perché riconoscono la gravità della situazione provocata dall'estero. Nonostante gli innumerevoli problemi, oggi il Venezuela è uno dei paesi in cui la pandemia è stata meglio controllata e la sua pratica è un esempio affidabile per i paesi della regione che soffrono di governi corrotti e inetti per soddisfare i bisogni dei loro popoli.
 
In ambito economico, l'agroalimentare mantiene la sua scommessa per aumentare il livello di crescita, i principali prodotti alimentari sono aumentati nel commercio formale e informale; Il Comitato locale per l'approvvigionamento e la produzione (CLAP) è riuscito a garantire che molti degli alimenti di base raggiungano anche la tavola dei più umili e bisognosi. E tutto viene raggiunto nonostante la famigerata politica estera anti-venezuelana del governo genocida degli Stati Uniti e dei suoi lacchè.
 
Non c'è dubbio che sotto la presidenza e la guida di Nicolás Maduro Moros, con il popolo combattivo in azione, il paese rimane sulla strada della vittoria e vive bene, consolidando la transizione al socialismo. Tuttavia, la lotta antimperialista continua, la guerra che l'impero gringo ed i suoi lacchè stanno conducendo contro il popolo venezuelano è ogni giorno più sanguinosa, motivo per cui il presidente ha bisogno di strumenti legali che gli permettano di continuare la difesa nazionale proteggendo i diritti umani. , intraprendendo strategie più tempestive ed efficaci, energiche e di successo. Per questo il primo presidente, ha consegnato all'Assemblea Nazionale Costituente (ANC), per la revisione e l'approvazione, la Legge Anti-Bloqueo, atto che è già avvenuto ed è stato approvato in plenaria di questa ANC.
 
Per tutto quanto precede, l'associazione civile TRISOL e il movimento dei Corrispondenti Volontari del Popolo, composto da lavoratori di varie professioni e mestieri del Venezuela e di altri popoli di solidarietà, amanti della pace e dei rapporti di fratellanza, con il responsabilità sociale che è stabilita nel suo Statuto, esprime il suo pieno accordo con l'approvazione e l'attuazione della Legge Anti-Bloqueo, oltre a dare il suo sostegno illimitato al Presidente Nicolás Maduro Moros, il nostro condottiero delle nostre vittorie.
 
Siamo un popolo di indipendenza, insurrezione, resistenza, vinto per rimanere vittorioso e sconfiggere una volta per tutte le pretese invasive del governo criminale degli Stati Uniti e degli apolidi venezuelani, che vogliono solo "cambiare il regime" per prendere il sopravvento delle risorse e della ricchezza delle persone e quindi rafforzare la loro egemonia nel mondo soggiogando i popoli, e non lo permetteremo. I popoli si sono svegliati e camminano ogni giorno più uniti. Il popolo venezuelano, con lo spirito di Bolívar e Chávez incarnato in tutti, e la leadership del presidente dei lavoratori Nicolás Maduro Moros, continuerà di vittoria in vittoria.
 
Unità, lotta, battaglia e vittoria
 
Sempre leali, vivremo e vinceremo
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa