Disgelo Siria-Monarchie del Golfo. Assad incontra Ministro degli esteri degli Emirati Arabi Uniti

Disgelo Siria-Monarchie del Golfo. Assad incontra Ministro degli esteri degli Emirati Arabi Uniti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Oggi il ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti, Abdullah Bin Zayed Al-Nahyan, è arrivato nella capitale siriana Damasco. Una visita impensabile fino a pochi anni fa, dopo la guerra sostenuta dall'occidente nel 2011 nella quale le monarchie del Golfo hanno avuto un ruolo decisivo.

Al suo arrivo, Bin Zayed ha incontrato il presidente siriano Bashar al-Assad per discutere di legami bilaterali e partnership commerciali, secondo una dichiarazione rilasciata dalla presidenza siriana.

"Lo sceicco Abdullah ha sottolineato il sostegno degli Emirati Arabi Uniti agli sforzi per la stabilità in Siria... esprimendo la sua fiducia che la Siria, sotto la guida del presidente Al-Assad, e gli sforzi del suo popolo siano in grado di superare le sfide causate dalla guerra", si legge nella dichiarazione. .

In precedenza, i media arabi avevano riferito che il ministro degli Emirati Arabi Uniti ha viaggiato con una "grande delegazione del Golfo" nella capitale siriana.

Quest'ultimo disgelo delle relazioni tra il governo siriano e gli Stati del Golfo arriva appena un mese dopo che Abu Dhabi ha annunciato di aver concordato con Damasco di "rafforzare il commercio e la cooperazione economica", a seguito di un incontro tra i ministri dell'economia di entrambi i paesi a margine del Dubai Expo 2020.

Mentre gli Emirati Arabi Uniti avevano precedentemente sostenuto i gruppi armati sostenuti dall'occidente che cercavano di rovesciare il governo siriano, negli ultimi anni il paese è stato in prima linea nella normalizzazione dei legami con Damasco, poiché all'inizio di quest'anno ha persino chiesto la riammissione della Siria nella Lega araba.

La Giordania ha anche spinto per riportare la Siria nell'organizzazione regionale, così come solo il mese scorso il presidente Assad ha avuto un colloquio telefonico con il re Abdullah II per la prima volta dal 2011, dopo che i due paesi hanno anche riaperto un importante valico di frontiera.

Certamente questi miglioramenti delle relazioni diplomatiche tra la Siria ed i Paesi della Regione non saranno sconosciuti a Washington che tiene al guinzaglio Amman come Abu Dhabi. La crisi economica in seguito alla pandemia spinge probablmente gli Usa a permettere ai suoi burattini in Medio Oriente ad avere qualche relazione commerciale, come il gasdotto tra Giordania, Libano e Siria che sarà presto abilitato.

Finora le terribili sanzioni degli Usa contro la Siria, il Caesar Act non sono state revocate. Revocarle significherebbe per Washington una dichiarazione dell'ennesimo fallimento flop nella sua strategia di regime change.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti