"Donald Trump è stata l'espressione più onesta degli Stati Uniti che abbiamo mai visto in un presidente"

"Donald Trump è stata l'espressione più onesta degli Stati Uniti che abbiamo mai visto in un presidente"

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.



di Erikmar M. Balza Guerrero - teleSUR

 

Quando iniziavano ad arrivare i risultati delle elezioni presidenziali statunitensi, la reazione in tutto il mondo, almeno a sinistra, fu di incredulità. Non si riusciva a immaginare che in queste elezioni le distanze tra i candidati potessero essere così vicine dopo quattro anni di Donald Trump, la cui amministrazione, concordiamo tutti, è stata aberrante e oltraggiosa.

 

Hanno ragione sul fatto che il suo razzismo palese, l'incitamento alla violenza e la misoginia esplicita sono stati più pronunciati di quelli dei presidenti precedenti, che si sono presi la briga di mascherare i loro impulsi. Non c'è dubbio inoltre che a Trump manchi un minimo di empatia per gli altri.

 

Ma è davvero così diverso dai suoi predecessori? Più brutale? Più razzista? O più egoista? Non credo.

 

Donald Trump è stata l'espressione più onesta degli Stati Uniti che abbiamo mai visto in un presidente. Per chi come noi che ha visto o sentito la barbarie dell'industria bellica, le sanzioni unilaterali, i blocchi economici e l'ingerenza degli Stati Uniti in tutto il mondo, in particolare nelle democrazie legittime, questo è abbastanza chiaro.

 

Naturalmente, l'orrore e l'indignazione che i cittadini statunitensi provano contro l'amministrazione Trump sono stati giustificati. La separazione e l'ingabbiamento delle famiglie di immigrati che cercano rifugio ai confini, la sua misoginia, la sua promozione del suprematismo bianco, l'esaltazione di quel "destino manifesto" e l'incoraggiamento delle milizie paramilitari razziste, il suo nepotismo diretto, conflitti di interessi, corruzione politica, l'incommensurabile aumento dei suoi capitali, la sua cattiva gestione della pandemia tradotta in quasi 300.000 morti, l'evasione fiscale, tra le altre degenerazioni discutibili per qualsiasi pubblica amministrazione, sono scioccanti sia per il popolo USA, sia per il mondo.

 

Ma la verità è che l'unica cosa che lo distingue davvero dai precedenti presidenti è che ha trasformato lo spirito di supremazia, razzismo e divisione in uno specchio del Pentagono in carne e ossa, mentre i suoi predecessori, eloquentemente, con sorrisi e temperamenti anche "quasi perfetti", hanno fatto cadere quelle maschere sulle rovine lasciate dalle bombe sui tetti degli indifesi del mondo.

 

Diciamo allora come mai Trump dice "fai marcia indietro e aspetta" quando si riferisce al Venezuela, ma lo vediamo più odioso del presidente Bill Clinton che bombarda le infrastrutture idriche irachene per distrarre dal suo scandalo sessuale con Monica Lewinsky?

 

O più atroce dell'ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, Madeleine Albright, che dichiara che "valgono la pena" 500.000 bambini iracheni uccisi a causa delle sanzioni statunitensi (presumibilmente vale la pena distruggere un'antica civiltà per ottenere il suo petrolio e garantire l’egemonia israeliana nella regione)?

 

O più atroce del Segretario di Stato Hillary Clinton che scherzando disse: "Siamo venuti, abbiamo visto ed è morto“ parlando del raccapricciante assassinio del leader libico Muhammad Gheddafi e la distruzione totale di altre nazioni arabe e africane precedentemente ben funzionanti?

 

Lo statunitense medio, non ha mai visto e nemmeno si è preso la briga di provare a vedere, l'ineffabile distruzione generazionale e il dolore che ha inflitto al Sud America ma in particolare alle nazioni arabe che pur non avendo fatto nulla agli Stati Uniti, giacciono in indescrivibili rovine e angoscia a causa dell'industria bellica statunitense.

 

Ora, cosa fare con gli oltre 70 milioni di statunitensi che hanno votato per Trump? Nelle ultime elezioni presidenziali dove Joe Biden è rimasto vincitore dopo il rifiuto di Trump di concedere la vittoria al suo rivale democratico e i suoi tentativi di minare la legittimità dei risultati elettorali con false accuse di frode elettorale.

 

Questa parte significativa di coloro che hanno votato per Trump sono senza dubbio irrimediabilmente razzisti e desiderosi di avere un amico suprematista bianco alla Casa Bianca. Sono le reliquie di un'orribile storia di razzismo che è, e sarà sempre, definitiva in questo paese.

 

Per trovare un po' di "anima" in questo paese, devono fare marcia indietro fino a dopo la guerra del Vietnam, quando una fusione di sentimenti pacifisti e rivolte per i diritti civili ha plasmato la politica della nazione. Questo è l'unico modo per riavviare la politica statunitense con una consapevolezza fondamentale del terrore storico che ha perpetrato nel mondo. Questo non accadrà a meno che gli statunitensi non vedano la loro storia come parte integrante della storia del mondo in balia del loro militarismo guerrafondaio.

 

Rinnovare la politica statunitense significa risvegliare la sua memoria storica, tornare al discorso storico di Martin Luther King "Oltre il Vietnam" nel 1967 e ricordare il modo in cui esortò a combattere "I tre giganti del razzismo, dell'estremo materialismo e del militarismo ”. Solo così gli Stati Uniti potranno prendere l’unica strada che salvaguarda l'umanità, il mondo multipolare.

 

Altrimenti, continueranno ancora a puzzare di zolfo...

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

 

 

Potrebbe anche interessarti

Crisi Governo. In politica chi bara, tradisce o sbaglia deve pagare di Francesco Erspamer  Crisi Governo. In politica chi bara, tradisce o sbaglia deve pagare

Crisi Governo. In politica chi bara, tradisce o sbaglia deve pagare

Censura web. Da Trump a Il Manifesto ci è voluto poco di Paolo Desogus Censura web. Da Trump a Il Manifesto ci è voluto poco

Censura web. Da Trump a Il Manifesto ci è voluto poco

29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE di Giorgio Cremaschi 29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE

29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE

La farsa di Capitol Hill  e la fiction democratica   di Bruno Guigue La farsa di Capitol Hill  e la fiction democratica

La farsa di Capitol Hill e la fiction democratica

L'elefante nella stanza (che non state considerando) di Antonio Di Siena L'elefante nella stanza (che non state considerando)

L'elefante nella stanza (che non state considerando)

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti