Doppi standard. La Germania approva l'accordo sulle armi l'Arabia Saudita

Doppi standard. La Germania approva l'accordo sulle armi l'Arabia Saudita

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ecco un chiaro esempio doppia morale dell’Occidente. Sanzioni e blocchi dell’acquisto di gas dalla Russia per la guerra in Ucraina, però si possono comprare idrocarburi e vendere persino armi, come all’Arabia Saudita che da sette anni sta devastando lo Yemen con centinaia di migliaia di vittime tra morti, feriti e sfollati.

I media tedeschi hanno riferito, ieri, che Berlino ha approvato una serie di nuovi accordi di esportazione di armi con l'Arabia Saudita, a dispetto del divieto del 2018 per la brutale guerra di Riad nello Yemen.

In una lettera al Bundestag, il ministro dell'Economia del Paese, Robert Habeck, ha affermato che gli accordi sono stati approvati dal cancelliere tedesco Olaf Scholz poco prima della sua recente visita in Arabia Saudita.

Le licenze di esportazione tedesche rientrano in un programma di esportazione congiunto con Spagna, Italia e Regno Unito, specifica la lettera di Habeck, e consentiranno a Riad di acquistare attrezzature e munizioni per aerei da guerra Eurofighter e Tornado per un importo di circa 35 milioni di dollari.

La Germania, le cui esportazioni di armi in Arabia Saudita sono state di circa 1,22 miliardi di dollari nel 2012, ha vietato l'esportazione di armi nel regno nel 2018 come parte di un divieto più ampio contro i paesi coinvolti nella guerra contro lo Yemen, nonostante alcune eccezioni.

Tuttavia, l'anno successivo è stato imposto un divieto totale dopo l'omicidio dell'editorialista Jamal Khashoggi all'interno dell'ambasciata saudita a Istanbul.

Questo divieto inizialmente rientrava nella politica tedesca di non esportare armi in zone di guerra attive, una politica che è cambiata a causa delle pressioni della NATO su Berlino per inviare armi in Ucraina.

Gli accordi di esportazione di armi arrivano in un momento in cui la Germania si sta affrettando a rafforzare le relazioni con i paesi esportatori di energia, poiché il paese deve affrontare una grave catastrofe economica dopo aver perso l'accesso al carburante russo

Scholz è partito la scorsa settimana per un tour negli stati del Golfo, iniziato in Arabia Saudita il 24 settembre, nel tentativo di diversificare l'approvvigionamento energetico della Germania.

Questa missione è diventata sempre più urgente dopo il sabotaggio che ha preso di mira gli oleodotti Nord Stream del Cremlino questa settimana.

La perdita di carburante russo ha spinto diverse industrie tedesche sull'orlo del collasso e ha anche costretto Berlino a nazionalizzare uno dei principali fornitori di energia della nazione per salvarlo dalla bancarotta.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Il Rubicone della NATO di Giuseppe Masala Il Rubicone della NATO

Il Rubicone della NATO

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti