Evo Morales ed Erdogan decisi a rafforzare i legami bilaterali tra Bolivia e Turchia

Evo Morales ed Erdogan decisi a rafforzare i legami bilaterali tra Bolivia e Turchia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il presidente della Bolivia Evo Morales è arrivato lunedì nella capitale turca Ankara e ha incontrato il suo omologo Recep Tayyip Erdogan in una prima visita in Turchia da parte di un presidente boliviano, per rafforzare i legami bilaterali tra le due nazioni.

 

Nella giornata di martedì, il leader boliviano ha reso omaggio al fondatore e primo presidente della Repubblica di Turchia, Mustafa Kemal Atatürk, nel mausoleo a lui dedicato ad Ankara.

 

Evo Morales ha affermato che il suo paese aprirà un'ambasciata ad Ankara nelle prossime settimane. I due leader hanno anche concordato un aumento esponenziale del commercio bilaterale, poiché l'attuale volume di 113 milioni di dollari l'anno, "è troppo piccolo" e il nuovo obiettivo è di 500 milioni di dollari l'anno, ha spiegato Erdogan.

 

Da parte sua, Morales ha evidenziato l'enorme potenziale offerto dai depositi di litio boliviano, i più grandi al mondo, in cui già lavorano aziende cinesi e tedesche, e ha osservato che "la presenza di aziende turche sarebbe importante".

 

"Questi sono tempi di cooperazione, non siamo parte dei muri che dividono i popoli del mondo, il tempo per la divisione imperialista è finito, la pace sarà garantita solo se la giustizia sociale e la dignità dei popoli saranno rispettate", ha sottolineato Evo Morales.

 

Erdogan ha affermato che visiterà la Bolivia alla fine di quest'anno insieme a una delegazione commerciale turca con l’obiettivo di trovare un meccanismo di espansione commerciale.

 

Ed apprezzato il fatto che "ci dicono che nel primo trimestre del 2020 i primi voli diretti dalla Turchia arriveranno in Bolivia", in riferimento alla prevista espansione della compagnia di bandiera turca Turkish Airlines, che negli ultimi anni ha aperto rotte verso Brasile, Argentina, Venezuela, Colombia e Panama.

 

Morales ha inoltre avuto parole di ringraziamento per la donazione di attrezzature mediche turche per gli ospedali boliviani e ha affermato che il suo paese ha "un grande interesse" per "l'acquisizione e il trasferimento di materiale di difesa".

 

Entrambi i presidenti hanno anche sottolineato il loro accordo in merito a diverse questioni di politica estera, in particolare a sostegno del governo di Nicolás Maduro in Venezuela contro le politiche interventiste degli Stati Uniti sostenute dagli alleati di destra.

 

"Quasi tutti i governi (latinoamericani), sia di destra che di sinistra, rifiutano l'intervento militare in Venezuela nonostante le loro differenze ideologiche, designare i presidenti è come nominare un viceré durante i periodi coloniali", ha dichiarato Morales.

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

CHI LOTTA PER IL LAVORO, LOTTA PER IL PAESE INTERO di Savino Balzano CHI LOTTA PER IL LAVORO, LOTTA PER IL PAESE INTERO

CHI LOTTA PER IL LAVORO, LOTTA PER IL PAESE INTERO

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza di Damiano Mazzotti La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia