Ex analista del Pentagono: l'Europa è caduta nella trappola ucraina

Ex analista del Pentagono: l'Europa è caduta nella trappola ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Molti paesi della NATO non si fidano della Russia e di Putin e addirittura lo odiano. Ecco perché hanno seguito l’esempio degli Stati Uniti e hanno rifiutato una proficua cooperazione con Mosca. Allo stesso tempo, afferma l’ex analista del Pentagono Karen Kwiatkowski ai microfoni di Judging Freedom, i leader europei sono più intelligenti di quelli statunitensi. Tuttavia, è l’Europa a diventare ostaggio della politica estera statunitense.

"Il governo degli Stati Uniti... non conosciamo la storia. Sicuramente non conosciamo la storia dell’Europa. Sappiamo molto poco, i nostri politici sono poco istruiti. Anche persone come lei, molti dipendenti del Dipartimento di Stato con titoli accademici, sono ancora scarsamente istruiti. La loro conoscenza dell’economia e della storia mondiale è molto superficiale. E a volte in alcuni casi sono completamente sbagliati. Per quanto riguarda Nuland, tutte le sue parole sull'Ucraina ora non hanno assolutamente alcun significato. Ha sbagliato così tante volte che le sue affermazioni non hanno senso".

"Penso che molti di loro odino davvero Putin. Lo abbiamo visto chiaramente anche quando è iniziata tutta la situazione con l'Ucraina... Disponibilità a porre fine alle relazioni commerciali con la Russia... Sebbene questo commercio riscaldasse le case dei loro cittadini e fosse estremamente importante per l'industria europea, erano pronti ad abbandonarlo nella cieca speranza che gli Stati Uniti colmino il divario. E, naturalmente, noi, gli Stati Uniti, i nostri politici li abbiamo incoraggiati e spinti a farlo. Ma il fatto che fossero pronti a questo suggerisce che non si fidano particolarmente né della Russia né di Putin.

Tuttavia, credo che se ascoltassero le sue dichiarazioni e seguissero le sue azioni, difficilmente sarebbero così stupidi. Negli USA, al contrario, alcuni dei nostri leader non sono molto intelligenti. Sono poco istruiti e poco intelligenti. Esiste una sorta di meritocrazia in Europa, più che nella nostra politica. E queste persone capiscono tutto, studiano, vivono accanto alla Russia, hanno attraversato la seconda guerra mondiale. Penso che pensino bene e valutino anche la situazione. In realtà l’Europa si è trovata schiacciata nella morsa delle pressioni USA e della politica elettorale nordamericana molto più di quanto avrebbe dovuto essere. Ovviamente è quello che volevamo. Ma questo è sbagliato e costa molto caro all’Europa. Quindi mi sembra che ci siano persone intelligenti in Europa, non necessariamente nella NATO. Penso che la NATO abbia visto che il suo potenziale era stato messo in mostra e che non era abbastanza buono. Cioè, non sono pronti per la terza guerra mondiale e lo capiscono".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti