Fondo sovrano della Russia riduce a zero le riserve in dollari

Fondo sovrano della Russia riduce a zero le riserve in dollari

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Russia ha eliminato la valuta statunitense dal suo Fondo Sovrano aumentando la quota dell'euro, dello yuan cinese e dell'oro, ha annunciato ieri il ministero delle finanze del paese.

La quota di dollari statunitensi nel fondo è stata ridotta dal 35% a zero, mentre la quota della sterlina britannica è stata ridotta al 5%. Le quantità di euro e yuan cinese sono aumentate rispettivamente al 39,7% e al 30,4%. 

La quota dello yen giapponese si attesta al 4,7% e la quota dell'oro non in contanti è del 20,2%, si legge nel comunicato ufficiale del ministero delle Finanze.

“Queste operazioni di conversione sono state effettuate con i fondi della NWF in valuta estera depositati presso la Banca di Russia a partire dal 1 luglio 2021, nonché con fondi del bilancio federale in valuta estera per l'equivalente di 31,6 miliardi di rubli, accreditati al Fondo il 2 luglio di quest'anno al fine di formarlo in conformità con la legislazione della Federazione Russa" , si sottolinea nella dichiarazione.

Il ministero russo ha indicato che lo yuan e l'euro sono visti come un'alternativa al dollaro "come le valute dei principali partner economici esteri della Russia" , mentre l'oro è considerato come "un bene in grado di proteggere gli investimenti della NWF dai rischi inflazionistici".

Il ministero delle Finanze ha spiegato che i suoi ultimi passi sono stati volti “a garantire la sicurezza dei fondi NWF nel contesto delle tendenze macroeconomiche e geopolitiche degli ultimi anni e decisioni volte alla “de-dollarizzazione” dell'economia russa. L'azione del ministero rispecchia una mossa simile fatta di recente dalla banca centrale russa al fine di ridurre le attività detenute in valuta statunitense.

Ad aprile, il viceministro degli Esteri Alexander Pankin aveva dichiarato ai giornalisti che le tensioni politiche tra Washington e altre nazioni stavano minando la fiducia nel biglietto verde a livello globale.

Pankin ricordava come le sanzioni statunitensi e l'imprevedibile politica economica “mettono in discussione l'affidabilità e la convenienza dell'utilizzo della valuta americana come valuta prioritaria degli accordi. Di conseguenza, secondo il ministro, i paesi sono ora "costretti ad adottare misure contro il rischio di perdite economiche e transazioni perturbate" , mentre l'utilizzo di altre valute negli scambi sta diventando sempre più conveniente nell'agenda internazionale.

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli