Gli applausi de il manifesto per Biden e Meloni

Gli applausi de il manifesto per Biden e Meloni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ogni tanto mi ritrovo a comprare il manifesto. Non che pensi di trovarci chissà che. Un po' per vecchie abitudini dure a morire; un po' perché, guardando i titoli online, a prima vista mi paiono accattivanti: d'altronde, la specialità de il manifesto sono proprio i titoli.

Insomma, ieri c'erano il discorso alla nazione di Vladimir Putin e tutta la sceneggiata di Meloni che a Kiev dava il cambio a Biden, spostatosi a Varsavia per rivolgersi «un'altra volta ai russi».

Così l'ho comprato, il manifesto, ma mi sono limitato a questi tre temi; dopo di che è passata ogni voglia di leggere altro.

Il confronto tra i servizi è illuminante sulle “convinzioni” di via Bargoni: tanto sbeffeggiante il primo, nei confronti delle «prevedibili accuse» di Putin «all'”Occidente” e all'Ucraina», quanto ossequioso e mieloso il secondo verso la Meloni, secondo la quale «in Ucraina è in atto un processo accomunabile  all'Ottocento italiano».

Tanto irridente il primo verso il Presidente russo, la cui parole «seguono un copione già impiegato più volte in questo anno di guerra», quanto “toccante” il servizio (al servizio di chi?) da Varsavia, dove l'arrivo di Biden è «stato un evento molto sentito in tutto il paese».
Ora, una volta di più – e ce ne scusiamo - diciamo che le nostre simpatie politiche per Vladimir Putin cominciano e finiscono quando dice (e soprattutto quando dà) il fatto loro ai nazigolpisti insediati a Kiev nove anni fa con l'intervento diretto di USA-UE-NATO.

Per il resto, pensiamo che i comunisti russi abbiano già spiegato a sufficienza l'essenza di classe borghese dell'attuale potere in Russia, espressione degli interessi del grosso capitale industriale e finanziario.

E così, a via Bargoni scrivono candidamente che «Putin minaccia da Mosca», a differenza di Biden che invece «risponde da Varsavia»: si nota la diversità d'accento? D'altronde, quanta comprensione si legge tra le righe, per il tono con cui il presidente USA, dalla capitale polacca, ha proclamato ai russi che «Gli Stati Uniti e i paesi europei non vogliono controllare e distruggere la Russia»! *

 Quale abisso tra un Putin, «dittatore» (parola di Biden) che accusa «L'occidente capace di ogni nefandezza» e nel suo discorso è seguito dalle «élite del paese a Mosca», e un Biden che invece quell'Occidente lo difende e la cui calata su Varsavia è resa ancor più democratica dalla presenza (qui il servizio raggiunge vette di magnificazione della democrazia europeista) di «Lech Walesa, ex leader di Solidarnosc, il primo sindacato libero dell'Europa orientale»; che la madonna di Czestochowa l'abbia in gloria.

Ma l'afflato demo-liberale de il manifesto è al colmo quando riporta le parole di una neofascista che, rivolta a un nazigolpista, gli assicura che, loro, saranno «insieme fino alla vittoria». La commozione del cronista è tale che si sprigiona irrefrenabile quando «Meloni non ha esitato a connotare la resistenza delle forze armate ucraine di rimandi ideologici. E neanche il Risorgimento è stato risparmiato»: che ardore, che impeto patriottico scaturiva nel rievocare mentalmente la «resistenza delle forze armate» germaniche all'avanzare delle orde di bolscevichi verso il Reich.

Una commozione che evolve in passione per quella conferma de «l'atlantismo del governo italiano come non si faceva da tempo». Eja, eja, sembra sul punto di gridare il cronachista, quando cita il golpista di Kiev che liquida Berlusconi con un perentorio «non ha mai subito un bombardamento alla propria abitazione», come se i bombardamenti ucraini su scuole, ospedali, parchi giochi del Donbass, a partire dal 2014 fossero la condizione naturale e meritata per quei filo-russi allineati a «uno dei tormentoni del complottismo Usa allargatosi a macchia d'olio in tutta Europa».

Insomma, un bel passo in avanti quello fatto a via Bargoni: dal «non ci sono né buoni né cattivi» di 6-7 anni fa, in riferimento a formazioni naziste di Kiev e milizie popolari di L-DNR, si è arrivati, in onore ai dettami liberali, a ignorare il nazismo di quelle formazioni, oggi democraticamente inquadrate nelle «forze armate ucraine». Ancora un passo e i neofascisti nostrani diventeranno per il manifesto i portabandiera dei valori nazionali e dell' «amor di patria» per il loro scandire «chiaramente che che “il popolo ucraino sta combattendo per ognuno di noi”». A noi!

Ma, oltre all'annuncio sulla sospensione dallo Start, di cui si parla diffusamente altrove, cosa ha detto Vladimir Putin a proposito della situazione interna del paese? Diamo la parola a Gazeta Pravda, organo semi-ufficiale del KPRF zjuganovista, non certo una banda di crudeli bolscevichi e nemmeno di terribili giacobini. Putin, scrive Pravda, ha fatto nettamente capire che, sotto la sua direzione, la Russia intende proseguire sulla strada del mercato. Cioè, a dispetto delle frasi sul “capitalismo finito in un vicolo cieco”, non si ha «intenzione di deviare da questo sbagliato solco capitalista. Nessuna sorpresa: la classe dominante non comincerà certo ad annientare se stessa».

Pravda evidenzia anche alcuni aspetti positivi del discorso di Putin, in particolare nell'allargare alle nuove regioni i benefici sociali per maternità, giovani famiglie, nel sostegno a comunità scientifica, specialisti, ai giovani, con attenzione particolare all'istruzione e sottolineando specificamente la questione del sostegno alle famiglie dei militari impegnati in Ucraina, per cui verrà creato un fondo speciale. Ha un po' bacchettato i miliardari che hanno portato somme colossali fuori dalla Russia, esortando a «investire nel proprio Paese» per non esser messi alla berlina dal popolo: in questo modo, osserva Pravda, il presidente «ha un po' carezzato gli umori antioligarchici diffusi tra il popolo».

Ma non più di questo.

Non è mancata la stoccata a Putin che, «almeno questa volta, non ha menzionato il filosofo fascista Ivan Il'in». Tuttavia, il presidente non ce l'ha fatta a non citare il «grande statista» Stolypin, sul quale Klim Žukov ha pubblicato un ottimo video, in occasione della ridenominazione, a Saratov, di via Kirov in via Stolypin: questo, a proposito di toponomastica post-sovietica in Russia. Proprio Stolypin, il latifondista Presidente del consiglio e Ministro degli interni zarista, distintosi per le feroci repressioni successive alla rivoluzione del 1905. Stolypin, acclamato in Russia per quella riforma agraria, a proposito della quale Lenin scriveva che fosse tesa a dar vita a una classe di piccoli proprietari contadini, con l'obiettivo di «scindere la massa contadina e far sorgere da essa uno strato di “nuovi proprietari fondiari”, contadini-proprietari benestanti, i quali avrebbero difeso dalla massa, “non per paura, ma in coscienza”, la tranquillità e l’inviolabilità delle enormi tenute dei latifondisti... tentare … di appoggiarsi sulla unione di nobili-feudatari con i “nuovi possidenti”, cioè con contadini-proprietari arricchiti, con la borghesia contadina. … Per Russia riformata Stolypin intendeva un mutamento per cui nelle campagne dovessero rimanere soltanto, da una parte latifondisti soddisfatti, soddisfatti strozzini e kulaki, e dall’altra braccianti smembrati, oppressi, indifesi e impotenti».

In definitiva, scrive Pravda, il discorso presidenziale ha avuto «ancora una volta il carattere di una seduta collettiva di psicoterapia, volta a calmare la società»: non c'è di che preoccuparsi, il Paese è stabile, tutto è sotto controllo.

Soprattutto, se a “controllare” i passi di Mosca ci pensano a via Bargoni, forti delle parole del segretario della NATO, Jens Stoltenberg e dell'Alto rappresentante per gli affari esteri UE Josep Borrell: garanzie di “libertà” contro “l'autocrazia”.

* PS   Qualche giorno fa, il portale ColonelCassad aveva anticipato i punti salienti del discorso, con cui Biden da Varsavia si sarebbe rivolto ai russi. Per parte nostra, non giuriamo sull'autenticità di quelle anticipazioni, ma il senso del proclama c'è tutto. Il tono e l'approssimativa grammatica fanno tornare in mente altri appelli lanciati ai russi ottant'anni fa. E dunque:
1 Rus Ivan, arrenditi
2 Rus Ivan, il Reich americano non fare nulla di cattivo russo normale. Noi siamo combattere solo contro giudeo Putin
3 Rus Ivan, in prigionia ti aspettare lardo salato, scarponi caldo e nuovo smartphone
4 Rus Ivan, il Reich americano das ist il più grande civilizzazione e cultura europeo. La Russia è popolo selvaggio e deve sottomettersi un dirigente civile per il suo bene
5 Tutti popoli d'Europa sono stati conquistati da Reich americano. Il Reich americano è il più forte. La resistenza è inutile. Rus Ivan, arrenditi, altrimenti noi eliminare te e tutta tua famiglia e tutta Russia
6 Rus Ivan, non credere giudeo Putin e suoi commissari. Credi Reich americano. Uccidi Putin e commissario e esci mani alzate e porta con te Gazprom e Rosneft.

Fabrizio Poggi

Fabrizio Poggi

Ha collaborato con “Novoe Vremja” (“Tempi nuovi”), Radio Mosca, “il manifesto”, “Avvenimenti”, “Liberazione”. Oggi scrive per L’Antidiplomatico, Contropiano e la rivista Nuova Unità.  Autore di "Falsi storici" (L.A.D Gruppo editoriale)

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti