Siria e dintorni/Gli Stati Uniti continuano a rubare il petrolio siriano e inviano...

Gli Stati Uniti continuano a rubare il petrolio siriano e inviano 58 autocisterne in Iraq

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

Gli Stati Uniti hanno spostato ancora una volta ecine di autocisterne cariche di petrolio che ha saccheggiato dai pozzi occupati nel nord-est della Siria all'Iraq.
 
Come riportato sabato dall'agenzia di stampa siriana Sana, il convoglio Usa, composto da 58 autocisterne, è entrato in Iraq attraverso il valico di frontiera illegale di Al-Walid, noto in Siria come Al-Tanf.
 
I media siriani, citando fonti locali a condizione di anonimato, precisano che il convoglio Usa ha lasciato la città di Remelan, nella provincia di Al-Hasaka, situata nel nord-est della Siria, dove le truppe Usa ei loro alleati stanno occupando illegalmente la maggior parte dei pozzi di petrolio.
 
Il convoglio americano è stato scortato da dozzine di veicoli blindati e fuoristrada provenienti dagli Stati Uniti e dai suoi alleati curdi, aggiunge SANA .
 
Nonostante il rifiuto del governo e del popolo siriano, Washington ha intensificato il contrabbando illegale di greggio siriano dopo aver firmato  un contratto con le milizie curde per estrarre oro nero dalle  aree orientali e nord-orientali della Siria, dove Washington ha stabilito basi militari senza autorizzazione di Damasco.
 
Il governo siriano del presidente Bashar al-Assad considera questo patto "nullo", un "accordo tra ladri", e assicura che le forze occupanti statunitensi e le milizie curde saranno sconfitte così come i gruppi terroristici.
 
 
Fonte: Foto di repertorio
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa