Gli Stati Uniti espandono silenziosamente la base militare segreta in Israele

Gli Stati Uniti espandono silenziosamente la base militare segreta in Israele

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Ken Klippenstein, Daniel Boguslaw – Lybia360

Due mesi prima che Hamas attaccasse Israele, il Pentagono aveva assegnato un contratto multimilionario per costruire strutture militari americane per una base segreta che mantiene nel profondo del deserto israeliano del Negev, a sole 20 miglia da Gaza. Nome in codice “Sito 512”, la base americana di lunga data è una struttura radar che monitora i cieli per eventuali attacchi missilistici contro Israele.

Il 7 ottobre, tuttavia, quando furono lanciati migliaia di razzi di Hamas, il Sito 512 non vide nulla, perché era concentrato sull’Iran, a più di 700 miglia di distanza.

L’esercito americano sta tranquillamente procedendo con la costruzione del Sito 512, una base classificata appollaiata sulla cima del monte Har Qeren nel Negev, per includere quella che i registri governativi descrivono come una “struttura di supporto vitale”: i militari parlano di strutture simili a caserme per il personale.

Anche se il presidente Joe Biden e la Casa Bianca insistono  sul fatto che non ci sono piani per inviare truppe statunitensi in Israele nel contesto della guerra contro Hamas, esiste già una presenza militare segreta degli Stati Uniti in Israele. E i contratti governativi e i documenti di bilancio mostrano che è evidentemente in crescita.

La dotazione militare statunitense da 35,8 milioni di dollari, non annunciata pubblicamente né riportata in precedenza, è stata indirettamente citata in un annuncio contrattuale del 2 agosto da parte del Pentagono. Sebbene il Dipartimento della Difesa si sia preso la briga di oscurare la vera natura del sito – descrivendolo in altri documenti semplicemente come un progetto “classificato a livello mondiale” – i documenti di bilancio esaminati da The Intercept rivelano che fa parte del Sito 512. (Il Pentagono non ha risposto immediatamente ad una richiesta di commento.)

"A volte qualcosa viene trattato come segreto ufficiale non nella speranza che un avversario non lo scopra mai, ma piuttosto [perché] il governo degli Stati Uniti, per ragioni diplomatiche o politiche, non vuole riconoscerlo ufficialmente" ha spiegato Paul Pillar a The Intercept l'ex capo analista del centro antiterrorismo della CIA, il quale ha affermato di non avere alcuna conoscenza specifica della base. “In questo caso, forse la base verrà utilizzata per supportare operazioni altrove in Medio Oriente in cui qualsiasi riconoscimento che sono state organizzate da Israele, o che implicano una qualche cooperazione con Israele, sarebbe scomodo e probabilmente susciterebbe reazioni più negative rispetto alle operazioni che altrimenti susciterebbe.”

Un raro riconoscimento della presenza militare statunitense in Israele è arrivato nel 2017, quando i due paesi hanno inaugurato un sito militare che Voice of America, finanziato dal governo statunitense, ha considerato  “la prima base militare americana sul suolo israeliano”.  Il generale Tzvika Haimovitch  lo definì  “storico”. Disse: “Abbiamo stabilito per la prima volta una base americana nello Stato di Israele, nelle Forze di Difesa Israeliane”.

Il giorno dopo, l’esercito americano ha negato che si trattasse di una base americana, insistendo sul fatto che si trattava semplicemente di una “struttura abitativa” per i membri del servizio statunitense che lavoravano in una base israeliana.

L’esercito americano utilizza un linguaggio eufemistico simile per caratterizzare la nuova struttura in Israele, che i registri degli appalti descrivono come “un’area di supporto vitale”. Tale offuscamento è tipico dei siti militari statunitensi che il Pentagono vuole nascondere. Il Sito 512 è stato precedentemente definito “luogo di sicurezza cooperativa”: una designazione intesa a conferire una presenza leggera e a basso costo, ma che è stata applicata a basi che, come riportato in precedenza da The Intercept, possono ospitare  fino a 1.000 soldati.

Il sito 512, tuttavia, non è stato creato per far fronte a una minaccia per Israele da parte di combattenti palestinesi, ma per il pericolo rappresentato dai missili iraniani a medio raggio.

L'attenzione schiacciante sull'Iran continua a manifestarsi nella risposta del governo americano all'attacco di Hamas. Nel tentativo di contrastare l’Iran – che aiuta sia Hamas che il rivale di Israele a nord, Hezbollah , un gruppo politico libanese con una robusta ala militare, entrambi considerati gruppi terroristici dagli Stati Uniti – il Pentagono ha notevolmente ampliato  la sua presenza nel paese in Medio Oriente. In seguito all’attacco, gli Stati Uniti hanno raddoppiato il numero di aerei da combattimento nella regione e hanno schierato due portaerei al largo delle coste di Israele.

I principali esponenti  repubblicani come il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell hanno comunque  criticato Biden per la sua presunta “debolezza nei confronti dell’Iran”. Mentre alcuni resoconti dei media hanno affermato che l'Iran ha avuto un ruolo nella pianificazione dell'attacco di Hamas, ci  sono  state  indicazioni  da parte della  comunità dell'intelligence statunitense  secondo cui i funzionari iraniani sarebbero rimasti sorpresi dall'attacco.

La storia delle relazioni tra Stati Uniti e Israele potrebbe essere all’origine del mancato riconoscimento della base, ha ricordato un esperto di basi militari statunitensi all’estero.

“La mia ipotesi è che la segretezza sia un residuo di quando le amministrazioni presidenziali degli Stati Uniti hanno cercato di offrire la scusa di non schierarsi con Israele nei conflitti israelo-palestinese e arabo-israeliano”, ha detto a The The Guardian David Vine, professore di antropologia all’Università americana. “L’annuncio delle basi militari statunitensi in Israele negli ultimi anni riflette probabilmente l’abbandono di quella pretesa e il desiderio di proclamare più pubblicamente il sostegno a Israele”.

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Meloni al contrattacco di Pasquale Cicalese Meloni al contrattacco

Meloni al contrattacco

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba di Andrea Puccio La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti