Gli USA ritrattano sulla vendita dei caccia F-35 agli Emirati Arabi Uniti. Abu Dhabi sceglie gli Su-57 della Russia?

Gli USA ritrattano sulla vendita dei caccia F-35 agli Emirati Arabi Uniti. Abu Dhabi sceglie gli Su-57 della Russia?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Gli Emirati Arabi Uniti (EAU) sono decisi a dotarsi ad ogni costo di caccia di ultima generazione. L’obiettivo sarebbe quello di acquisire i caccia stealth F-35 prodotti dagli Stati Uniti. Il presidente uscente Trump ha dato il suo assenso ma l’affare è bloccato dal Congresso che si oppone. Così come Israele che detiene l’esclusività in Medio Oriente del velivolo statunitense. La vendita dei caccia agli emiratini, secondo Tel Aviv, metterebbe a rischio la superiorità militare nella regione di Israele. Così se non arrivano i caccia stealth e i droni MQ-9 Reaper, Abu Dhabi fa sapere che si rivolgerà ad altre fonti. 

"Preferiremmo avere la migliore attrezzatura statunitense, o individueremo altre fonti”, ha affermato Yousef al-Otaiba, ambasciatore degli Emirati Arabi Uniti negli Stati Uniti. “Si tratta di promuovere un Medio Oriente più stabile e sicur0”, ha poi aggiunto il diplomatico emiratino. 

La dichiarazione è arrivata dopo che il senatore democratico Chris Murphy ha annunciato di aver introdotto una risoluzione privilegiata insieme al senatore Bob Menendez e al senatore Rand Paul, per fermare l'affare da 23 miliardi di dollari per bloccare la vendita dei caccia F-35, i droni Reaper e munizioni. 

L'annuncio è stato fatto tramite un thread Twitter in cui Murphy ha riconosciuto di aver sostenuto accordi di sicurezza con gli Emirati Arabi Uniti in passato, ma "questa vendita è diversa".

“Nello Yemen, gli Emirati Arabi Uniti e l'Arabia Saudita hanno ucciso migliaia di civili con armi di fabbricazione statunitense. In Libia, gli Emirati Arabi Uniti stanno violando l'embargo internazionale sulle armi. E ci sono prove che gli Emirati Arabi Uniti abbiano trasferito illegalmente attrezzature militari statunitensi a milizie estremiste nello Yemen", ha affermato Murphy.

Inoltre negli USA credono che gli emirati potrebbero trasferire informazioni sensibili sugli armamenti statunitensi a Russia e Cina. Tuttavia, Al-Otaiba ha respinto l'affermazione secondo cui gli Emirati Arabi Uniti hanno stretti legami con Russia e Cina definendola una "grossolana esagerazione". Ha anche sottolineato che gli Emirati Arabi Uniti ospitano già gli squadroni F-35 statunitensi presso la base aerea di Al Dhafra ad Abu Dhabi.

Quindi gli Emirati Arabi Uniti potrebbero virare verso il caccia stealth Su-57 prodotto dalla Russia. L'aereo da caccia Su-57 è progettato per avere supercruise, supermaneuverability, stealth e avionica avanzata per superare gli aerei da combattimento della generazione precedente e le difese terrestri e navali. Combinando le capacità di un aereo d'attacco e di un jet da combattimento, l'uso di materiali compositi e tecnologie innovative e la configurazione aerodinamica del caccia assicurano radar di basso livello e firma a infrarossi.

Può distruggere tutti i tipi di bersagli aerei, terrestri e navali. È dotato di tecnocoglia stealth con le più avanzate apparecchiature radioelettroniche di bordo, tra cui un potente computer di bordo (il cosiddetto secondo pilota elettronico), il sistema radar diffuso sul suo corpo e alcune altre innovazioni, in particolare, l'armamento posto all'interno della sua fusoliera.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba di Andrea Puccio La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti