/ Golan, le forze militari russe apprezzano la fiducia delle popola...

Golan, le forze militari russe apprezzano la fiducia delle popolazioni locali: "I siriani ci chiamano fratelli e liberatori"

 

I militari russi prestano servizio vicino alle alture del Golan da quasi un anno, accolti positivamente dalla popolazione locale.

 
La polizia militare del Ministero della Difesa russo e le forze governative siriane hanno condotto esercitazioni congiunte sul territorio della provincia liberata di Quneitra. Il capo della direzione principale della politica militare del ministero della Difesa russo Vladimir Ivanovsky ha partecipato alle esercitazioni, come ha riferito l'agenzia TASS.


"Grazie alle attività delle forze armate e della politica militare russa, la missione delle Nazioni Unite, insieme ai nostri militari, sono state in grado di svolgere pattugliamenti nell'agosto 2018 per la prima volta", ha detto Ivanovsky ai giornalisti, osservando che i militari russi continuano a monitorare il situazione nella zona smilitarizzata.
 
 
I militari russi hanno prestato servizio vicino alle alture del Golan per quasi un anno. Prima di allora, la provincia di Quneitra era parzialmente occupata da terroristi e miliziani. Dopo che le forze siriane hanno cacciato gli estremisti dalla regione nella primavera del 2017, Quneitra è diventata una zona smilitarizzata pattugliata dalla polizia militare russa.
 
La polizia militare russa ha creato le infrastrutture necessarie nella regione. 
 
Inoltre, ha fornito elettricità e acqua ai siriani. In cambio, i residenti locali li hanno premiati con fiducia. "Ci danno il benvenuto, ci chiamano fratelli, dicono che siamo liberatori, è molto piacevole e gentile che ci pensino così", ha dichiarato il comandante del battaglione della polizia militare Akhmed Abdulmutalibov.


 
Fonte: TASS - Foto AP
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa