Russia e Giappone. L'articolo del 1993 in cui Soros delineava già l'attuale strategia USA

Russia e Giappone. L'articolo del 1993 in cui Soros delineava già l'attuale strategia USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Un uomo ha previsto gran parte di ciò che si è verificato nella battaglia che infuria all’Est dell’Europa: l’onnipresente George Soros.

L'oligarca finanziere miliardario - come evidenzia John Cody su Remix News - spesso dipinto come un umanista, è promotore di una strategia geopolitica intransigente in un suo articolo datato 1993 e intitolato "Verso un nuovo ordine mondiale: Il futuro della NATO". 


In questo articolo ricordato da Cody, Soros prospetta come gli europei dell'Est potrebbero essere utilizzati come "forza lavoro" nei conflitti, nel tentativo di ridurre il numero di morti nei Paesi occidentali, perché Soros sostiene che l'Occidente non lo tollererebbe politicamente, a differenza dell'Europa orientale.

"Gli Stati Uniti non sarebbero chiamati ad agire come poliziotto del mondo. Quando agiscono, lo fanno in collaborazione con altri. Tra l'altro, la combinazione della manodopera dell'Europa dell'Est con le capacità tecniche della NATO rafforzerebbe notevolmente il potenziale militare del partenariato, perché ridurrebbe il rischio di body bag per i Paesi della NATO, che è il principale vincolo alla loro volontà di agire. Si tratta di una valida alternativa all'incombente disordine mondiale", scrive Soros nell'articolo.

Inoltre Soros riconosce che i Paesi della NATO non hanno voglia di "sacchi per cadaveri", ma la sua dichiarazione indica implicitamente che gli europei dell'Est possono ricoprire questo ruolo.

Quanto descritto da Soros sembra svolgersi esattamente come da lui previsto per quanto riguarda la guerra in Ucraina. Armati con armi NATO di alto livello, i soldati ucraini stanno contrastando attivamente la Russia, utilizzati come pedine e carne da macello, i soldati ucraini stanno combattendo contro la Russia, che Soros già temeva sarebbe diventata una nazione nazionalista contraria all'ordine globale che promuoveva nel 1993. I potenti Paesi occidentali hanno le armi necessarie e l'Ucraina mette le truppe sul campo. Il fatto che Soros avesse già intravisto con decenni di anticipo il potenziale che questa simbiosi avrebbe potuto produrre sul campo di battaglia rafforzerà probabilmente la sua reputazione di pensatore strategico calcolatore e forse spietato.

Come previsto da Soros, la società ucraina sembra tollerare l'alto numero di vittime dell'attuale conflitto con la Russia. Durante la guerra del Vietnam, gli Stati Uniti persero 58.220 persone nel corso di circa 10 anni, eppure la guerra vide una forte opposizione da parte dell'opinione pubblica statunitense. Nonostante un numero di morti molto più alto in un periodo di tempo molto più breve, la società ucraina ha visto poco in termini di proteste.

L'assenza di proteste in Ucraina può essere favorita anche dal fatto che l'Ucraina ha sospeso la maggior parte della società civile, ha bandito i partiti e i media dell'opposizione e ha persino messo fuori legge la Chiesa ortodossa russa.

L’articolo di Cody evidenzia poi che sempre nello stesso articolo Soros invoca un "nuovo ordine mondiale". Il termine è spesso deriso dai media mainstream come una teoria cospirazionista, ma Soros lo usa apertamente. Cody evidenzia inoltre che Soros invoca un ordine mondiale “notevolmente globalista e centralizzato”. 

“Pertanto, l'unica base d'azione è la sicurezza collettiva. Ed è qui che sta il problema. Il crollo dell'impero sovietico ha creato un problema di sicurezza collettiva della massima gravità. Senza un nuovo ordine mondiale, ci sarà disordine; questo è chiaro. Ma chi sarà il gendarme del mondo? Questa è la domanda a cui bisogna rispondere", scrive Soros.

Nel pezzo Soros illustra alcune delle sue teorie, facendo riferimento a società aperte e chiuse e alla "teoria del cambiamento rivoluzionario", che ha detto di aver applicato anche ai mercati finanziari. Il miliardario descrive come la dissoluzione dell'Unione Sovietica abbia presentato nuove sfide alla sicurezza globale, ma anche opportunità.

La missione originaria era quella di difendere il mondo libero dall'impero sovietico. Questa missione è obsoleta, ma il crollo dell'impero sovietico ha lasciato un vuoto di sicurezza che ha il potenziale di trasformarsi in un "buco nero". Si tratta di un tipo di minaccia diverso da quello che rappresentava l'impero sovietico. Non c'è una minaccia diretta dalla regione ai Paesi della NATO; il pericolo è all'interno della regione e riguarda sia le condizioni all'interno degli Stati che le relazioni tra gli Stati. Pertanto, se la NATO ha una missione, è quella di proiettare il suo potere e la sua influenza nella regione, e la missione è meglio definita in termini di società aperte e chiuse.

Le società chiuse basate su principi nazionalisti costituiscono una minaccia per la sicurezza perché hanno bisogno di un nemico, esterno o interno. Ma la minaccia ha un carattere molto diverso da quello per cui la NATO è stata costruita e per combatterla è necessario un approccio molto diverso. Si tratta di costruire Stati democratici e società aperte e di inserirli in una struttura che precluda certi comportamenti.

Soros scrive anche nel suo articolo che la NATO sta correndo per concedere l'adesione ai Paesi dell'Europa centrale e orientale prima che "la Russia si riprenda". Soros sembra vedere la NATO come un baluardo contro la Russia in un periodo in cui il Paese era ancora nel caos dopo la caduta del comunismo.

"I Paesi dell'Europa centrale chiedono a gran voce la piena adesione alla NATO il prima possibile, preferibilmente prima che la Russia si riprenda. La Russia si oppone, non perché nutra dei disegni sul suo ex impero, ma perché non vede alcun vantaggio nell'acconsentire. Il suo orgoglio nazionale è stato ferito ed è stanco di fare concessioni senza benefici corrispondenti", scrive Soros.

L’architetto del caos globale Soros nel suo articolo scrive anche di offrire l'adesione alla NATO al Giappone, con l'obiettivo di creare un "nuovo ordine mondiale". Un punto su cui in questa settimana dalla Cina sono arrivate parole inaudite: il quotidiano Global Times ha affermato che il Giappone rischia di tramutarsi nell’Ucraina dell’Asia se segue la linea strategica degli Stati Uniti. "Si dovrebbe chiedere al Giappone di entrare nella NATO. Così avremmo l'inizio di un'architettura per un nuovo ordine mondiale. Si basa sugli Stati Uniti come superpotenza rimanente e sulla società aperta come principio organizzativo. Consiste in una serie di alleanze, la più importante delle quali è la NATO e, attraverso la NATO, il Partenariato per la pace che abbraccia l'emisfero settentrionale", si legge nell’articolo di Soros.

Ma per costruire il nuovo ordine mondiale invocato da Soros gli Stati Uniti stanno trascinando il mondo verso il baratro della terza guerra mondiale. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica di Michelangelo Severgnini La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica

La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente