Gustavo Petro presiede la "Conferenza internazionale sul dialogo in Venezuela". Presenti 20 paesi (Italia compresa)

Gustavo Petro presiede la "Conferenza internazionale sul dialogo in Venezuela". Presenti 20 paesi (Italia compresa)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Telesur

Al via oggi a Bogotà la conferenza di dialogo tra il governo venezuelano del Presidente Nicolas Maduro e le opposizioni.

Il presidente colombiano Gustavo Petro incontrerà questo martedì a Bogotà i rappresentanti di almeno 20 paesi in una conferenza volta a contribuire alla ripresa del dialogo tra il governo venezuelano, l'opposizione e altri settori del paese sudamericano.

Alla Conferenza internazionale sul processo politico in Venezuela parteciperanno rappresentanti di Argentina, Barbados, Bolivia, Brasile, Cile, Honduras, Messico e Saint Vincent e Grenadine.

All'incontro saranno presenti anche rappresentanti di Turchia e Sudafrica, oltre che di Stati Uniti e Canada.

Dall'Europa hanno confermato la loro presenza Germania, Spagna, Francia, Italia, Norvegia, Portogallo e Regno Unito, oltre all'Alto Rappresentante per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza dell'Unione Europea.


L'inizio dell'incontro è previsto per le 11:00 ora locale (16:00 GMT), presso il ministero degli esteri nella capitale del Paese.

Al termine dell'incontro, il ministro degli Esteri Álvaro Leyva offrirà dichiarazioni ai media presenti sui dettagli dell'incontro.

Ore prima dell'inizio della riunione, il presidente venezuelano ha chiesto la revoca di tutte le misure coercitive imposte contro il Paese, essendo questa la principale richiesta per la conferenza internazionale che si terrà a Bogotà.


Da quando è salito al potere in Colombia, Gustavo Petro ha assunto il ruolo di intermediario tra il suo omologo venezuelano Nicolás Maduro e i suoi oppositori, nonché ospite del vertice.

Il presidente colombiano ha incontrato quattro volte il suo omologo Nicolás Maduro dal suo insediamento ad agosto, ha riaperto il confine e "ha mostrato un interesse personale a influenzare la risoluzione della crisi venezuelana". Solo pochi giorni fa il presidente colombiano ha espresso le sue aspettative sull'incontro, volto, ha evidenziato, a sbloccare il negoziato portato avanti da Venezuela, Stati Uniti, Messico e Norvegia, che mira, tra gli altri obiettivi, alla revoca di ogni coercitivo misure contro il Venezuela.


Secondo Gustavo Petro, il suo Paese beneficerà degli impegni presi da tutte le parti che partecipano al conclave sul processo politico in Venezuela.

Gli ultimi dialoghi tra il governo venezuelano e l'opposizione a Città del Messico sono iniziati nell'agosto 2021 e si sono conclusi nel novembre 2022 con un accordo sul rilascio di circa 3.000 milioni di dollari bloccati da sanzioni che non si sono mai concretizzate.

(Traduzione de l'AD)

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti