I caccia stealth di Cina (J-20) e Russia (Su-57) pronti per "pattuglie di combattimento" congiunte per sfidare l'egemonia USA

I caccia stealth di Cina (J-20) e Russia (Su-57) pronti per "pattuglie di combattimento" congiunte per sfidare l'egemonia USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

La scorsa settimana, il ministero della Difesa cinese ha annunciato che le forze aeree di Cina e Russia hanno condotto un pattugliamento strategico congiunto sopra il Mar del Giappone, il Mar Cinese orientale e l'Oceano Pacifico occidentale come parte del loro piano annuale di cooperazione militare.

Mentre l'aviazione cinese dell'EPL inviava i suoi bombardieri strategici avanzati H-6K, le forze aerospaziali russe inviavano i suoi vettori missilistici strategici Tu-95MS per il pattugliamento strategico congiunto, riferisce The EurAsian Times. 

Tuttavia, con uno sviluppo sorprendente, esperti militari cinesi hanno indicato che i caccia stealth delle due Forze aeree, J-20 ed Su-57, potrebbero presto guidare queste pattuglie congiunte.

Lo sviluppo acquista importanza alla luce della cooperazione senza ostacoli tra Cina e Russia, che è stata percepita dagli Stati Uniti come una minaccia alla sicurezza.

Song Zhongping, un esperto militare cinese e commentatore televisivo, ha recentemente dichiarato al Global Times che per affrontare l'ambiente in continua evoluzione del campo di battaglia e per migliorare la capacità di combattimento, la Cina ha bisogno di un numero sufficiente di caccia per garantire che i pattugliamenti aerei strategici possano essere effettuati in modo affidabile, efficace, e in sicurezza.

L’esperto ha indicato i velivoli più moderni e avanzati, come il caccia stealth cinese J-20 e il caccia stealth russo Su-57, potrebbero partecipare alla prossima pattuglia congiunta. Secondo Song, questo comporterebbe un aumento significativo della capacità di combattimento complessiva della flotta.

Sebbene i bombardieri pesanti siano risorse formidabili, gli aerei da combattimento sono spesso necessari per scortare questi bombardieri poiché non sono progettati per il combattimento aria-aria. Tuttavia, d'altra parte, un caccia stealth potrebbe effettivamente impegnarsi in combattimenti aerei con grande successo grazie alla sua capacità di eludere i radar.

La minaccia del pattugliamento del J-20 con il Su-57 diventa ancora più forte poiché il caccia stealth J-20 del PLAAF era già stato schierato per pattugliamenti di addestramento nel Mar Cinese Orientale e nel Mar Cinese Meridionale ad aprile.

La mossa aveva lo scopo di contrastare la presenza di caccia stealth statunitensi, gli F-35, che facevano la loro comparsa nella regione contesa, come riportato in precedenza da The EurAsian Times.

La presenza di caccia stealth nella stessa regione in cui hanno volato i bombardieri cinesi e russi la scorsa settimana potrebbe portare a un'escalation delle tensioni, soprattutto perché sia Pechino che Mosca si trovano a fronteggiare il Giappone. 

Le tensioni sono poi acuite dalla questione di Taiwan, dove il presidente statunitense Joe Biden ha rischiato di provocare un forte incendio quando ha affermato che gli Stati Uniti sarebbero intervenuti militarmente nel caso in cui la Cina avesse lanciato un'invasione di Taiwan.

Il pattugliamento congiunto è il quarto dell'aviazione strategica della Federazione Russa e della Cina nella regione Asia-Pacifico. Le precedenti si sono svolte a novembre 2021, dicembre 2020 e luglio 2019.

La partnership strategica tra Mosca e Pechino prosegue e si rafforza anche in ambito militare, anche se alcuni osservatori occidentali un giorno sì, e l’altro pure, affermano che la Cina sarebbe pronta a scaricare la Russia per l’operazione militare lanciata da Mosca in Ucraina. 

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli