I cristiani palestinesi in modo fermo e risoluto al fianco di Gaza. Contro l’occupazione e le vessazioni dell’occupante israeliano.

I cristiani palestinesi in modo fermo e risoluto al fianco di Gaza. Contro l’occupazione e le vessazioni dell’occupante israeliano.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 

Qui si può trovare documentazioni che sanciscono le realtà dei fatti nella situazione della terra palestinese occupata da 75 anni, che sconfessa la lettura occidentale unipolare, la quale cerca di far passare la tesi che lo scontro sia tra una forza terrorista (Hamas) e Israele. La verità storica qui documentata, dimostra che lo scontro è tra il popolo palestinese in tutte le sue componenti, politiche, religiose, sociali, culturali e un paese occupante e oppressore.

Nei territori palestinesi vivono circa 50.000 cristiani, la maggior parte in Cisgiordania e circa 3.000 nella Striscia di Gaza, con alcune chiese e parrocchie, una non c’è più, la Chiesa greco-ortodossa di San Porfirio, la più antica chiesa di Gaza, che è stata distrutta dai criminali bombardamenti israeliani con le persone dentro.

Nei territori palestinesi sono presenti, sempre accanto e insieme alle comunità arabe e musulmane, decine di comunità cristiane, dalla Chiesa ortodossa con le sue quindici differenti Chiese, che è nota anche come dei "cristiani arabi ortodossi". Vi sono poi maroniti, melkiti-cattolici orientali, giacobiti, caldei, cattolici di obbedienza romana, chiamati localmente "Latini", siro-cattolici, copti ortodossi, copti cattolici, armeni ortodossi, armeni cattolici, anglicani (episcopali), luterani, evangelici,battisti e differenti protestanti. Oltre ad altri piccoli gruppi. Tutte le comunità hanno da sempre condiviso e affiancato la battaglia e le sofferenze per sconfiggere l’occupazione e l’oppressione sionista israeliana.

Qui alcune risolute e coraggiose dichiarazioni ufficiali in merito alla guerra con Gaza.

Un appello al pentimento: una lettera aperta dei cristiani palestinesi ai leader della Chiesa e ai teologi occidentali            21 ottobre 2023

“…Impara a fare del bene; cercare giustizia; difendere gli oppressi…» (Is 1,17).

Noi, le istituzioni cristiane palestinesi sottoscritte e i movimenti di base, ci addoloriamo e lamentiamo il rinnovato ciclo di violenza nella nostra terra. Mentre stavamo per pubblicare questa lettera aperta, alcuni di noi hanno perso cari amici e familiari nell’atroce bombardamento israeliano di civili innocenti del 19 ottobre 2023, compresi i cristiani, che si stavano rifugiando nella storica chiesa greco-ortodossa di San Porfirio a Gaza.

Le parole non riescono ad esprimere il nostro shock e il nostro orrore riguardo alla guerra in corso nella nostra terra.…osserviamo con orrore il modo in cui molti cristiani occidentali offrono un sostegno incrollabile alla guerra di Israele contro il popolo palestinese. Mentre distinguiamo le numerose voci che hanno parlato e continuano a parlare per la causa della verità e della giustizia nella nostra terra, scriviamo per sfidare i teologi occidentali e i leader della chiesa che hanno espresso sostegno acritico a Israele e per invitarli a pentirsi e a cambiare. Purtroppo, le azioni e i doppi standard di alcuni leader cristiani hanno gravemente ferito la loro testimonianza cristiana e hanno gravemente distorto il loro giudizio morale riguardo alla situazione nel nostro paese.

Ci uniamo ai fratelli cristiani nel condannare tutti gli attacchi contro i civili, in particolare contro le famiglie e i bambini indifesi. Tuttavia, siamo turbati dal silenzio di molti leader religiosi e teologi quando sono i civili palestinesi ad essere uccisi. Siamo anche inorriditi dal rifiuto di alcuni cristiani occidentali di condannare l’occupazione israeliana in corso della Palestina e, in alcuni casi, della loro giustificazione e sostegno all’occupazione.

Inoltre, siamo sconvolti dal modo in cui alcuni cristiani hanno legittimato i continui attacchi indiscriminati di Israele contro Gaza, che finora hanno causato la morte di oltre 3.700 palestinesi (ndt: ad oggi sono già oltre 5.000), la maggior parte dei quali sono donne e bambini. Questi attacchi hanno provocato la distruzione totale di interi quartieri e lo sfollamento forzato di oltre un milione di palestinesi. L’esercito israeliano ha utilizzato tattiche che prendono di mira i civili come l’uso del fosforo bianco, l’interruzione dell’acqua, del carburante e dell’elettricità e il bombardamento di scuole, ospedali e luoghi di culto, incluso l’atroce massacro all’Al-Ahli Anglican, Ospedale Battista e il bombardamento della chiesa greco-ortodossa di San Porfirio che ha sterminato anche intere famiglie cristiane palestinesi.

Inoltre, rifiutiamo categoricamente le risposte cristiane miopi e distorte che ignorano il contesto più ampio e le cause profonde di questa guerra: l’oppressione sistematica dei palestinesi da parte di Israele negli ultimi 75 anni dopo la Nakba, la pulizia etnica in corso in Palestina, e l’oppressione e l’occupazione militare razzista che costituisce un reato di apartheid. Questo è precisamente l’orribile contesto di oppressione che molti teologi e leader cristiani occidentali hanno persistentemente ignorato e, peggio ancora, hanno occasionalmente legittimato utilizzando un’ampia gamma di teologie e interpretazioni sioniste.

Inoltre, il disumano blocco di Gaza imposto da Israele negli ultimi 17 anni, ha trasformato i 365 chilometri quadrati della Striscia in una prigione a cielo aperto per più di due milioni di palestinesi, il 70% dei quali appartiene a famiglie sfollate durante la Nakba, ai quali è negata la libertà e i diritti umani fondamentali. Le condizioni di vita brutali e senza speranza a Gaza, sotto il pugno di ferro di Israele, hanno incoraggiato le voci estremiste di alcuni gruppi palestinesi, a ricorrere al combattimento e alla violenza come risposta all’oppressione e alla disperazione. Purtroppo, la resistenza non violenta palestinese, alla quale restiamo impegnati con tutto il cuore, viene accolta con un rifiuto al dialogo, da alcuni leader cristiani occidentali che proibiscono addirittura la discussione sull’apartheid israeliano, come riportato da Human Rights Watch, Amnesty International e B’Tselem…

Ci viene ricordato più e più volte che gli atteggiamenti occidentali nei confronti della Palestina e Israele soffrono di un evidente doppio standard, che umanizza gli ebrei israeliani mentre insiste nel disumanizzare i palestinesi e nel mascherare la loro sofferenza. Ciò è evidente nell’atteggiamento generale nei confronti del recente attacco israeliano alla Striscia di Gaza che ha ucciso migliaia di palestinesi, nell’apatia verso l’omicidio della giornalista cristiana palestinese-americana Shireen Abu Akleh nel 2022 e nell’uccisione di oltre 300 palestinesi, tra cui 38 bambini, in Cisgiordania quest’anno, prima di questa recente escalation.

Ci sembra che questo doppio standard rifletta un discorso coloniale radicato che ha utilizzato la Bibbia come arma per giustificare la pulizia etnica delle popolazioni indigene nelle Americhe, in Oceania e altrove, la schiavitù degli africani e la tratta transatlantica degli schiavi, e decenni di apartheid in Sud Africa.

Le teologie coloniali non sono superate; continuano con teologie e interpretazioni sioniste di ampio respiro, che hanno legittimato la pulizia etnica della Palestina e la denigrazione e disumanizzazione dei palestinesi, cristiani inclusi, che vivono sotto un sistema di apartheid coloniale-colonialista. Inoltre, siamo consapevoli dell’eredità cristiana occidentale della teoria della guerra giusta, che è stata utilizzata per giustificare il lancio di bombe atomiche su civili innocenti in Giappone durante la seconda guerra mondiale, la distruzione dell’Iraq e la decimazione della popolazione cristiana durante l’ultima guerra americana contro l’Iraq, così come il sostegno incrollabile e acritico a Israele contro i palestinesi in nome della supremazia morale e dell’autodifesa”.

Purtroppo, molti cristiani occidentali di ampi spettri confessionali e teologici adottano teologie e interpretazioni sioniste che giustificano la guerra, rendendoli complici della violenza e dell'oppressione di Israele. Alcuni sono anche complici dell’aumento della logica d’odio anti-palestinese, a cui stiamo assistendo oggi, in numerosi paesi occidentali e mezzi di comunicazione.

Sebbene molti cristiani in Occidente non abbiano problemi con la legittimazione teologica della guerra, la stragrande maggioranza dei cristiani palestinesi non condona la violenza...i cristiani palestinesi sono pienamente impegnati nella via di Gesù nella resistenza creativa non violenta, che usa “la logica dell’amore e attinge a tutte le energie per fare la pace” (§4.2.5).) Fondamentalmente, rifiutiamo tutte le teologie e interpretazioni che legittimano le guerre dei potenti. Esortiamo fortemente i cristiani occidentali ad affiancarci in questo. Ricordiamo anche a noi stessi e ai fratelli cristiani che Dio è il Dio degli oppressi e che Gesù biasimò i potenti e innalzò gli emarginati. Questo è il cuore della concezione di giustizia di Dio. Pertanto, siamo profondamente turbati dal fallimento di alcuni leader e teologi cristiani occidentali nel riconoscere la tradizione biblica di giustizia e misericordia, come proclamata per la prima volta da Mosè e dai profeti. (Isaia 1:17; 61:8; Mic 2:1–3, 6:8; Amos 5:10–24…)

Infine, e lo diciamo con il cuore spezzato, riteniamo che i leader della Chiesa occidentale e i teologi che si schierano a sostegno delle guerre di Israele, siano responsabili della loro complicità teologica e politica nei crimini israeliani contro i palestinesi, commessi negli ultimi 75 anni. Li invitiamo a riesaminare le loro posizioni e a cambiare direzione, ricordando che Dio “giudicherà il mondo con giustizia”...Ricordiamo anche a noi stessi e al nostro popolo palestinese che il nostro sumud (“fermezza”) è ancorato alla nostra giusta causa e al nostro radicamento storico in questa terra. Come cristiani palestinesi, continuiamo anche a trovare il nostro coraggio e la nostra consolazione nel Dio che dimora con coloro che hanno uno spirito contrito e umile.

Troviamo coraggio nella solidarietà che riceviamo…Siamo anche incoraggiati e rafforzati dalla solidarietà e dal sostegno gravoso di molte chiese e movimenti religiosi di base in tutto il mondo, che sfidano il dominio delle ideologie di potere e supremazia. Ci rifiutiamo di arrenderci, anche quando i nostri fratelli ci abbandonano. Siamo saldi nella nostra speranza, resilienti nella nostra testimonianza e continuiamo a impegnarci col Vangelo della fede, della speranza e dell’amore, nonostante la tirannia e l’oscurità. “In assenza di ogni speranza, lanciamo il nostro grido di speranza…Crediamo che la bontà trionferà infine sul male dell'odio e della morte che ancora persistono nella nostra terra. Vedremo qui 'una nuova terra' e 'un nuovo essere umano', capace di elevarsi nello spirito per amare ciascuno dei suoi fratelli e sorelle…”.

Organizzazioni e istituzioni firmatarie

Kairos Palestina Cristo al Checkpoint Bethlehem Bible College Sabeel Centro ecumenico per la teologia della liberazione Università Dar al-Kalima Centro Al-Liqa per gli studi religiosi, patrimoniali e culturali in Terra Santa YMCA di Gerusalemme Est YWCA della  Società Arabo Ortodossa di Palestina ,       Unione Arabo Ortodosso di Gerusalemme, Gerusalemme Dipartimento del Servizio ai Rifugiati Palestinesi del Medio Oriente Consiglio delle Chiese Arab Education Institute Pax Christi, Betlemme

Dichiarazione di Kairos Palestina sulla guerra a Gaza,  11 ottobre 2023 

Se esco per i campi, ecco gli uccisi con la spada; se entro in città, ecco i languenti per fame; persino il profeta, persino il sacerdote vanno a mendicare in un paese che non conoscono…" (Ger 14,18) 

“La guerra è tornata a Gaza, ma questa volta è partita da Gaza. Ha cagionato grandi sofferenze a Israele e una vasta distruzione. Molti la considerano una guerra ingiusta contro Israele. Ma c’è una domanda che ogni essere umano deve fare a sé stesso, soprattutto chi aspira a pace e giustizia: perché è iniziata questa guerra? Tutti noi diciamo No alla guerra. Diciamo tutti Sì alla pace, diciamo sì agli sforzi per trovare una soluzione giusta e definitiva a un conflitto in atto e alle ingiustizie che vengono imposte al popolo palestinese da più di 70 anni.

Lo stato di Israele ritiene che il popolo palestinese non abbia alcun diritto di esistere, e la comunità internazionale è troppo debole per attuare le sue stesse risoluzioni che hanno lo scopo di giungere a una soluzione giusta e definitiva. Tutti noi piangiamo e siamo vicino alle vittime di entrambe le parti del conflitto. Un essere umano è un essere umano, che sia israeliano o palestinese. Ogni essere umano è prezioso agli occhi di Dio, della sua famiglia, dei suoi parenti e dei suoi cari. No alla guerra, sì a una pace giusta e definitiva.

Qual è la ragione di questa guerra improvvisa partita da Gaza? La causa diretta della guerra è stata la formazione di un governo israeliano di estrema destra, che ha permesso e incoraggiato gli attacchi alla moschea di Al-Aqsa e ha sfidato i sentimenti religiosi di milioni di musulmani e cristiani, nonostante i numerosi ultimatum e avvertimenti provenienti da Gaza, dai leader palestinesi e da altri leader religiosi e politici di tutto il mondo. Questo stesso governo israeliano ha anche permesso l’aumento della presenza di coloni in tutti i territori occupati della Palestina, da nord a sud, creando scompiglio sul territorio, attaccando i palestinesi, uccidendoli e confiscando le loro terre, sotto lo sguardo e la protezione dell'esercito di occupazione israeliano. Per quanto riguarda le cause alla radice della guerra, esse sono lo stato di terrore permanente in cui noi palestinesi viviamo ogni giorno per l’autorità e la tirannia dell'esercito di occupazione israeliano e l'assoluta ingiustizia dei governi israeliani che si sono succeduti, e in particolare di quello attuale, sul fatto che non ci sia alcuno Stato palestinese e che il popolo palestinese non abbia alcun diritto all'autodeterminazione.

Con tutte le conseguenze che ne derivano. Questo si aggiunge al soffocante assedio di Gaza (due milioni di persone in un'area che non supera i 360 km2). Dal 2007 a oggi, la popolazione di Gaza vive in una grande prigione a cielo aperto, priva delle normali condizioni umane di vita. Questa guerra è una reazione e una risposta a tutto questo. Questa guerra è la richiesta del riconoscimento israeliano e internazionale dell'esistenza del popolo palestinese e dei suoi diritti, come ogni altro popolo. È una richiesta di giustizia e libertà. È una richiesta di indipendenza di uno Stato riconosciuto, con Gerusalemme araba come capitale. Questa guerra dà un’indicazione ai governanti di Israele: le armi non proteggono e non danno sicurezza. Le armi causano solo morte. Non portano la vita a nessuno. Noi non vogliamo la morte, ma la vita. Vogliamo libertà, giustizia e indipendenza. Vi diciamo ora quello che abbiamo scritto nel nostro documento Kairos del 2009-Momento di verità: ‘Il nostro futuro e il futuro di Israele sono uno la stessa cosa. Questo ciclo di violenze ci distruggerà entrambi oppure la pace andrà a beneficio di entrambi’. Ribadiamo anche quello che ha detto il Presidente della Colombia in merito all'attuale guerra: ‘L'unico modo per far dormire in pace i bambini israeliani è che i bambini palestinesi dormano in pace’. Tutti noi piangiamo per tutti coloro che sono morti, per i feriti e per chi viene fatto prigioniero. Piangiamo da più di settanta anni. I rifugiati in ogni parte del mondo chiedono di tornare. Nelle vostre carceri in Israele, ci sono migliaia di prigionieri politici che chiedono la libertà.

Ci sono palestinesi che sono stati sfollati con la forza, le loro case distrutte, le case in cui avete fatto irruzione giorno e notte e in cui avete instillato il terrore. Questa guerra è venuta per dire che è ora che tutti si sveglino e sappiano la verità su ciò che sta accadendo in Palestina e in Israele, che Israele si è insediato in una terra che appartiene al popolo palestinese e ha privato il popolo palestinese della libertà. Questa situazione deve essere corretta.

Correggerla non è difficile. Il diritto internazionale e gli standard internazionali sono accettabili per i palestinesi. Su questo noi siamo d'accordo. Questa guerra è servita a dire che le armi non proteggono e che i forti che sottovalutano i deboli, non si proteggono e non trovano sicurezza. I cuori sicuri sono roccaforti sicure. E i cuori palestinesi, se verranno loro restituite piena libertà e dignità e anche il loro Stato, saranno la vostra unica protezione. Se i vostri cuori sono puri, le vostre folle non diranno più ‘Morte agli arabi’ e lo slogan di alcuni dei vostri rappresentanti alla Knesset non sarà più ‘No alla pace con gli arabi e morte agli arabi’.  È tempo che i governanti e gli amici di Israele capiscano che la pace del Paese, la pace di Israele, è la pace del popolo palestinese. È impossibile continuare a sostenere la palese ingiustizia che ci viene fatta. Non pensate che la vostra guerra globale e distruttiva contro Gaza sia la soluzione. Non pensate che la vostra pulizia etnica dei palestinesi di Gaza sia la soluzione! Siamo persone come voi. Vogliamo la vita come voi. Vogliamo tutti i nostri diritti come voi. Siamo su questa terra …E ci resteremo. Troviamo un accordo. Venite sul sentiero della vostra sicurezza giusta e duratura e della nostra sicurezza giusta e duratura. Viviamo tutti in una terra sacra, nostra e vostra. Camminiamo per le vie insieme, abbandoniamo insieme ogni violenza, ricorriamo alla buona parola, iniziamo un nuovo futuro e costruiamo una nuova terra…Insieme possiamo costruire una pace che sarà pace per tutta la regione e per il mondo intero. “Allontanati dal male e fà il bene; cerca la pace e adoperati per essa….”(Sal 34, 14-15) “.

Firmato da tutte le organizzazioni cristiane palestinesi storicamente riconosciute.

Kairos Palestina è il più grande movimento ecumenico cristiano palestinese non violento, si riconosce nella dichiarazione basilare che “… i cristiani palestinesi sono parte integrante della nazione palestinese, chiede la pace per porre fine a tutte le sofferenze in Terra Santa e opera per la giustizia, la speranza e l'amore. Afferma che l'occupazione militare della terra palestinese costituisce un peccato contro Dio e contro l'umanità. Qualsiasi teologia che legittima l’occupazione e giustifica i crimini perpetrati contro il popolo palestinese è lontana dagli insegnamenti cristiani. Esorta la comunità internazionale a sostenere il popolo palestinese nella sua lotta contro l’oppressione, lo sfollamento e l’apartheid. Chiede che tutte le persone, i leader politici e le personalità facciano pressione su Israele e adottino misure legali per obbligare il suo governo a porre fine all’oppressione e al disprezzo del diritto internazionale….”.

La Chiesa anglicana condanna la strage

La Chiesa episcopale anglicana della Gerusalemme occupata ha condannato il massacro compiuto dagli aerei d'occupazione israeliani sull'ospedale battista di Gaza. La Chiesa ha affermato in un comunicato che: “…l'Ospedale Nazionale Arabo di Gaza, affiliato alla Chiesa Episcopale Anglicana , è stato brutalmente attaccato. Gli ospedali sono considerati rifugi sicuri, secondo i principi del diritto umanitario internazionale, ma questo attacco ha superato quei sacri confini….È un peccato che Gaza sia ora priva di rifugi sicuri…La distruzione a cui abbiamo assistito, insieme al vergognoso attacco alla chiesa, colpisce il cuore della moralità umana. L’attacco israeliano merita una condanna e una punizione internazionale…La Chiesa lancia un appello urgente alla comunità internazionale affinché adempia ai propri obblighi di protezione dei civili e garantisca che tali atti orribili e disumani non si ripetano…La Chiesa esprime il suo dolore per la perdita delle innumerevoli vite che hanno vissuto nelle sue strutture, dichiarando una giornata di lutto in tutte le sue chiese e istituzioni, e lancia un appello ad  amici, partner e persone di buona volontà affinché siano solidali, denunciando l'atroce attacco sul nostro personale impiegato per i suoi pazienti vulnerabili…”.

Husam Elias Naoum, arcivescovo anglicano di Gerusalemme:all’ospedale Al-Ahli  di Gaza è stato commesso un massacro terribile e devastante     18 Ottobre 2023

 “Le nostre Chiese sono unite nel condannare questo massacro terribile e devastante, e lo consideriamo un crimine contro l’umanità. Chiediamo a tutte le parti di porre fine a questa guerra e, alle persone di buona volontà, di intervenire per fermare ciò che sta accadendo in questa terra, ribadiamo che terremo aperte le nostre chiese e le istituzioni ecclesiastiche, non solo le chiese anglicane, ma tutte le chiese. Così come l’ospedale continuerà ad essere aperto per portare avanti la nostra missione medica e la nostra missione pastorale…E’ stato commesso un ‘crimine’ dove poche ore prima la gente ‘pregava per la pace e i bambini giocavano’ nel cortile. L’amministrazione dell’ospedale aveva ricevuto un totale di tre avvisi israeliani di evacuare l’ospedale sabato, domenica e lunedì. L’avvertimento è stato trasmesso al personale e a coloro che avevano cercato rifugio nel nosocomio. Per questo è stato un crimine e un massacro…”.

Il Patriarcato di Gerusalemme condanna gli attacchi aerei israeliani contro le istituzioni umanitarie a Gaza                               Gerusalemme, 19 ottobre 2023

“ Il Patriarcato ortodosso di Gerusalemme esprime la sua più ferma condanna per l'attacco aereo israeliano che ha colpito la sua chiesa nella città di Gaza. Il Patriarcato sottolinea che prendere di mira le chiese e le loro istituzioni, nonché i rifugi che forniscono per proteggere i cittadini innocenti, in particolare i bambini e le donne che hanno perso la casa, a causa degli attacchi aerei israeliani sulle aree residenziali negli ultimi tredici giorni, costituisce un crimine di guerra che non può essere ignorato. Nonostante l’evidente attacco alle strutture e ai rifugi del Patriarcato ortodosso di Gerusalemme e di altre chiese,  tra cui l’ospedale della Chiesa episcopale di Gerusalemme, altre scuole e istituzioni sociali, il Patriarcato, insieme alle altre chiese, rimane impegnato ad adempiere ai propri obblighi religiosi e dovere morale nel fornire assistenza, sostegno e rifugio a coloro che ne hanno bisogno. Il Patriarcato sottolinea che non abbandonerà il suo dovere religioso e umanitario, radicato nei suoi valori cristiani, di fornire tutto ciò che è necessario sia in tempi di guerra che di pace, nonostante le continue richieste israeliane di evacuare questi istituti civili e le pressioni esercitate sulle chiese a questo riguardo”.

Chiese di Gerusalemme: “Condanniamo gli attacchi e restiamo a Gaza”

I Patriarchi e Capi delle Chiese di Gerusalemme esprimono la loro "forte condanna per gli attacchi aerei israeliani" alla chiesa di San Porfirio a Gaza e sottolineano che non lasceranno la Striscia. "…Nonostante la devastazione causata alle nostre e alle altre istituzioni sociali, religiose e umanitarie, restiamo comunque pienamente impegnati ad adempiere al nostro sacro e morale dovere di offrire assistenza, sostegno e rifugio a quei civili che vengono da noi in un bisogno così disperato. Anche di fronte alle incessanti richieste militari di evacuare le nostre istituzioni di beneficenza e i nostri luoghi di culto, non abbandoneremo questa missione cristiana, perché non c'è letteralmente nessun altro posto sicuro al quale questi innocenti possano rivolgersi…", hanno  affermato in una nota

“…Quando alcuni ministri israeliani parlano, il loro linguaggio è violento e razzista, quanto quello degli aggressori estremisti ebrei….

 I palestinesi, cristiani o musulmani, sono privati da Israele della visita ai loro luoghi santi di Gerusalemme... I palestinesi, cristiani e musulmani che vivono a Gerusalemme soffrono insieme l’occupazione, soffrono la repressione, la tirannia e l’oppressione…

 “Allahu Akbar”, Dio è grande in arabo, è una frase tanto cristiana quanto musulmana. Anche noi cristiani diciamo Allahu Akbar. Questa è un’espressione della nostra cognizione che il Creatore è grande…”.   Arcivescovo ATALLAH HANNAH, Chiesa ortodossa di SEBASTIA

A cura di Enrico Vigna SOSPalestina/CIVG,   26 ottobre 2023

 

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti