I tabù del Fatto Quotidiano sulla guerra in Ucraina

I tabù del Fatto Quotidiano sulla guerra in Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Fabrizio Poggi per l'AntiDiplomatico

Se a Kiev è un ininterrotto viavai di ministri, commissari europeisti, cancellieri e presidenti, preoccupati per la situazione in Ucraina, sia al fronte che in casa, e se premier e presidenti del consiglio spiattellano ormai in faccia al mondo di non poterne più di mandare soldi e armi ai ras di un regime che, in vista della fine, tirano a “far ciccia” e intascarsi ogni ben di dio, ecco che in Italia c'è invece chi, “dati alla mano”, si intestardisce a dimostrare che no, là al fronte le forze russe sono messe proprio male, le perdite si contano a centinaia di migliaia di uomini e decine di migliaia di mezzi corazzati e blindati.

Anzi, a dirla tutta, la “democrazia ucraina” gode come non mai di ottima salute ed è meglio gettare alle ortiche la propaganda russa su una nuova majdan, un nuovo golpe che defenestrerebbe il nazigolpista-capo Vladimir Zelenskij, ormai diventato un peso anche per i padrini occidentali. Al contrario, «Nella guerra di invasione dell’Ucraina, il governo russo si è impegnato strenuamente a nascondere il vero bilancio delle vittime».

Così, i “dati alla mano”, parlano di «”forni crematori su ruote” trainati da camion nelle zone immediatamente alle spalle della prima linea»: perché le finanze russe sono ridotte così male, da dover risparmiare anche sui risarcimenti alle famiglie, non previsti se il cadavere non si trova perché incenerito.

E come mai l''esercito russo avrebbe subito così tante perdite? Semplice, perché le reclute sono state inviate al fronte «troppo a ridosso della loro mobilitazione – così presto da rivelare l’insufficienza di addestramento», si dice a un certo punto della “analisi” pubblicata da Il Fatto Quotidiano - «I tabù della Russia sulla guerra in Ucraina» - salvo poi, poco oltre, scrivere che «il numero enorme di coscritti non sembra destinato ad avere un impatto immediato sulla guerra, almeno fino all’estate del 2024: prima di tutto perché per formarli ci vorrà come minimo un anno». Aggiungiamo: ammesso (senza prove) che gli interi contingenti di leva russi finiscano al fronte.

Se, giornalisticamente parlando, frasi come «Una mobilitazione segreta – È di questi giorni la notizia, ecc.» possono far sorridere, la malafede del “dato alla mano” successivo lascia pochi dubbi sui padrini di simili “analisi”. Dire che in Russia «dal 1° gennaio 2024, i cittadini di età compresa tra 18 e 30 anni saranno chiamati al servizio militare e se rifiuteranno o ignoreranno la notifica dell’arruolamento, dovranno pagare una multa che per la maggior parte dei russi equivale a un mese di salario, oltre ad affrontare il carcere per le responsabilità penali connesse» e tacere che Washington e Londra "chiedono" a Kiev di allargare il raggio di età per la mobilitazione, includendo gli uomini da 17 a 70 anni, oltre a massimizzare anche la mobilitazione femminile (la vice ministra della difesa di Kiev Natal'ja Kalmykova parla di 43.479 donne nelle forze armate ucraine, di cui 5.160 in posizioni di comando e circa 5.000 impegnate direttamente al fronte) significa volutamente nascondere i ripetuti fatti, che peraltro vanno avanti sin dal 2014, dei reclutamenti di uomini di ogni età da parte degli arruolatori ucraini al soldo dei distretti militari, che letteralmente accalappiano gli sventurati, li stivano nei furgoni e li portano nelle caserme. Significa volutamente ignorare che negli arruolamenti in Ucraina non si fa ormai più distinzione tra giovani “abili”, “rivedibili” o “riformati” e nemmeno gli studi universitari esonerano (tranne alcuni casi, per chi si può permettere l'esborso di 10.000 dollari) dall'essere mandati al fronte.

Nonostante ciò, ci dice l'analista, «Le colossali perdite russe quasi tre volte e mezzo rispetto alle ucraine», senza citare alcuna cifra da alcuna fonte, ma limitandosi a dare per certo che le forze russe abbiano perso alcune migliaia tra tank, trasporti truppe e autocarri, coi relativi equipaggi al completo. E questo accadrebbe principalmente a causa della “maniera russa” di condurre la guerra, fatta di «sanguinosissime meat wave (letteralmente, ondate di carne da cannone)... A vederli, uno capisce perché le guerre con gli zar e Stalin causarono perdite impressionanti».

Ora, non ci azzardiamo a parlare delle disastrose campagne dei generali zaristi; sappiamo però, ad esempio, che mentre nella campagna dei Balcani, nell'aprile 1941, le perdite dell'Asse furono di circa 120.000 uomini, contro 616.000 di Jugoslavia e Grecia, con un rapporto quindi di 1:5 a favore dei nazifascisti e, complessivamente in Europa, il rapporto fu di 1:11,8 a vantaggio di Berlino, nella guerra di sterminio condotta dai nazifascisti di mezza Europa contro l'Unione Sovietica e la sua popolazione civile, il rapporto di perdite tra Wehrmacht e Esercito Rosso fu di 1:1,3. Con buona pace degli “analisti” de Il Fatto Quotidiano, che citano a ripetizione generali guerrafondai a stelle e strisce, coi relativi anglicismi di circostanza.

Lo scorso 13 novembre, The Economist valutava in circa 190.000 (70.000 morti e 120.000 feriti) le perdite ucraine dal febbraio 2022. A fine ottobre, il Ministro della difesa russo Sergej Šojgu parlava di 90.000 (tra morti e feriti) caduti ucraini solo dal giugno di quest'anno; mentre secondo Vladimir Putin – se proprio si devono mettere a confronto macabre cifre – le perdite ucraine supererebbero di otto volte quelle russe.

E, per quanto riguarda i bilanci di guerra, è vero che il Ministero delle finanze russo ha confermato un aumento del 68% della spesa militare per il 2024 rispetto al 2023 (da 6,4 a 10,77 trilioni di rubli; per ridiscendere, secondo le previsioni, a 8,5 trilioni nel 2025 e 7,4 nel 2026) che raggiunge così circa 1/3 dell'intero bilancio, di 37 trilioni, cioè circa 380 miliardi di euro. C'è da dire anche che nel bilancio militare sono comprese, per citare una sola voce di uscita, le spese per ulteriori 6 sommergibili della classe “Jasen” e “Jasen-M”, vascelli di quarta generazione, armati con missili “Kalibr” e “Oniks” e, in prospettiva, con “Tsirkon” e del costo dai 40 ai 50 miliardi di rubli l'uno. Ma, soprattutto, il fatto indica che Mosca è sì oberata dalle spese per il conflitto in Ucraina, ma guarda soprattutto ai pericoli di guerra planetaria che vengono dai piani USA e NATO.

Perché è vero che, di tanto in tanto, i generali yankee si limitano a fornire veline agli “analisti” di casa nostra: è il caso dell'ex comandante delle forze di terra USA in Europa, Ben Hodges, che un anno fa vociferava di «Riconquistare la Crimea nel 2023» e, insieme all'ex comandante in capo NATO in Europa Philip Breedlove, assicurava che «Putin in sei mesi ha distrutto il suo esercito», così che gli “analisti” di cui sopra possano sentenziare che «Kiev dispone di uomini e mezzi per non limitarsi solo al contenimento della Russia... Secondo l’ex direttore della CIA Petraeus, la realtà sul campo è che Putin sta perdendo... e Kissinger va persino oltre, affermando che “la Russia, in un certo senso, ha già perso la guerra” in Ucraina». Ma, sempre quei generali (Hodges), così generosi di suggerimenti ai media “democratici”, non si peritano a proclamare al mondo che «gli USA si sono sempre preparati alla guerra con la Russia in Europa e devono esservi pronti anche ora», o fanno addirittura le pulci a Joe Biden che «teme troppo l''escalation».

Gli “analisti” che tifano per la “democrazia” dei nazigolpisti di Kiev contro il “maligno” annidato al Cremlino, oggi come ottant'anni fa, dovrebbero sapere che dietro la guerra in territorio ucraino tra USA-NATO e Russia c'è soprattutto questo: i piani cioè di scontro mondiale che qualcuno è “autorizzato” a rendere pubblici. E la Russia, qualunque sia il giudizio che si voglia dare dell'ordine uscito dalla deliberata distruzione dell'Unione Sovietica, vi si sta preparando.

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti