I tentativi polacchi di inasprire le tensioni al confine. La nota della Bielorussia

I tentativi polacchi di inasprire le tensioni al confine. La nota della Bielorussia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dichiarazione del Ministero degli Affari Esteri della Repubblica di Bielorussia del 04 novembre 2021

I tentativi sistematici di Varsavia di inasprire le tensioni sul confine bielorusso-polacco in modo infondato e ostentato sono seriamente allarmanti. Un'altra dichiarazione ai media su una certa "entrata" il 2 novembre da parte di non identificati "uomini armati in uniforme" dal territorio della Bielorussia è ancora una volta infondata.

Come nei casi precedenti, con tutta l'attrezzatura tecnica avanzata della parte polacca, per qualche motivo sono le dichiarazioni più odiose che non hanno alcuna prova effettiva. Non ci sono foto, video, tempo o altri dati di controllo oggettivi.

Di fatto, non può esserci, perché è una bugia.

La parte polacca non ha fornito alcuna conferma fattuale in risposta alle richieste immediate della parte bielorussa previste per tali casi. Invece di meccanismi bilaterali funzionanti con successo per un chiarimento efficace e la risoluzione di qualsiasi incidente di questo tipo, la Varsavia ufficiale usa di proposito solo la diplomazia del megafono, dichiarazioni dogmatiche per i media e inutili giochi populisti, come l'invio di convogli umanitari che nessuno si aspettava.

Nessuna questione internazionale è stata o sarà mai risolta con tali strumenti.

È ovvio che questo insieme di azioni è una provocazione comune e un tentativo sistematico di demonizzare la Bielorussia.

L'obiettivo è quello di distrarre l'attenzione della comunità internazionale dal suo comportamento palesemente illegale con i migranti e i rifugiati, dalla grossolana violazione degli obblighi dei diritti umani, così come di giustificare agli occhi del pubblico polacco le azioni impopolari di costruzione della recinzione e di militarizzazione del confine.

Comprendiamo che la parte polacca ha bisogno di alzare il livello di tensione per ottenere ulteriori finanziamenti per la costruzione della cortina di ferro di Varsavia.

Non è un caso che questa messa in scena abbia coinciso con l'entrata in vigore della legge sulla costruzione del muro sul confine bielorusso-polacco.

Tuttavia, non accettiamo l'uso della Bielorussia come schermo per la leadership polacca per ingannare il suo popolo e i contribuenti.

Ancora più allarmante è il fatto che le provocazioni contro la Bielorussia hanno lo scopo di creare un clima militante nella società polacca, nell'UE e nella NATO nel suo complesso per giustificare la rotta delle autorità polacche verso la militarizzazione del paese per soddisfare le loro momentanee ambizioni politiche interne. Le false allusioni e la creazione artificiale dell'apparenza di una minaccia militare immaginaria sono chiaramente finalizzate a un'immersione più profonda da parte dei grandi attori geopolitici, anche in vista della riunione dei ministri degli esteri della NATO a Riga.

Questo gioco estremamente rischioso ricorda il lancio di scintille in mezzo a una polveriera.

È irresponsabile.

È in gioco la sicurezza di tutta la regione. A questo proposito, ribadiamo che la Bielorussia non mette in alcun modo in discussione il diritto e la capacità della Polonia, come di qualsiasi altro Stato, di difendere i suoi confini.

È completamente a svantaggio della parte bielorussa che qualsiasi escalation nella regione non abbia luogo.

La Bielorussia non ha mai provocato e non intende provocare incidenti di frontiera. Invitiamo ancora una volta la parte polacca a rinunciare all'insensatezza della pressione sullo Stato sovrano vicino e, se qualche questione richiede una considerazione congiunta, a fare pieno uso dei canali diplomatici e di altre forme stabilite di comunicazione interstatale e interdipartimentale, piuttosto che creare solo l'apparenza di questo.

(Traduzione di Marinella Correggia)

 

Potrebbe anche interessarti

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano" di Francesco Santoianni Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano"

Quando l'Alto Adige poteva diventare il "Donbass italiano"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

"Io me li ricordo i bulloni degli operai incazzati in piazza" di Pasquale Cicalese "Io me li ricordo i bulloni degli operai incazzati in piazza"

"Io me li ricordo i bulloni degli operai incazzati in piazza"

DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO di Gilberto Trombetta DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO

DI VINCOLO ESTERNO SI MUORE: IN MEMORIA DI ALDO MORO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti