Il Giappone si riarma? Tokyo acquista 105 caccia F-35 statunitensi

Il Giappone si riarma? Tokyo acquista 105 caccia F-35 statunitensi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il Giappone ha deciso di rafforzare le sue capacità di difesa aumentando la sua flotta di caccia nordamericani F-35. 

 

Il ministero della Difesa sta cercando di schierare nuovi caccia stealth F-35A stealth in basi dell'Air Self-Defense Force diverse dall'attuale, la base di Misawa, nella prefettura di Aomori, ha riferito il Japan Times.

 

"Quando il numero di F-35 aumenta, i nuovi caccia possono essere schierati in basi diverse da Misawa che attualmente utilizzano questi aerei da combattimento", ha detto un funzionario del ministero. "Poiché abbiamo bisogno di ottenere l'approvazione delle comunità locali, non abbiamo ancora deciso dove schierarli”.

 

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha approvato la vendita. Il Giappone acquisirà 105 caccia d'attacco congiunto F-35, inclusi 63 aerei da decollo e atterraggio convenzionali F-35A, oltre a 42 varianti di atterraggio e decollo corto F-35B. Il valore totale dei velivoli si aggira sui 23 miliardi di dollari. Se il Giappone conclude l'accordo, secondo i media diventerà il più grande operatore di questo tipo di caccia d'attacco congiunto al di fuori degli Stati Uniti con un totale di 147 F-35.

 

Il Giappone vuole questo accordo perché ha bisogno di aggiornare i suoi attuali F-2 e F-15, oltre agli ormai quasi in disuso F-4 Phantom.

 

Nel frattempo, d'altra parte, il Giappone pensa di dover affrontare le pressioni di Cina e Russia nella regione Asia-Pacifico. Sia Pechino che Mosca hanno sviluppato jet da combattimento di quarta e quinta generazione più avanzati. È una scelta normale per Tokyo acquistare gli F-35 per compensare il suo svantaggio, scrive il Global Times. 

 

Il quotidiano di Pechino evidenzia inoltre che un’espansione militare così su larga scala in Giappone è preoccupante, soprattutto per i suoi vicini. Ci sono preoccupazioni che il Giappone rompa la sua costituzione pacifica. Ciò potrebbe trasformare le forze di autodifesa giapponesi in un vero e proprio esercito aggressivo. Questo è indubbiamente preoccupante per i paesi che hanno sofferto nella seconda guerra mondiale a causa del militarismo giapponese.

 

Infatti Tokyo avanza anche nella produzione di portaerei e portaelicotteri. 

 

Il Giappone è un alleato militare degli Stati Uniti. Fa anche parte della cosiddetta coalizione internazionale di Washington che prende di mira la Cina. Tokyo sta cooperando con Washington costruendo un sistema antimissile, che influenzerà le capacità di attacco missilistico di Cina e Russia. Questo in una certa misura potrebbe essere una seria minaccia per Pechino e Mosca.

 

Senza capacità militari indipendenti, il Giappone non è in grado di sfuggire ai dettami degli Stati Uniti. Sebbene Tokyo abbia i suoi piani e non voglia essere completamente guidata da Washington, gli Stati Uniti la legheranno sicuramente strettamente e la useranno per creare un campo contenente Cina e Russia.

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani di Giorgio Cremaschi Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Ti do un bonus... se non ti ammali! di Savino Balzano Ti do un bonus... se non ti ammali!

Ti do un bonus... se non ti ammali!

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel di Roberto Cursi Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti