Il neoliberismo affonda la Germania: risultati catastrofici per l'economia tedesca

Il neoliberismo affonda la Germania: risultati catastrofici per l'economia tedesca

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ancora cattive notizie sul fronte economico per una Germania vittima delle sue stesse ricette economiche neoliberiste che impone a tutta l’Unione Europea con ottusa cocciutaggine. 

 

I nuovi ordini di produzione in Germania sono diminuiti dell'1,3% nel mese rispetto a ottobre, secondo i dati provvisori pubblicati dall'Ufficio federale di statistica. Questo numero sarà uno shock per Angela Merkel, poiché gli economisti intervistati da Reuters si aspettavano in realtà un aumento dello 0,2 per cento. Il crollo degli ordini di produzione tedeschi è stato principalmente guidato da un calo degli ordini all'ingrosso e, escludendoli, gli ordini sono aumentati solo dell'1% rispetto al mese precedente, scrive il quotidiano britannico Express. 

 

Complessivamente, gli ordini industriali tedeschi sono diminuiti del 6,5 per cento nell'anno passato, al mese di novembre. 

 

Questa sarebbe la prima volta che la Germania subirà due anni consecutivi di contrazione dell'ordine industriale dal 2001 al 2002.

 

L’economista Brzeski ha dichiarato: “Non ci sono ancora segnali di una minima ripresa per l'industria tedesca. Invece la caduta libera continua”.

 

Anche l'ultimo crollo della produzione tedesca sta pesando pesantemente sulla crescita complessiva dell'area Euro, ma è stato parzialmente compensato da una spesa dei consumatori resiliente.

 

L'ultimo sondaggio sulla fiducia economica della Commissione Europea ha affermato che questa è ancora presente a dicembre, con la fiducia delle società di servizi aumentata nella regione mentre cade tra i gruppi industriali.

 

Jessica Hinds di Capital Economics ha avvertito: "I dati di oggi sono coerenti con il messaggio di altri sondaggi secondo cui mentre la zona euro non sta cadendo in recessione, non vi è alcun segno che neanche la crescita stia riprendendo".

 

L'economia tedesca, la più grande in Europa, è cresciuta dello 0,1 percento solo nel trimestre a settembre.

 

Il paese è stato salvato da uno scenario di recessione disastrosa solo della maggiore spesa delle famiglie e del governo (il che contraddice le ideologiche politiche di austerità portate avanti dalla Germania), nonché da un rimbalzo delle esportazioni che ha contribuito a compensare un declino della produzione industriale.

 

I dati sulla crescita economica per il 2019 dovrebbero essere pubblicati mercoledì prossimo, ma dovrebbero mostrare una crescita marginale dello 0,5 percento rispetto all'1,5 percento nel 2018.

Potrebbe anche interessarti

Il servilismo di un paese praticamente fallito di Paolo Desogus Il servilismo di un paese praticamente fallito

Il servilismo di un paese praticamente fallito

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Mosca condanna le azioni di Israele di Marinella Mondaini Mosca condanna le azioni di Israele

Mosca condanna le azioni di Israele

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea di Gilberto Trombetta Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti