Il Pentagono e il nuovo fronte nell’Asia occidentale

Il Pentagono e il nuovo fronte nell’Asia occidentale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La notizia è l’ennesima conferma di come si stia preparando il nuovo fronte di guerra dell’Asia occidentale, tra gli USA da una parte e Iran e Russia dall’Altra. Infatti, funzionari militari statunitensi hanno ribadito che le migliaia di truppe arrivate in tutta l’Asia occidentale negli ultimi mesi rimarranno nella regione per tutto il tempo necessario.

“Finché ci sarà bisogno di queste forze nella regione [rimarranno]”, ha annunciato, ieri, ai giornalisti Sabrina Singh, vicesegretaria stampa del Pentagono.

Singh ha anche lamentato che le forze statunitensi di stanza nel Golfo Persico “continuano a subire molestie nelle ultime settimane da parte di gruppi sostenuti dall’IRGC contro le navi commerciali”, sostenendo che questo è il motivo per cui le truppe non verranno spostate.

Negli ultimi mesi, Washington ha inviato oltre 6.000 soldati nell’Asia occidentale, compreso un contingente di 3.000 militari nel Golfo Persico per affrontare la marina iraniana. 

Prima dell’arrivo delle truppe nelle acque del Golfo, dal Pentagono avevano previsto possibili piani per “schierare una guardia di sicurezza composta da Marines a bordo delle petroliere commerciali che attraversano e vicino allo Stretto di Hormuz, per formare un ulteriore livello di difesa per queste navi”.

Oltre, a precisare che lo stazionamento di truppe sulle navi commerciali è necessario per prevenire “vessazioni e sequestri” da parte della marina iraniana. Da parte sua, l’Iran afferma che i sequestri di navi nel Golfo Persico sono legati al contrabbando di carburante o ad incidenti “mordi e fuggi”.

Washington ha anche rafforzato la sua presenza in Siria con la pretesa di “affrontare” l’ISIS.

Secondo l’Osservatorio siriano dei diritti umani (SOHR) con sede nel Regno Unito, la Siria sta attualmente assistendo all’escalation “più violenta” delle attività dell’Isis da quando è stata “eliminata geograficamente” nel 2019. Damasco e Mosca hanno accusato gli Stati Uniti di addestrare e sponsorizzare l’Isis per mantenere il paese devastato dalla guerra in uno stato di caos.

Un’indagine approfondita di The Cradle ha dimostrato che l’esercito nordamericano era consapevole che l’Isis stava guadagnando terreno in Siria dieci anni fa e non ha fatto nulla per fermarlo, in particolare quando il gruppo ha attraversato il confine siriano con l’Iraq nel 2014 e ha lanciato un assalto per conquistare città irachena di Mosul.

Oltre ad aver ignorato l’avanzata dell’Isis sull’antica città siriana di Palmira nel 2015, che è poi stata liberata due volte dalle forze siriane e russe.

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti