Europlot/Il programma politico dei Verdi, un partito liberale di centro

Il programma politico dei Verdi, un partito liberale di centro

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


di Carlo Formenti


Se qualcuno avesse ancora dubbi che i Verdi (in primis i tedeschi, ma non solo) sono ormai a tutti gli effetti un partito liberale di centro, si legga la lunga intervista della co-presidente dei Grunen, Annalena Baerbock, al Corriere di oggi (tutta pagina 9).

pprendiamo che la nostra: 1) ha studiato alla London School of Economics (nota fabbrica di neoliberisti radicali);

2) indica fra gli obiettivi prioritari del partito il rafforzamento dell'Europa "che ha garantito 70 anni di pace" (fino a quando dovremo ascoltare questa idiozia: fra l'altro è proprio il verde Joschka Fischer che segnò la fine del pacifismo europeo - e verde - legittimando la guerra "umanitaria" nei Balcani);

3) bacchetta l'Italia che non rispetta le regole su deficit e debito (proporrà una cura greca per il nostro Paese, immemore dei disastri umanitari che gli interessi delle banche tedesche hanno provocato a quel Paese?)

4) per risolvere i problemi delle disuguaglianze crescenti indica la via della "economia sociale di mercato" (cioè la formula ordoliberista).

Insomma: è possibile che la Germania in un futuro prossimo abbia un'altra cancelliera, sarà verde ma non sarà meno nemica degli interessi popolari della democristiana Merkel...
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa