World Affairs/Il sogno di Washington di creare un blocco in stile NATO anti-Pec...

Il sogno di Washington di creare un blocco in stile NATO anti-Pechino è irrealizzabile

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Tom Fowdy* - RT
 
Mike Pompeo vuole trasformare il "Quad" - una coalizione informale composta da Australia, India, Giappone e Stati Uniti - in un'alleanza militare per contrastare Pechino. Ma non succederà, a causa del peso economico della Cina.
 
In Cina, il termine "Banda dei quattro" è usato per riferirsi a una famigerata cricca che sosteneva la Rivoluzione Culturale di Mao Zedong. Oggi, tuttavia, potrebbe avere un significato diverso per Pechino.
 
Durante la sua visita a Tokyo, il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha tenuto una riunione del forum Quadrilateral Security Dialogue, che sostiene sia progettata per contrastare la Cina. Sperava che il Quad avrebbe "contrastato la sfida che il Partito Comunista Cinese presenta a tutti noi" e ha denunciato quello che ha descritto come "lo sfruttamento, la corruzione e la coercizione del PCC ".
 
"Una volta che abbiamo istituzionalizzato quello che stiamo facendo - noi quattro insieme - possiamo iniziare a costruire un vero quadro di sicurezza", ha detto, aggiungendo che altri paesi potrebbero diventare parte del tessuto al "momento opportuno. "
 
Sebbene tutti e quattro i paesi partecipanti siano noti per il loro sentimento anti-cinese in questo momento, c'è una grossa possibilità che il Quad si evolva in un'alleanza formale. Come dice il proverbio, il nemico del mio nemico è mio amico, ma la domanda più pertinente qui potrebbe essere: "Cosa vuoi ottenere riguardo al tuo nemico?" È per questo che il Quad rimarrà semplicemente un gruppo piuttosto che un qualsiasi tipo di grande coalizione in stile NATO. Il fatto che gli altri partecipanti non vogliano nemmeno essere d'accordo sul fatto che sia "anti-Cina" dovrebbe essere il primo segnale di avvertimento che la pomposa retorica di Pompeo non laverà.
 
Escludendo gli Stati Uniti, ogni membro del Quad ha le sue rispettive lamentele e antagonismi riguardo alla Cina, ma ha anche interessi nazionali nel sostenere una qualche forma di stabilità con Pechino che gli impedisca di indulgere nell'antagonismo militante in stile Guerra Fredda che Pompeo sta spingendo. 
 
Cominciamo con l'India. Sappiamo che al momento le sue relazioni con Pechino sono aspre. L'impatto della sua disputa sul confine con Pechino e l'arma del nazionalismo da parte di Modi ha portato a un feroce contraccolpo anti-cinese che ha portato a un divieto radicale delle app cinesi, incluso TikTok, e a frenare gli investimenti nel paese.
 
Molti dicono che l'India è diventata sempre più filoamericana poiché cerca di competere con Pechino e, naturalmente, ha rafforzato i suoi legami di sicurezza anche con gli altri due membri del Quad. Ma un'alleanza formale? Nessuna possibilità.
 
La politica estera dell'India è, in fondo, indipendente. Nuova Delhi può sentire di avere ragioni egoistiche per affrontare la Cina, ma si tratta di "India first" e non  il fanatismo sciovinista de "l'Occidente sta vincendo" di Pompeo. La spinta anti-Pechino di Modi è calcolata e guidata dall'ambizione di trasformare l'India stessa in una grande potenza. Ha spinto il protezionismo in modo aggressivo nel tentativo di sviluppare il mercato indiano, ha cercato di rafforzare la produzione e ha promosso l'idea che la Cina sia un "concorrente alla pari".
 
Eppure, allo stesso tempo, anche l'India ha ancora bisogno della Cina. I due non sono uguali in termini economici. Proprio nel bel mezzo della scaramuccia di confine, la Banca cinese per gli investimenti in infrastrutture ha prestato all'India 750 milioni di dollari per aiutarla a combattere il Covid-19: l'India fa affidamento sugli aiuti cinesi pur essendo antagonista, e ci sono limiti a quanto lontano la Cina sarà spinta prima che si spinga indietro in cambio.
 
Ma che dire degli altri? Il Giappone potrebbe essere descritto come un "nemico" per la Cina. È un solido alleato degli Stati Uniti, ma, allo stesso tempo, è seduto alle porte della Cina, e sottoscrivere un antagonismo sfrenato americano contro Pechino sarebbe estremamente dannoso. Come vicini, devono lavorare insieme e la Cina è il più grande mercato di esportazione del Giappone.
 
Di conseguenza, Tokyo persegue cautela nella sua politica estera. Non vuole essere dominata militarmente dalla Cina, perdere il sopravvento nelle controversie territoriali, né che la sua sovranità venga violata, ma conosce benissimo un'esplicita alleanza anti-Cina e battere il tamburo della Guerra Fredda sarebbe anche un passo. lontano. Sì, sostiene Washington, ma esercita moderazione al riguardo.
 
E, infine, che dire dell'Australia? Probabilmente, come membro Five Eyes (che è un partner in un'alleanza di intelligence con Canada, Nuova Zelanda, Regno Unito e Stati Uniti) e stato 'Anglosphere', è il più disponibile e obbediente nel seguire l'agenda americana per la sicurezza e anti-Cina , oltre ad essere il suo alleato più a lungo termine e stridente nel Pacifico. Di tutti gli altri tre giocatori del Quad, l'Australia è stata di gran lunga la più esplicita sulla Cina. Ma anche allora, Canberra riconosce di avere dei limiti a ciò che può fare, dato che si basa in modo schiacciante su Pechino come mercato di esportazione per la produzione delle sue industrie minerarie . 
 
Quel che è peggio è che, a differenza delle altre, la Cina ha mostrato più disponibilità a punire l'Australia per il suo antagonismo rispetto agli altri giocatori di Quad, mettendo i freni a orzo e vino nelle esportazioni . Pertanto, qualsiasi escalation del Quad allo stato di alleanza si rivelerebbe senza dubbio più costoso per Canberra rispetto a qualsiasi altro.
 
In breve, la visione di Pompeo rappresenta un sogno irrealizzabile. Questi paesi hanno alcuni interessi comuni e forse un nemico comune, ma hanno altri interessi in comune, il che significa che non porteranno oltre questo piano. Gli Stati Uniti vedono la Cina come un avversario ideologico a somma zero, ma gli altri la vedono come qualcosa di minaccioso ma comunque importante per la loro sicurezza futura.
 
Coopereranno con il Quad come protezione contro Pechino, ma sono interessati a intensificarlo in un teso confronto della Guerra Fredda, come vuole Washington? La risposta è no, ed è per questo che, nonostante l'iperbole di Pompeo, non potevano nemmeno impegnarsi in una dichiarazione di gruppo congiunta.
 
*Scrittore e analista britannico di politica e relazioni internazionali con un focus primario sull'Asia orientale.
 
(Traduzione de L'AntiDiplomatico)
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa