In Cile vince Gabriel Boric: il 35enne ex leader studentesco è il nuovo presidente

In Cile vince Gabriel Boric: il 35enne ex leader studentesco è il nuovo presidente

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Cile ha eletto il suo nuovo presidente. Il candidato della coalizione di sinistra Apruebo Dignidad, Gabriel Boric, ha battuto il conservatore di estrema destra e nostalgico di Pinochet, Jose Antonio Kast con una netta vittoria. 

I risultati offerti dal Servizio Elettorale (Servel) raccontano di una netta vittoria di Boric: 4.610.345 voti, che corrispondono al 55,86 per cento dei voti per il candidato delle sinistre, mentre il contendente pinochettista Kast ottiene 3.642.835 voti, cioè il 44,14 per cento.

Le autorità elettorali precisano che i voti nulli sono 70.120 (0,84 per cento) e le schede bianche 23.860 (corrispondenti allo 0,29 per cento).

Dopo la sua vittoria, Boric ha dialogato con il presidente uscente Sebastián Piñera, dove entrambi hanno concordato di dare priorità all'unione dei settori popolari per costruire un Cile più giusto ed equo.

"Farò del mio meglio per raccogliere questa grande sfida (...) abbiamo molto da fare in questo processo di transizione e raggiungere un accordo con tutto il popolo cileno", ha affermato Gabriel Boric.

Allo stesso tempo, il capo di Stato uscente Piñera ha invitato Boric a un incontro per fissare le linee di lavoro, "domani invito a un incontro di lavoro", ha aggiunto Piñera.

"Mi congratulo con Boric per il suo trionfo e voglio evidenziare il contributo di José Antonio Kast durante la campagna (...) Boric sarà il presidente di tutti i cileni. Oggi hanno votato oltre 8 milioni di cittadini, una delle partecipazioni più alte, un esempio di democrazia", ??ha dichiarato Sebastián Piñera.

Piñera ha detto che durante il suo governo ha affrontato tempi molto complessi, "governare non è facile, abbiamo avuto momenti difficili e nonostante le avversità, non ci siamo mai arresi", ha aggiunto.

Dopo aver appreso del forte vantaggio del candidato Boric, il nostalgico di pinochet Kast ha riconosciuto la sua sconfitta e ha esortato i suoi sostenitori a continuare a lavorare per un Cile migliore.

Chi è Boric?

Il nuovo presidente cileno, Gabriel Boric, è stato candidato dal Frente Amplio, Chile Digno, Mesa de Unidad Social, Comunidad por la Dignidad, Partito Comunista del Cile; oltre ad altre organizzazioni e movimenti. È un avvocato e un membro del partito Convergencia Social. 

Prima di essere candidato per le elezioni presidenziali, il leader politico è stato deputato del 28° distretto, della regione di Magallanes e dell'Antartide cilena per il periodo 2018-2022. Ha anche lavorato come parlamentare per il Distretto n. 60, la Regione di Magallanes e l'Antartide cilena nel periodo 2014-2018.

Popolo in piazza

Non appena i risultati sono stati resi pubblici, centinaia di sostenitori di Boric sono scesi in piazza a piedi e in auto con bandiere; striscioni ed espressioni di gioia per il trionfo della sinistra e come manifestazione a favore del cambiamento politico di un paese che vuole archiviare definitivamente il regime neoliberista di pinochettiana memoria.

Congratulazioni a Boric

Diversi governanti e leader mondiali hanno espresso le loro congratulazioni al candidato della coalizione di sinistra Apruebo Dignidad. 

Il presidente di Cuba, Miguel Díaz-Canel, ha fatto gli auguri a Boric per la vittoria elettorale, essendo il più giovane presidente del Paese sudamericano a 35 anni.

“Ribadiamo la volontà di espandere le relazioni bilaterali e la cooperazione tra i popoli e i governi", ha affermato.

"Dobbiamo assumerci l'impegno di rafforzare i legami di fratellanza che uniscono i nostri Paesi e di lavorare insieme alla regione per porre fine alle disuguaglianze in America Latina”, ha affermato il presidente argentino Alberto Fernández. 

Anche la vicepresidente argentina Cristina Fernández ha inviato le sue congratulazioni al nuovo capo di stato cileno.

"Come abbiamo detto venerdì 10 in Piazza: ‘Il popolo torna sempre e trova il modo per farlo. Può essere un partito, può essere un leader oggi e un altro domani ma il popolo torna sempre’. Congratulazioni presidente Boric, a lei e al popolo del Cile”. 

Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, ha espresso la propria soddisfazione tramite Twitter: "Mi congratulo con la coalizione Apruebo Dignidad per la sua vittoria e con il neoeletto presidente del Cile, Gabriel Boric. Saluto il popolo di Salvador Allende e Víctor Jara per la loro schiacciante vittoria sul fascismo. Grande Giornata Democratica! Viva il Cile!".

Anche gli ex presidenti dell'Ecuador, Rafael Correa, e della Bolivia, Evo Morales, hanno utilizzato i social network per esprimere le loro congratulazioni a Boric per la sua vittoria. 

Correa ha affermato: "Gabriel Boric, nuovo presidente del Cile! Viva il Cile! Viva la Patria Grande! Fino alla vittoria sempre!"; mentre Morales ha celebrato la vocazione democratica del popolo cileno. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci di Francesco Erspamer  Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Usa-Italia: 3 imposizioni coloniali che forse non conosci

Ucraina, Draghi come Badoglio di Giorgio Cremaschi Ucraina, Draghi come Badoglio

Ucraina, Draghi come Badoglio

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa di Alberto Fazolo Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Bugie sulla sicurezza dei vaccini Usa

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi