In ex base Usa, nord della Siria, la Russia schiera il sistema di difesa missilistica S-300

In ex base Usa, nord della Siria, la Russia schiera il sistema di difesa missilistica S-300

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'Osservatorio siriano per i diritti umani (OSDH) dell'opposizione ha riferito del dispiegamento di un sistema di difesa aerea S-300 all'aeroporto di Al-Tabqa, dove erano schierate le forze statunitensi dopo aver proclamato l'espulsione dei terroristi del Daesh. La notizia è stata confermata, ieri, anche dall quotidiano Ashraq Al-Aswat.

Secondo le informazioni, Al-Tabqa "è attualmente considerata una base militare e un luogo importante per la Russia nella campagna di Raqqa".

Esperti, citati dal media, affermano che il dispiegamento del sistema S-300 nel nord della Siria consente alla Russia di monitorare i movimenti militari nell'area.

Nell'ottobre 2018, la  Russia ha finalizzato la consegna dei sistemi S-300 alla Siria , nel tentativo di rafforzare la capacità di difesa aerea dell'esercito siriano contro i bombardamenti nemici e aumentare anche il livello di sicurezza dell'esercito russo presente nel paese levantino.

L'esercito russo ha spostato i suoi sistemi antiaerei S-300 dalla Siria occidentale alla provincia orientale di Deir Ezzor vicino alle postazioni militari statunitensi alla fine del 2018, sfidando le forze della cosiddetta coalizione.anti-Daesh guidata dagli Stati Uniti, schierata nella parte orientale del fiume Eufrate senza l'autorizzazione del governo di Damasco.

Tuttavia, le sfere di influenza militare nell'area sono cambiate dopo che l'allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump ordinò il ritiro delle truppe statunitensi dal nord della Siria.

Infatti, in seguito alla partenza delle forze statunitensi dalla Siria settentrionale, Mosca e Damasco hanno iniziato i preparativi per colmare quel vuoto.

Da allora, la Russia ha inviato rinforzi militari nell'area, in assenza delle forze statunitensi e, soprattutto, a causa dei conseguenti scontri tra gruppi armati appoggiati dalla Turchia e la milizia curdo-araba, Forze democratiche siriane (FDS), sostenute dagli Stati Uniti. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti