Incontro a Pechino tra il premier cinese e il ministro degli Esteri della Francia

Incontro a Pechino tra il premier cinese e il ministro degli Esteri della Francia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il premier cinese Li Qiang ha sottolineato l'importanza della costruzione di una relazione stabile tra Cina e Francia, sottolineando il contributo che entrambi i Paesi possono dare allo sviluppo mondiale attraverso la cooperazione multilaterale. Questo è emerso durante l'incontro avvenuto lunedì a Pechino tra Li e il ministro francese per l'Europa e gli Affari Esteri, Stephane Sejourne, come riporta il quotidiano cinese Global Times.

Secondo alcuni esperti cinesi, la visita di Sejourne, la sua prima in Cina come ministro degli esteri francese, mira a preparare il terreno per future interazioni di alto livello tra i leader dei due Paesi. Ciò segnala anche un maggiore allineamento degli interessi strategici tra Cina e Francia, superando alcune differenze per cooperare su questioni di rilevanza come la crisi in Ucraina e il conflitto Israele-Palestina.

Le relazioni sino-francesi, ha affermato Li, sono da tempo all'avanguardia nei rapporti della Cina con le principali potenze occidentali, portando benefici non solo ai popoli dei due Paesi, ma influenzando profondamente il mondo.

La stabilità delle relazioni sino-francesi, ha sottolineato Li, favorirà lo sviluppo di entrambi i Paesi, mentre il rafforzamento della cooperazione multilaterale può garantire maggiore sicurezza nello sviluppo mondiale.

Li ha evidenziato inoltre le forti complementarità economiche tra Cina e Francia, indicando ambiti quali l'energia verde, l'innovazione tecnologica, la manifattura avanzata, l'intelligenza artificiale e l'economia digitale come potenziali aree di collaborazione. La Cina, ha ribadito, considera la Francia un partner prioritario e auspica un approfondimento delle relazioni tradizionali per raggiungere risultati reciprocamente vantaggiosi.

Inoltre, ha auspicato un ambiente commerciale aperto, equo e non discriminatorio per le imprese cinesi da parte francese, incoraggiando al contempo il rispetto delle regole economiche e dei principi di mercato europei.

L'anno in corso segna il sessantesimo anniversario delle relazioni diplomatiche tra Cina e Francia, nonché l'Anno degli Scambi Culturali e Turistici tra i due Paesi.

Entrambi i ministri concordano sull'importanza di un'approfondita comunicazione e coordinazione, impegnandosi a rendere le relazioni sino-francesi più stabili e prospettiche.

Le due parti intendono continuare a collaborare su questioni internazionali e regionali di rilievo, approfondendo settori tradizionali come l'aerospaziale, l'energia nucleare, l'agricoltura e le finanze, e esplorando attivamente la cooperazione in campi emergenti come la trasformazione verde e la manifattura intelligente.

La visita del ministro degli esteri francese, secondo Wang Yiwei, direttore dell'Istituto di Affari Internazionali dell'Università Renmin, ha gettato le basi per future visite di alto livello, mentre la parte francese auspica un coordinamento positivo da parte cinese su questioni quali il conflitto Russia-Ucraina e Israele-Palestina.

Inoltre, Wang Yi, ministro degli esteri cinese, ha espresso la volontà della Cina di importare più prodotti e servizi francesi di alta qualità e di facilitare lo sviluppo delle imprese straniere in Cina. Allo stesso tempo, si auspica che la Francia offra un ambiente commerciale equo, giusto e prevedibile per le imprese cinesi che investono nel Paese europeo.

Infine, è stato sottolineato che la riduzione del rischio non dovrebbe mirare a Paesi specifici, non violare le regole dell'OMC e non creare aspettative negative per la comunità aziendale, evidenziando che il distacco dalla Cina rappresenta il vero rischio per l'Europa.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti