Intellettuali messicani respingono critiche al Venezuela

Intellettuali messicani respingono critiche al Venezuela

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



da La Jornada
 

Intellettuali ed accademici hanno criticato la posizione del governo messicano di fronte della crisi venezuelana, schiacciata sulla politica interventista USA. Hanno affermato che la solidarietà con i popoli ed il principio di non ingerenza, che hanno caratterizzato la diplomazia messicana per decenni, oggi non esistono e che quanto dichiarato e le azioni del ministro degli Esteri, Luis Videgaray, sulla vicenda, non rappresentano il sentire del popolo messicano.

 

In una dichiarazione hanno aggiunto che un regime come quello di Enrique Peña Nieto, segnato da corruzione, criminalità ed impunità, non ha alcuna qualità morale per presentarsi come un presunto difensore della democrazia e della giustizia. Questa posizione mira ad occultare la grave crisi umanitaria e la sistematica violazione dei diritti umani esistenti nel paese, hanno sottolineato.

 

Raggruppati nel capitolo Messico della Rete di Intellettuali ed Artisti in Difesa dell'Umanità, hanno condannato le aperte minacce del presidente Donald Trump in merito al fatto di non escludere una soluzione militare per il paese sudamericano, poiché violano l'ordine giuridico internazionale e, particolarmente, i principi fondatori dell'Organizzazione delle Nazioni Unite.

 

Hanno anche invitato la comunità internazionale ad aggiungersi al rifiuto di dette minacce e ad essere vigile davanti alle eventuali dirette aggressioni armate, attraverso terzi paesi, o per l'azione, sotto copertura, di gruppi paramilitari così come l'imposizione di sanzioni o blocchi tendenti ad un virtuale isolamento del Venezuela

 

È un imprescindibile dovere che l'America Latina ed i Caraibi si conservino come zona di pace, hanno evidenziato personalità come Pablo Gonzalez Casanova, ex rettore dell'Università Nazionale Autonoma del Messico; Ana Esther Ceceña, Miguel Concha, Catalina Eibenschutz, Margarita Favela, Carlos Fazio, Magdalena Gómez e Nayar López. La dichiarazione è stata anche sottoscritta da collettivi ed organizzazioni sociali, tra cui il Comitato di Solidarietà Monsignor Óscar Arnulfo Romero.

 

Inoltre, hanno respinto le misure coercitive del governo USA.


(Traduzione di Francesco Monterisi*)



*Pubblichiamo su gentile concessione dell'autore

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Camilla e la città di Omelas di Antonio Di Siena Camilla e la città di Omelas

Camilla e la città di Omelas

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti