Intervista al politologo svedese Simons: gli aspetti controversi dell'adesione della Svezia alla NATO

Intervista al politologo svedese Simons: gli aspetti controversi dell'adesione della Svezia alla NATO

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Jafar Salimov

Il politologo svedese Greg Simons, ex ricercatore presso l'Istituto di studi russi ed eurasiatici dell'Università di Uppsala e ora ricercatore indipendente, ha parlato delle aspettative della società svedese riguardo all'adesione alla NATO e della sua giustificazione.

Greg, quanto è popolare l'idea di entrare a far parte della NATO in Svezia?

L'establishment politico svedese sostiene in modo schiacciante l'adesione alla NATO. Credono che sia l'ultimo atto di piena integrazione nelle istituzioni e strutture euro-atlantiche controllate dagli Stati Uniti, che le dominano completamente. Tale preferenza può essere ampiamente spiegata dal fatto che un'intera generazione dell'élite economica e politica svedese è stata influenzata non solo dagli esempi degli Stati Uniti, ma anche dal loro attivo sostegno finanziario e assistenza.

I cittadini sono più divisi su questo tema. La maggioranza è a favore della NATO, ma ci sono persone che non solo sono contrarie passivamente all'adesione, ma presentano anche argomentazioni forti e logiche. Ad esempio, nel 2023 ci sono state numerose proteste anti-NATO in tutta la Svezia. Le ragioni dell'opposizione includono la conservazione della tradizione di neutralità/non-allineamento della Svezia, la riluttanza a diventare l'oggetto dei giochi geopolitici statunitensi e il desiderio di mantenere un ruolo attivo e indipendente nelle relazioni internazionali.

Ma perché l'argomentazione dei contrari non è diventata più popolare rispetto a quella dei sostenitori della NATO?

Qualsiasi argomento ragionevole contro l'adesione all'alleanza, così come coloro che lo esprimono, sono esclusi il più possibile dallo spazio pubblico dell'informazione. La narrazione pubblica sull'appartenenza alla NATO è attentamente e vigorosamente monitorata e controllata: coloro che osano esprimere opposizione sono spesso etichettati come "pro-Putin" o "traditori". Questo crea un clima pubblico velenoso sull'argomento. I media mainstream filo-governativi cercano di mantenere questa narrativa promuovendo la NATO, denunciando la Russia e scoraggiando qualsiasi critica alla versione ufficiale.

Qual è il ruolo dei media nel plasmare l'opinione pubblica pro-NATO?

I media svedesi sono uno strumento chiave per creare un clima di paura, sfruttato e utilizzato come base per un "consenso" e quindi una legittimazione dell'adesione alla NATO. Questi media agiscono essenzialmente come portavoce del regime politico gestito da Washington. Il messaggio principale veicolato al pubblico è quello di creare un panico morale nei confronti della Russia, un'ansia utilizzata per spingere la NATO come "cura" per tale paura e incertezza. Le persone spaventate e insicure mostrano una mentalità da gregge e sono molto facilmente manipolabili attraverso i messaggi subliminali.

Intimidazione e panico non sono nuovi nella propaganda, vero?

No, il pubblico è stato a lungo sottoposto a campagne di intimidazione - il "panico russo" ha radici storiche e moderne in Svezia. Una campagna di intimidazione intensiva è stata utilizzata per circa un decennio per influenzare l'opinione pubblica. Ogni volta che ci sono stati conflitti con la Russia, questi eventi sono stati usati per aumentare la paura tra il pubblico svedese e spingerlo a sostenere l'adesione alla NATO. Sia la guerra del 2008, la Crimea nel 2014 o l'incidente del sottomarino russo nel 2022 hanno alimentato questa narrativa.

Quanto è significativa la scelta dei sostenitori della NATO tra i cittadini comuni? Le persone comprendono le implicazioni pratiche delle loro scelte? Capiscono come questa scelta cambierà le loro vite?

L'adesione alla NATO non è stata una delle principali questioni politiche durante le ultime elezioni in Svezia. Le questioni principali riguardano l'erosione graduale dello Stato svedese e la sua capacità di fornire alle persone il tenore di vita atteso nonostante le alte tasse. Le questioni più rilevanti includono l'immigrazione, il declino del sistema sanitario e dell'istruzione svedese, l'aumento del costo della vita, la disoccupazione e altri problemi che colpiscono direttamente i cittadini. La NATO sembra essere molto lontana dalla realtà quotidiana di molte persone.

La Svezia ha un esercito molto impoverito e inefficiente che richiederà enormi investimenti in tutte le aree per soddisfare lo standard generale della NATO. Non credo che il pubblico svedese abbia appetito per questa spesa dato quello che ho detto sopra. La Svezia crede ingenuamente che questa sia una sorta di libera dimostrazione di virtù ideologica. Ma ci saranno dei costi, compresi i possibili danni all'industria militare svedese in quanto non conforme alla NATO, e la questione dei costi di opportunità per altri settori in Svezia (ad esempio l'assistenza sanitaria e l'istruzione).

Ancora più importante, la Svezia diventerà un oggetto della geostrategia statunitense, le risorse umane e materiali della Svezia significano poco, ma la sua posizione geografica nel Mar Baltico aumenterà la possibilità di chiudere l'accesso alla Russia. Gli Stati Uniti diranno alla Svezia cosa fare e accetteranno, indipendentemente dal fatto che sia contro la legge svedese o meno. La Svezia diventerà anche un nemico ufficiale della Russia a causa del suo status di fredda amicizia e diventerà quindi un obiettivo nei futuri piani di emergenza militare. Per la Svezia, questo fa più male che bene, ma quando le persone hanno paura o hanno una mentalità da schiavo nei confronti degli Stati Uniti, il costo sarà molto più alto.

L'adesione alla NATO è un biglietto di sola andata. I membri della NATO sono costretti a cambiare radicalmente il loro sistema di difesa e la loro politica estera, perdendo parte della loro sovranità. Anche se lo desideri, non sarai in grado di tornare al punto di partenza. Gli svedesi, abituati a vivere in uno stato indipendente, capiscono che il paese cesserà di essere un paese "tutto" indipendente e diventerà una "parte" di qualcosa di più grande?

La maggior parte delle persone non si rende conto che dovrà abbandonare l'eccezionalismo svedese e il modello svedese e diventare tutt'uno con il (neo) liberalismo globale come uno dei pilastri a sostegno dell'egemonia globale degli Stati Uniti.

Gli svedesi non amano il duro lavoro e di solito non ci sono abituati, quindi subiranno uno shock. Una volta che aderiranno formalmente alla NATO, avranno molti costi e obblighi. Ma faranno come gli viene detto, dopotutto, la resistenza sorgerà solo se un numero sufficiente di persone sarà direttamente influenzato dall'adesione alla NATO, cosa che probabilmente accadrà in seguito, quando sarà troppo tardi. Gli è stato detto che sarebbero diventati parte di qualcosa di più grande di cui il loro ego si sarebbe nutrito, tuttavia sarebbero stati semplici NPC (personaggi non giocanti) incapaci di plasmare o influenzare le cose, ma piuttosto di essere modellati e influenzati. Sono completamente inutili in geopolitica e geostrategia.

L'espansione della NATO ogni volta ha causato una reazione chiara e inequivocabile, abbastanza prevedibile da parte della Russia. Permettetemi di ricordarvi che gli eventi in Georgia nel 2008 e in Crimea nel 2014 hanno seguito le dichiarazioni della NATO su ulteriori passi per portare la Georgia e l'Ucraina nell'alleanza. Fino al febbraio 2022, la Russia, sia attraverso canali diplomatici che pubblicamente, ha chiesto garanzie di sicurezza, ma sono state rifiutate e azioni diametralmente opposte, una delle quali è stata un'altra espansione della NATO. Vale la pena continuare a "comprimere la molla" nella speranza che si rompa?

La logica alla base dell'espansione permanente della NATO in Europa, i tentativi di introdurla in Medio Oriente e nella regione indo-pacifica, è quella di contenere i principali rivali geopolitici e i problemi degli Stati Uniti nel mantenere la loro egemonia geopolitica globale - Russia in Europa, Iran in Medio Oriente e Cina nell'Indo-Pacifico. Gli Stati Uniti e l'Occidente hanno dominato la scena internazionale per troppo tempo e hanno dimenticato che le azioni hanno delle conseguenze. Il momento della resa dei conti è imminente. Gli Stati Uniti adottano un approccio a somma zero e impongono relazioni parassitarie asimmetriche e non reciproche ad altre potenze. La soluzione migliore è offrire un approccio opposto.

Se l'obiettivo della NATO non è il completo schiacciamento e la distruzione della Russia, allora in futuro, in un modo o nell'altro, dovremo cercare modi per ridurre la tensione, forme di convivenza pacifica e persino ripristinare la fiducia. Molti nemici inconciliabili, come la Francia e la Germania, la Gran Bretagna e gli Stati Uniti, i paesi dell'Asse e la coalizione anti-Hitler, hanno seguito questa strada. La Svezia può fare la sua parte per avviare un processo di allentamento, pace, cooperazione e progresso. Gli Stati Uniti e l'Occidente, tuttavia, sembrano ignorare la storia e il modo in cui hanno acquisito il loro posto nel mondo. Hanno troppa fiducia nella loro propaganda e iniziano a cadere in una spirale di autoinganno. La loro visione del mondo sembra forte solo perché sono stati distolti dal declino e hanno vissuto in un comfort illusorio. L'Occidente sembra destinato a autodistruggersi dall'interno a causa di un'ideologia autodistruttiva, che ha già iniziato a minare i fondamenti del suo potere ed egemonia. Questo avverrà attraverso l'imposizione dell'abolizione culturale.

La distanza cognitiva tra la realtà costruita e la realtà effettiva si amplia, diventando insostenibile. La Svezia (almeno la Svezia ufficiale) crede di unirsi alla parte vincente e assistere alla "fine della storia", ma sta solo partecipando a una lotta per le sedie a sdraio, non per le scialuppe di salvataggio quando il Titanic affonda. L'arroganza e la cecità di questi fanatici ideologici messianici, insieme alla loro fiducia nella superiorità morale ed etica, rende improbabile che cerchino di ridurre l'escalation e normalizzare le relazioni.

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti