Israele in allerta per i 150.000 missili "pericolosi" di Hezbollah

Israele in allerta per i 150.000 missili "pericolosi" di Hezbollah

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

"Il nemico più pericoloso di Israele ai nostri confini è Hezbollah [Movimento di resistenza islamica libanese], che possiede un arsenale da 120.000 a 150.000 missili precisi e razzi e può lanciare centinaia di missili e razzi ogni giorno contro Israele, obiettivi civili e militari" neii territori occupati , si legge in un editoriale pubblicato ieri dal quotidiano israeliano The Jerusalem Post .

Come si avverte il rapporto, qualsiasi attacco di Hezbollah potrebbe interrompere infrastrutture vitali come elettricità, acqua e comunicazioni, oltre a causare danni agli aeroporti civili e militari e alla popolazione civile.

Tutto sommato, la nota esorta il regime israeliano ad armarsi di un gran numero di missili terra-superficie accurati, per far fronte ai missili "pericolosi" del movimento libanese.

Israele teme di essere abbandonato dagli Stati Uniti

L'autore del testo, inoltre, esprime il timore che gli USA lascino Israele al proprio destino e che il regime dovrà operare su quattro o cinque fronti contemporaneamente, ovvero: Iran, Hezbollah, Movimento di resistenza islamica della Palestina (HAMAS), l'intifada (rivolta) in Giudea e Samaria e gli arabi israeliani.

Hezbollah si è ripetutamente dichiarato pronto per un “confronto aperto” con il regime israeliano  mentre entrambe le parti sono impegnate in alti livelli di tensione.

Da parte loro, i funzionari israeliani continuano ad avvertire che la principale minaccia rappresentata da Hezbollah è il suo arsenale missilistico, anche se l'esercito israeliano crede che la prossima guerra vedrà un tentativo di portare la battaglia sul fronte interno, infiltrandosi nelle comunità israeliane. danni al regime di Tel Aviv.

In effetti, un altro rapporto pubblicato all'inizio di gennaio dal The Jerusalem Post  afferma che la "vera minaccia" per Israele proviene dall'unità d'élite di Hezbollah, che si chiama unità "Radwan".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti